Italia va in guerra in Libia: navi sotto la minaccia dei bombardamenti

Ghedafi non andava bene, ora c’è la democrazia in Libia no?

I taxi Soros italianiROMA (WSI)Mentre il Parlamento ha dato il via libera alla missione di supporto navale in Libia, il generale Kalifa Haftar, l’uomo forte del governo di Tobruk minaccia l’Italia.
A Roma la Camera ha votato a favore della missione con 328 sì e 113 no così al Senato con 191 sì e 47 no e il Pd ha ottenuto l’appoggio di Forza Italia. A votare contro la lega Nord  e il Movimento Cinque Stelle. Astenuti Fratelli d’Italia che tramite Giorgia Meloni parlano di un timido intervento additando il nostro paese come il campo profughi d’Europa.
“I francesi si beccano il petrolio mentre l’Italia i barconi”.
E’ il duro commento di Alessandro Di Battista in merito alla situazione libica, tutto questo mentre da Tripoli arriva una minaccia chiara e precisa diretta alò nostro paese.
 
“Bombardate le navi italiane” avrebbe detto il generale Kalifa Haftar suoi uomini come riporta l’emittente panaraba Al Arabiya. Una dichiarazione che segue di poche ore quella espressa nel parlamento di Tobruk contro l’operazione navale italiana accusando il premier di Tripoli, Fayez Sarraj di aver concluso l’accordo con l’Italia portando navi straniere, il che rappresenterebbe una “violazione della sovranità nazionale” libica.
 
Ma Roma minimizza e il premier Paolo Gentiloni sottolinea l’importanza della missione:
Sappiamo tutti quanto i cittadini italiani si attendano risultati nella lotta dei trafficanti di esseri umani e nel controllo sui flussi migratori irregolari. Il contributo delle forze armate in questa direzione è assolutamente strategico e determinante: questa non è certo una missione aggressiva ma di sostegno alla fragile sovranità di quel Paese”.
3 agosto 2017, di Alessandra Caparello
Libia, la svolta anti scafisti di Sarraj: “Pronti a bombardare le loro navi”
La mossa del premier è un messaggio all’Ue: disposti a misure estreme. Il governo minacciato dall’avanzata di Ghwell. Oggi Minniti a Tripoli
 
Migranti soccorsi in Libia dall’intervento della Guardia costiera
Pubblicato il 13/07/2017
Usare l’aviazione contro «l’emigrazione illegale». Cioè bombardare le navi degli scafisti che partono dalle coste libiche dirette verso l’Italia. Non è una provocazione ma un ordine diretto del premier Fayez al-Sarraj alle sue forze armate. Un’accelerazione improvvisa nella lotta ai trafficanti di uomini arrivata alla vigilia delle visita del ministro dell’Interno Minniti, atteso oggi a Tripoli per una missione che ha come scopo principale frenare l’afflusso dei migranti dalle frontiere meridionali della Libia. Minniti – che ieri è stato a Berlino dove ha incontrato l’omologo Thomas De Maiziere – vedrà oggi 13 sindaci del Sud della Libia per convincerli a mobilitarsi contro i trafficanti di uomini.
 
Il primo ministro riconosciuto dall’Onu, e che ha nell’Italia il suo principale alleato, cerca così di dare il suo contributo in un momento difficile per Roma, che si è ritrovata sola in Europa di fronte a una crisi epocale. Al-Sarraj, anche capo supremo delle Forze armate, chiede l’uso delle forze aeree contro «l’emigrazione illegale» e il «contrabbando di carburanti», una piaga che crea malcontento fra la popolazione. Ma questo è il «messaggio interno». Quello all’esterno è rivolto all’Italia e all’Europa: siamo pronti anche a misure estreme.
 
Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ha invece invocato l’aiuto della Guardia costiera libica per fermare le partenze: «Dobbiamo assolutamente bloccarle utilizzando tutti gli strumenti che abbiamo. Attraverso i satelliti si vede esattamente quali barche stanno caricando le persone e, con l’impegno della Guardia Costiera Libica, si può bloccare la partenza degli immigrati». Sul piano pratico è difficile capire come funzionerà il piano di Al-Sarraj. Affondare imbarcazioni con i cacciabombardieri non è un’operazione chirurgica. Il rischio di fare un massacro è alto. Il governo Al-Sarraj poi non dispone di una «sua» aviazione. Sono le milizie di Misurata ad avere a disposizione alcuni Mig-23, che sono stati usati nella battaglia di Sirte contro l’Isis. Non sono però dotati di bombe di precisione a guida laser, un’altra controindicazione.
 
A naso l’ordine sembra più una mossa propagandistica. Al-Sarraj ha un grosso debito di riconoscenza nei confronti dell’Italia. La base di Abu Sitta, dove di solito risiede a Tripoli, è protetta dalle nostre forze speciali. I militari della Folgore sono a guardia dell’ospedale da campo di Misurata, che ha curato i feriti nei combattimenti a Sirte ed è un importante presidio a protezione anche della capitale. Il premier ne ha più che mai bisogno. L’ex primo ministro islamista Khalifa Ghwell ha orchestrato da Khoms, a metà strada fra Misurata e Tripoli, una massiccia offensiva. Oltre ai suoi uomini, partecipano la milizia Samoud del colonnello Sala Al-Badi, comandante dell’operazione «Alba Libica», e miliziani affiliati alle Benghazi Defence Brigades, un cartello di gruppi islamisti in prima linea nella lotta contro il generale Khalifa Haftar in Cirenaica. Segno che il fronte di Ghwell si è ancor più radicalizzato.
 
L’assalto di Ghwell è stato fermato ieri dopo una battaglia di tre giorni a Garabulli, conosciuta anche come Castelverde, 60 chilometri a Est di Tripoli. Le forze islamiste si sono dovuto ritirare, dopo aver subito la perdita di quattro uomini, più altri 21 feriti. Ma hanno ripiegato verso Tarhuna, dove si sono di nuovo raggruppate con l’obiettivo di avanzare verso Tripoli da Sud. Fonti locali parlano di «500 veicoli armati» coinvolti. A sbrogliare la situazione è intervenuta la Brigata Tripoli, la più potente milizia alleata di Al-Sarraj, che ha «ripreso il controllo di tutte le vie di comunicazione» attorno a Garabulli. Al-Sarraj si è anche consultato con il consigliere militare speciale dell’Onu, Paolo Serra. Il generale ha invitato a mettere in primo piano «la salvaguardia dei civili» e l’instaurazione di «un cessate-il-fuoco». Ma non è quella l’aria che tira, quanto piuttosto di una resa dei conti fra Ghwell e Al-Serraj.

E Adesso Si Scopre che I Porti l’Italia li Poteva Chiudere

navi Ong davanti Libia
E Adesso Si Scopre che I Porti l’Italia li Poteva Chiudere
 
Italia sempre più ridicola, fa la letterina all’Unione Europea in cui “avvisa” che “potrebbe (perfino) essere costretta” a chiudere i porti alle navi delle OnG battenti bandiera straniera per ragioni di “sicurezza nazionale”.
 
da Corriere della Sera
L’ultimatum è arrivato dopo un flusso di sbarchi annunciati senza precedenti: 12 mila migranti in poco più di 48 ore, da 22 navi. «L’Italia potrebbe essere costretta a bloccare i porti alle navi di Ong per ragioni di sicurezza nazionale», ha detto ieri Maurizio Massari, ambasciatore dell’Italia presso la Ue, al commissario europeo degli Affari interni Dimitri Avramopoulos. Un’ondata mai vista, per gestire la quale il ministro dell’Interno Marco Minniti l’altro giorno ha sospeso il suo viaggio negli Stati Uniti. …
 
Quindi si poteva ma si è aspettato un pochino tanto per vedere l’effetto che faceva? Ma non eravamo “costretti” dal diritto euorpeo/internazionale e dai marziani?
 
Ovviamente la “letterina italiana” la gran cagnara mediatica è solo un caso che arrivino dopo la batosta clamorosa del PD e di Renzi alle amministrative perse soprattutto su questo specifico tema (tipo Sesto San Giovanni la Stalingrado Rossa caduta dopo 72 anni di comunismo per una Moschea).
 
Vi faccio una facile previsione, esattamente come per le banche i giornali italiani ora cominceranno a rassicurarvi tutti, che lo Stato (S maiuscola) ora ci pensa lui ai migranti, le “risorse” ad ogni angolo di strada sono solo illusioni ottiche nelle vostre menti non fateci caso.
 
Siate Consapevoli, Siate Preparati e evacuate al più presto, la campana suona per voi.
Di FunnyKing , il 29 giugno 2017

Ma le ONG si comportavano così?

refugees-welcomeQuesta mattina durante il vertice di Tallin, il ministro Minniti ha illustrato ai propri colleghi europei il nuovo codice di comportamento al quale le ONG che lavorano trasportando i migranti dovranno attenersi, pena la chiusura dei porti per le navi che non rispetteranno le regole. Fatta la debita premessa che nutriamo più di qualche dubbio sulla severità con cui dette norme verranno applicate, soprattutto qualora si faccia leva sull’emergenza umanitaria e la sensibilità popolare, risulta quanto mai interessante prenderne visione….
perché il fatto che siano state emanate dimostra come una cospicua parte delle ONG impegnate nell’operazione fosse solita comportarsi nelle maniere stigmatizzate dal nuovo codice.
Le navi delle Ong non dovranno più entrare nelle acque territoriali libiche, segno che fino ad oggi in tutta evidenza lo facevano.
 
Viene ribadito l’obbligo di non spegnere i transponder a bordo e il divieto di agevolare con l’uso del telefono o delle luci i contatti con gli scafisti, segno che in tutta evidenza questo accadeva.
Puntualizza poi l’obbligo di non effettuare trasbordi su altre navi, italiane o appartenenti a dispositivi internazionali e quello di dichiarare le fonti di finanziamento per la propria attività in mare, dal momento che evidentemente fino ad oggi non è stato così.
 
Viene ribadito l’obbligo di non ostacolare le operazioni della Guardia costiera libica, come evidentemente avveniva regolarmente e infine l’obbligo di trasmettere tutte le informazioni di interesse info-investigativo alle Autorità di Polizia italiane con contestuale consegna, di iniziativa e su richiesta, di ogni oggetto potenzialmente idoneo a costituire prova o evidenza di fatto illecito. Segno che molto spesso i fatti illeciti venivano coperti e le indagini ostacolate.
 
Insomma sotto tutti i punti di vista le ONG fino ad oggi non devono essersi comportate in maniera così adamantina, se perfino la UE (sponsor dell’accoglienza) si è sentita in dovere di emanare un codice che ne regolasse gli “allegri” comportamenti.
 

Le belle storie di integrazione da libro cuore.

Si certo, alcuni comuni  “impiegano” i “richiedenti asilo” (rimangono tali anche dopo che donna picchiata da romla richiesta viene respinta, allora diventano ex aspiranti richiedenti…)  per ridipingere inferriate o tagliare l’erba nei parchi (ma non è dumping sociale), ma poi ci sono questi brutti giornalacci razzisti che si inventano storie di violenza per disseminare odio…..

Roma, massacrata in metro dalla baby rom: rapina choc sulla linea A

Massacrata al volto a colpi di cellulare. Perdeva sangue dal naso e dalla bocca. A salvarla l’intervento del personale della stazione della metropolitana che è intervenuto chiamando l’ambulanza e poi la polizia. Quando la signora Maria Assunta Devoti, 63 anni, è arrivata al pronto soccorso dell’Umberto I era una maschera di sangue. Chi l’ha ridotta così? Una bambina rom. Di appena 9 anni. Una delle tante che fanno il bello e il cattivo tempo nella metropolitana della Capitale pronte a rubare portafogli e cellulari ai passeggeri, ad aggredire chi si ribella o chi interviene. Per lei nessun problema: i poliziotti l’hanno fermata, portata prima al commissariato Trevi e poi accompagnata in un centro di assistenza per minori.
 
INFERNO BARBERINI
 
È successo mercoledì pomeriggio. Nella stazione Barberini della linea A della metro. Una delle preferite dalle bande di baby rom che ogni giorno derubano pendolari e turisti. Sono lì, tutti i giorni, sulla linea A e B e, soprattutto, nelle stazioni più centrali e affollate della linea A. Le preferite sono Termini, Repubblica, Spagna, Colosseo, San Giovanni, San Pietro e appunto Barberini. Conoscono orari, inefficienze e criticità della metro meglio di qualsiasi amministratore delegato dell’Atac. Lavorano in squadra, si coprono, si aiutano, accerchiano le vittime, minacciano chi si intromette.
«Sono le padrone spalanca le braccia una delle guardie giurate in servizio a Barberini Non gli possiamo fare niente noi e nemmeno i militari che sono in stazione. Sono aggressive e sanno di avere l’impunità. E quando chiamiamo polizia e carabinieri dopo poche ore tornano». Proprio la settimana scorsa in un videoreportage del Messaggero.it, gli agenti in borghese della polizia della Capitale hanno fermato sempre alla stazione Barberini tre piccole borseggiatrici. Ma dopo i controlli hanno scoperto che erano state fermate dalla polizia tre ore prima ed erano già tornate in azione sui vagoni.
«Rubano in continuazione racconta un altro vigilante Tra quelli che abbandonano sulle scale mobili e quelli che ritrovano i passeggeri certi giorni arriviamo a raccogliere anche 15 portafogli. E chissà quanti altri ne portano via o buttano nei cestini dei rifiuti qui fuori».
Il coordinatore romano di Forza Italia, Davide Bordoni, ha chiesto al prefetto di convocare un comitato per l’ordine e la sicurezza per affrontare questo scandalo sotto gli occhi di tutti. Ma è rimasta lettera morta.
 
LA VIOLENZA
Erano da poche trascorse le 16,30 quando Maria Assunta è scesa alla stazione della metro Barberini. Quando arriva sulla banchina per prendere il treno verso casa viene subito accerchiata da un gruppo di baby rom. La donna non si lascia intimorire, si fa largo e si allontana sulla banchina urlando di lasciarla in pace. Ma la banda la prende di mira. Le piccole le si riavvicinano e quando la donna cerca di divincolarsi la più piccola le salta addosso e, secondo la ricostruzione degli agenti del commissariato Trevi, la colpisce al volto con un telefono cellulare. Una scarica veloce e violenta. La donna cade a terra in un lago di sangue.
I SOCCORSI
I primi ad intervenire sono i vigilantes. La banda di baby rom riesce a far perdere le sue tracce, tranne la ragazzina di 9 anni che viene fermata. Le guardie giurate chiamano il 118 e la polizia. L’ambulanza trasporta la vittima al pronto soccorso dell’Umberto I. Gli agenti, invece, prendono in consegna la baby rom: difficile stabilirne l’identità (anche perché le piccole si guardano bene dal rivelarla altrimenti viene denunciato il genitore per omesso controllo). Così alla polizia non resta altro che accompagnarla in un centro per l’accoglienza. Strutture dalle quali le piccole nomadi scappano quasi sempre dopo poche ore. Per tornare il giorno in azione arricchendo le loro tasche e distruggendo, furto dopo furto, l’immagine della Capitale.
di Davide Desario
Venerdì 14 Luglio 2017 – Ultimo aggiornamento: 19:26
Aggredito in treno un altro controllore
Sulla Pavia-Mortara è stato accerchiato e spintonato da dieci stranieri senza biglietto. I carabinieri ne hanno fermati sei
leggi anche:
Il capotreno accoltellato a Lodi è di Casatisma, dopo il ricovero è in convalescenza Il sindacato: «Volevano ucciderlo, l’azienda intervenga prima che accada di nuovo»
PAVIA. Ennesima aggressione al personale ferroviario. Dopo il ferimento del capotreno a Lodi, sabato sera un controllore di Trenord è stato accerchiato da una decina di immigrati che viaggiavano sul Pavia-Mortara ma senza biglietto. L’uomo è stato accerchiato e spintonato ma l’intervento di una guardia giurata (uno dei pochi viaggiatori sul treno in quel momento) ha evitato conseguenze peggiori. Sono stati avvisati i carabinieri della stazione di Garlasco che, una volta arrivati in stazione insieme ai colleghi del radiomobile di Vigevano, hanno cercato di bloccare gli immigrati senza biglietto.
 
Sei sono stati identificati e denunciati. Il dipendente di Trenord non ha riportato ferite ma ha sporto ugualmente denuncia dai carabinieri.
 
L’aggressione è avvenuta sabato sera su un convoglio della linea Mortara-Pavia partito da Mortara alle 20.38. A quell’ora sul treno c’erano pochissimi passeggeri. In una carrozza, sembra l’ultima, si sono seduti dieci immigrati e il controllore è passato quasi subito a chiedere i biglietti. Ovviamente si è rivolto anche al gruppetto di extracomunitari. «Non abbiamo niente», ha risposto uno dei ragazzi, “quasi infastidito” racconta la guardia. Il controllore ha spiegato che avrebbero dovuto pagare altrimenti sarebbero dovuti scendere alla fermata successiva.
Nessuna corsa dalle 9 alle 17, salvi i convogli nelle fasce dei pendolari. I sindacati: «L’azienda garantisca la sicurezza»
 
Ecco il racconto della guardia giurata intervenuta a difesa del personale ferroviario. «A Mortara sono saliti dieci stranieri – racconta Emanuele Musumeci, pendolare e dipendente della Due Emme security – che si sono seduti nell’ultima carrozza. Il capotreno ha chiesto i biglietti ma loro erano senza. Gli ha detto di pagare subito oppure di scendere e così loro hanno iniziato ad urlare, accerchiandolo. Aggressione verbale ma c’è stato anche qualche spintone. Vista la situazione siamo andati nella carrozza del macchinista e da lì abbiamo chiamato il 112 che ha mandato un equipaggio radiomobile a Garlasco, dove i carabinieri sono saliti e hanno identificato gli stranieri. Il problema è che il personale ferroviario è sempre più ridotto e anche la Polfer non può essere da tutte le parti. E la sicurezza non è più garantita».
di Adriano Agatti  – 24 luglio 2017
 
(ha collaborato Selvaggia Bovani)
Paura ad Aversa, tentano di rapinare una donna incinta ma vengono massacrati di botte

di Ivan Marino20071028 - ROMA - CRO - RISSA TRA ANTIFRANCHISTI E FEDELI USCITI DA CHIESA S. EUGENIO - Un momento della rissa scoppiata tra gli antifranchisti che manifestavano contro la beatificazione dei 498 martiri del XX secolo in Spagna, cerimonia in corso stamane al Vaticano, e i fedeli che uscivano al termine della messa dalla Chiesa di S. Eugenio in viale delle Belle Arti a Roma. MAURIZIO BRAMBATTI/ANSA/BT / KLD

 
 
CASERTANO. Tentato di rapinare due donne, di cui una incinta al settimo mese, ma vengono messi in fuga da un passante, maestro di arti marziali e lottatore professionista di MMA. E’ successo mercoledì notte, in via Diaz, a pochi passi dalla stazione di Aversa. I due si sono avvicinati, chiedendo una sigaretta, poi, dietro la minaccia di un taglierino, hanno cercato di portare via la borsa. Solo l’immediata reazione della donna ha impedito ai ladri di sottrarla, A quel punto sono subito intervenuti alcuni presenti, ed il maestro di arti marziali che li ha atterrati e immobilizzati, dopo una fuga ed una colluttazione. La polizia, giunta sul posto, ha stretto le manette attorno ai polsi di Adrraman Malq, 39 anni e Racnide Attebsi di 36, condotti in commissariato per l’identificazione e poi in ospedale per essere medicati.
stesso trattamento anche per gli italiani vero?

Obbligo di firma per i nigeriani della violenta rissa in Campo Marzo
Processo per direttissima stamane in Tribunale a Vicenza per i due nigeriani coinvolti nella violenta rissa di Campo Marzo, finita nel sangue in viale Roma, davanti a decine di passanti, sabato alle 18.30.
Si tratta lo ricordiamo di Joshua Igene, 23 anni, irregolare in Italia dopo che la richiesta di asilo politico gli è stata rifiutata nel 2014 a Cosenza (rigettato pure il ricorso), e del connazionale Agho Saturday Raheen, 36 anni (a sinistra nella foto), che nel 2015 ha ricevuto la protezione sussidaria dalla prefettura di Agrigento.
 
Il giudice ha stabilito l’obbligo di presentazione alla P.G. per entrambi.
 
Igene (a destra) tornerà in ospedale perché non ancora ripresosi dalle ferite riportate (25 giorni di prognosi). Per Raheen invece, vi è l’obbligo di presentarsi a firmare.
 
|24 luglio 2017 – 17.48 VICENZA
Stazione Centrale, aggredisce vigilessa: arrestato e scarcerato
Troppo fresco il precedente di Saidou Mamadou Diallo. Troppo simile la dinamica, per fortuna senza feriti gravi anche stavolta
Milano, 22 luglio 2017 – Troppo fresco il precedente di Saidou Mamadou Diallo. Troppo simile la dinamica, per fortuna senza feriti gravi anche stavolta. Aggiungeteci che il fatto è avvenuto ancora nei pressi della Stazione Centrale, ed ecco che la polemica è servita. Ore 21.20 di giovedì, siamo in piazza Luigi di Savoia, a due passi dal luogo in cui tre giorni prima il 28enne guineano rimpatriato a tempo di record ha tentato di accoltellare un poliziotto delle Volanti. Scoppia una rissa tra gli immigrati che di solito bivaccano da quelle parti, ricostruisce il segretario del Sulpm Daniele Vincini: «Da una parte gli afghani, dall’altra i maghrebini». A un tratto, un ragazzo esce dal gruppo e si dirige verso un ristorante che affaccia sulla piazza: è un afghano di 21 anni, irregolare e senza fissa dimora. Entra nel locale, forse per scappare da qualcuno, e si trova davanti il titolare: neanche il tempo di rendersi conto della situazione che l’uomo si becca un pugno in faccia.
L’afghano esce, inseguito dall’aggredito. La scena si sposta in piazza Duca d’Aosta. Il ragazzo prende due bottiglie e ne rompe il collo su un marciapiedi: ora è armato di due cocci e minaccia i passanti che a quell’ora stanno uscendo dalla Galleria delle Carrozze. Il baccano attira l’attenzione di tre agenti della polizia locale in forza al Nucleo tutela trasporto pubblico (Nttp) in servizio proprio davanti alla Centrale. I ghisa provano a rabbonire l’afghano, ma lui di tutta risposta si avventa su uno di loro, l’unica donna della pattuglia, mirando al volto. La vigilessa riesce a schivare il colpo con uno scatto, consentendo così ai due colleghi di bloccare e ammanettare il 21enne. L’accusa: tentato omicidio.
Accusa che cade la mattina dopo, nell’aula delle direttissime: il giudice la derubrica a minaccia aggravata, disponendo l’immediata scarcerazione. In attesa del processo, che si terrà a ottobre. Sull’afghano, riferisce Vincini, pende pure un ordine di espulsione risalente a un paio d’anni fa. «Prendiamo atto delle decisioni della magistratura – attacca il leader della sigla maggioritaria tra i vigili milanese – ma a questo punto torniamo a chiedere con maggior forza più tutele per gli operatori in strada: la nostra collega ha rischiato di essere ferita gravemente, non è più accettabile una situazione del genere».
di NICOLA PALMA Pubblicato il 22 luglio 2017
Giovane si masturba in spiaggia. Cinque persone contuse per bloccarlo
FERMO – Ne ha combinate di tutti i colori il giovane giamaicano bloccato a Marina Palmense dalla polizia perchè si stava masturbando sulla spiaggia. Il ragazzo si è scagliato contro due agenti e tre addetti alla sicurezza in spiaggia, tutti costretti a ricorrere alle cure mediche. Ma già la sera prima si era reso protagonista anche di una aggressione contro un altro addetto alla sicurezza nei pressi del tendone in prossimità del luogo dove si sta svolgendo il Bababoom Festival.
 
II 113 ha ricevuto una segnalazione di alcuni bagnanti circa la presenza di un giovane intento a masturbarsi sul litorale di Marina Palmense. I poliziotti, arrivati sul posto, hanno notato un giovane di colore che stava scappando inseguito da tre bagnini. Gli agenti sono intervenuti bloccando il ragazzo in fuga che però dava in escandescenza scagliandosi contro le divise. Poi ha cercato nuovamente di darsi alla fuga verso il mare ma è stato di nuovo bloccato dai poliziotti che, nell’occasione hanno riportato delle lesioni.
 
Terminato l’intervento in spiaggia è stato accompagnato in commissariato dove è stato chiamato anche il personale sanitario per via delle condizioni psichiche particolarmente critiche del giovane. Dopo le prime cure e prima di essere accompagnato in ospedale, dove, poi, è stato ricoverato nel reparto psichiatrico, il ragazzo è stato comunque fotosegnalato.  In quella circostanza ha fornito generalità diverse da quelle reali. Infatti, si tratta di un ragazzo nato a Reggio Emilia dove risiede, di cittadinanza giamaicana. Ma già la sera precedente il commissariato è stato interessato da alcune segnalazioni riguardanti un ragazzo che, particolarmente agitato, stava creando fastidio nei pressi del tendone dove si sta svolgendo il Bababoom Festival. Verso le 3.30 gli agenti sono intervenuti sul lungomare di Marina Palmense per sedare una lite. I poliziotti sono stati subito avvicinati dall’addetto alla sicurezza alla manifestazione che ha riferito di essere stato colpito al volto da un giovane di colore.
Sabato 22 Luglio 2017, 18:59 – Ultimo aggiornamento: 23-07-2017 10:05

Osa filmare migrante con smartphone, ucciso a colpi di mannaia

non è un caso importante, la vittima, connazionale dell’assassino omicida, è una vittima di serie B, non vale. Per i politically correct ed il regime del pensiero unico boldriniano non è strumentabile ai fini di lanciare anatemi sul presunto crescente razzismo. Si taccia.
Osa filmare migrante con smartphone, ucciso a colpi di mannaia
19-07-2017
Aveva ripreso un connazionale con lo smartphone senza il suo consenso. E’ per questo motivo che un nigeriano di 21 anni, morto ieri sera durante il trasporto in ospedale, sarebbe stato accoltellato da un 19enne a Terzigno (Napoli) fermato dai carabinieri con l’accusa di omicidio. Tra il 21enne e il suo aggressore, è scoppiata una violenta lite a seguito delle riprese con uno smartphone, da parte della vittima, del connazionale ospite di una struttura ricettiva per richiedenti asilo politico. Il 19enne, infatti, secondo quanto ricostruito dai carabinieri non avrebbe gradito di essere stato ripreso nel video, e avrebbe aggredito la vittima con un coltello da cucina, colpendolo al torace. Il 21enne è morto poco dopo, durante il trasporto all’ospedale di Boscotrecase. Nel corso dei sopralluoghi effettuati dalla sezione scientifica dei carabinieri di Torre Annunziata, i militari hanno anche trovato e sequestrato il coltello usato per l’aggressione.

Milano, Italiano massacrato a colpi di chiave inglese in testa

risorseviolenza? Macché violenza, era un tentativo di fare amicizia. Perché mai parlarne ai tiggi? La vittima? Quale vittima? SILENZIO mediatico su questa violenza, sia mai che la gente “percepisca” che sta società multi kulti non sia questa felice terra promessa. Questo non è mai successo…un invenzione dei giornali razzisti


Milano, Italiano massacrato a colpi di chiave inglese in testa
 
Corso Como: ragazzo preso a calci in faccia e colpito con una chiave inglese sulla testa
Preso a pugni in faccia, colpito con una bottiglia e una chiave inglese in testa e ‘scalciato’ su capo e torace anche quando era a terra. Serata da incubo per un giovane italiano di 20 anni, accerchiato e aggredito da tre malviventi nel pieno della movida milanese: corso Como.
Il pestaggio in corso Como
 
Ad interrompere il pestaggio, attorno alle 3.15 di martedì, ci hanno pensato i carabinieri della Pattuglia mobile di zona della Compagnia Duomo. I militari – due – si sono lanciati all’inseguimento dei tre aggressori, riuscendo a fermarne due. Si tratta di due cittadini marocchini di 19 e 18 anni, già noti alle forze dell’ordine. Il terzo complice è riuscito a fuggire.
La ricostruzione dei carabinieri
 
Stando alla ricostruzione dei carabinieri, la gang aveva aggredito il malcapitato per rapinarlo di uno smartphone Samsung Galaxy S7, recuperato. L’episodio è avvenuto di fronte ad una delle tante discoteche che animano la stradina della movida, quindi c’erano diversi testimoni.
 
Sul posto sono intervenuti anche i soccorritori del 118. Il personale sanitario ha trasportato il 20enne al Policlinico in codice giallo. Il giovane ha riportato diversi traumi al volto e in testa ma non è in gravi condizioni. Ora si indaga per risalire al terzo ‘picchiatore’.
19-07-2017 fonte