ONG, FANNO BUSINESS COI CLANDESTINE E PAGANO MENO TASSE DI UNA SRL

ONG, significa “organizzazione non governativa” e a fronte di enormi sgravi fiscali (ricordo che per tutto il 2015 Medici Senza Frontiere ha pagato meno tasse della mia srl per il solo gennaio 2016), ha la possibilità di operare in diversi stati.
Non ho mai sentito definire da nessuno “multinazionale” una ONG, anche se a tutti gli effetti lo è. Negli ultimi anni ho sempre sentito il termine “migrante” al posto di clandestino, e “organizzazione umanitaria” anziché altre definizioni. Qualche giorno fa, il quotidiano “la Repubblica” (VEDI QUI) ha definito “multinazionale” (termine dispregiativo per i lettori de Repubblica, che non va quindi utilizzato per le altre ONG) la ONG Generazione Identitaria. Cosa prevedono gli accordi internazionali? Che le navi che recuperano naufraghi in mare li consegnino alla sede Frontex più vicina al punto di recupero. Sapete dove si trova la sede Frontex più vicina ad un punto in mare compreso tra le 12 e le 40 miglia dalle coste Libiche? In Libia!
La ONG Generazione Identitaria ha semplicemente intenzione di raccogliere più clandestini possibili per consegnarli al punto sicuro più vicino al punto di recupero. Dato che opererà nelle stesse acque delle altre ONG, sarà appunto la Libia.
Dal dicembre 2016 ci sono le prove che alcune delle 9 ONG attualmente attive nel mediterraneo abbiano rapporti economici con gli scafistiQuasi tutte le ONG hanno legami diretti o indiretti con Soros, tutte hanno legami con la sinistra politica. Da anni è dimostrato che il punto di raccolta in mare dei naufraghi non è mai l’italia, ma che le 9 ONG, al contrario di quanto previsto dagli accordi internazionali, sbarcano i clandestini in italia.
La ONG Generazione Identitaria, che ha il solo scopo di rispettare gli accordi internazionali e non riempire l’europa di barbaciabatte e abbronzati utilizzatori di welfare pagato dagli europei, viene definita da Repubblica “multinazionale di estrema destra”. La presenza di navi che raccattano barbaciabatte da portare in italia ha generato la morte di sempre più persone, lo dimostrano i numeri:
  • Nel 2013 sono sbarcati 42.925 clandestini, 644 morti, 1,48% di partiti mai arrivati.Nel 2014 sono sbarcati 170.100 clandestini, 3.419 vittime, 1,97% dei partiti mai arrivati.Nel 2015 sono sbarcati 153.842 clandestini, 3.771 morti. Il 2,39% dei partiti mai arrivati.Nel 2016 sono sbarcati 181.436 clandestini, 5.022 morti. Il 2,69% dei partiti mai arrivati.
Ogni clandestino genera introiti alleno tax ONG, che li raccolgono e alle centinaia di cooperative e srl nate appositamente per gestirli. Miliardi di euro provenienti dalla criminalità e dalle tasse degli europei (italiani in primis, dato che l’accoglienza durante i due anni necessari per il riconoscimento spetta al paese dove sbarcano), e alla faccia dei morti che, in percentuale, continuano ad aumentare.
Repubblica scrive delle cazzate enormi, ma non mi permetterei mai di censurare un giornale comico simile, ognuno ha il diritto di dire tutte le idiozie che vuole. Censura o non censura, le persone intelligenti si informano, gli utili idioti continuano a leggere Repubblica e roba simile.
 15 luglio 2017 di FAUSTO DEMETRIO

Un contribuente su due dichiara al Fisco meno di 15 mila euro l’anno.

ma come sarà mai possibile? Italiani, tutti ricchi ed evasori. Chi scrive i titoli di sti giornalacci a forza di scrivere le stronzate di regime è convinto che in Italia si percepiscano lauti stipendi, tra voucher e precariato, che vi sia un boom economico che ovviamente caccia via i choosy dal paese perché non vogliono lavorare……banda bassotti

Se abbiamo un tasso di occupazione del 57% (calcolando anche chi lavora un giorno solo con il voucher, chi è in cig etc) va da se che c’è un 43% della forza lavoro che non ha lavoro (ossia niente reddito) o lavora in nero almeno una parte non stimata. Che pensano che gli italiani a 600 euro al mese, a termine o che vengono retribuiti con voucher abbiano tesoretti alle Bahamas?

Il titolo del corriere: Fisco, reddito medio è di 20.690 euro. Non versano l’Irpef più di 12 milioni

Titolo inorridito della busiarda Un contribuente su due dichiara al Fisco meno di 15 mila euro l’anno. Solo il 5,2% supera i 50 mila euro all’anno

Non si possono pubblicare i nomi di quei riccastri che hanno fatto fallire MPS salvata con soldi di tutti i contribuenti ma si deve denigrare chi non dichiara più di 15mila euro l’anno? CHE FORSE NON CI SI ARRIVA A GUADAGNARLI a suon di contratti ad minchiam?

eh certo, che volete dare soldi ai poveri? Roba da schifosi populisti..guai

Dichiarazioni dei redditi, l’anno scorso 438mila italiani hanno dovuto restituire il bonus 80 euro perché troppo poveri
Il dato si ricava dalle tabelle del Tesoro relative ai redditi 2015. In tutto sono stati 1,7 milioni i contribuenti che si sono visti chiedere indietro lo sgravio. E hanno dovuto pagare in un’unica soluzione, visto che non è stata consentita la rateizzazione. Il 45% degli italiani ha dichiarato meno di 15mila euro. Solo 34mila persone hanno attestato di averne portati a casa oltre 300mila
Più di 438mila italiani con redditi molto bassi hanno dovuto restituire allo Stato il bonus di 80 euro ricevuto nel 2015. Perché al momento di compilare la dichiarazione hanno scoperto di aver guadagnato meno di 7.500 euro, troppo poco per averne diritto. E’ quello che emerge dalle tabelle del ministero dell’Economia sulle dichiarazioni dei redditi presentate nel 2016 e relative agli introiti dell’anno prima. Contando anche i contribuenti che hanno superato il tetto massimo dei 26mila euro, le persone a cui lo Stato ha chiesto indietro il bonus Irpef da 80 euro voluto dall’ex premier Matteo Renzi sono state 1,7 milioni. Di questi, 966mila lo hanno reso integralmente e 765mila in parte, facendo tornare nelle casse dell’erario 508 milioni complessivi a fronte dei 9 miliardi spesi.
Lo scorso anno, quando ilfattoquotidiano.it ha fatto emergere questo paradosso e raccontato molte storie di persone che si erano viste costrette a restituire i soldi, le cifre erano più basse perché relative al 2014, quando il bonus – concesso ai contribuenti che guadagnano tra gli 8mila e i 26mila euro – era stato in vigore solo per otto mesi. Avevano quindi dovuto ridarlo 1,4 milioni di persone tra cui 341mila incapienti, cioè appunto coloro che guadagnano talmente poco da non versare l’Irpef perché detrazioni e deduzioni superano l’ammontare dell’imposta che dovrebbero pagare. Va ricordato che i soldi vanno restituiti in un’unica soluzione, perché il governo non ha mai tenuto fede all’impegno di concedere almeno la rateizzazione. Questo nonostante il ministro Pier Carlo Padoan, al culmine delle polemiche sulla beffa del bonus prima versato e poi chiesto indietro, avesse promesso: “Cercheremo modalità per alleviare la restituzione”.
Il 45% dei contribuenti ha dichiarato meno di 15mila euro – Tornando ai dati delle dichiarazioni dei redditi, il 45% dei contribuenti italiani lo scorso anno ha dichiarato al fisco meno di 15mila euro e solo il 5,2% più di 50mila. I fortunati che hanno portato a casa oltre 300mila euro sono stati invece solo 34mila, un misero 0,08% sul totale. Questo, almeno, stando alle dichiarazioni dei redditi presentate nel 2016 e relative agli introiti dell’anno prima. Dai dati diffusi martedì dal Tesoro emerge però che “rispetto all’anno precedente aumenta sia il numero dei soggetti che dichiarano più di 50.000 euro (+65.000) sia l’ammontare dell’Irpef dichiarata (+1,9 miliardi)”. Resta il fatto che i contribuenti nella fascia superiore ai 50mila euro versano ben il 38% dell’imposta totale.
12,2 milioni di italiani non hanno versato l’Irpef – Nel complesso sono stati circa 40,8 milioni i contribuenti che hanno assolto l’obbligo della dichiarazione Irpef nell’anno d’imposta 2015, in aumento dello 0,1% rispetto all’anno precedente. Circa 10 milioni di soggetti hanno un’imposta netta pari a zero, perché guadagnano poco e le detrazioni e deduzioni compensano quello che dovrebbero versare al fisco. Considerando anche i contribuenti la cui Irpef è interamente compensata dal bonus di 80 euro, nel 2015 a non versare l’imposta sono stati 12,2 milioni di italiani.
Metà dei contribuenti ha dichiarato meno di 16.600 euro – Il reddito complessivo totale dichiarato è ammontato a circa 833 miliardi di euro, per un valore medio di 20.690 euro, +1,3% sul 2014. Il reddito del contribuente mediano è stato però di 16.643 euro: vale a dire che la metà dei contribuenti non supera 16.643 euro di reddito complessivo dichiarato. La regione con reddito medio complessivo più elevato è ancora una volta la Lombardia (24.520 euro), seguita dalla Provincia Autonoma di Bolzano (22.860), mentre la Calabria presenta il reddito medio più basso (14.780 euro). Anche nel 2015 il reddito medio nelle regioni del Sud e del Centro è cresciuto meno rispetto alla media nazionale.
Lavoratori autonomi in testa con oltre 38mila euro medi. I dipendenti si fermano a 20mila – I redditi da lavoro dipendente e da pensione rappresentano circa l’82% del reddito complessivo dichiarato. Il reddito medio dichiarato dai lavoratori dipendenti è pari a 20.660 euro, quello dei pensionati a 16.870 euro, in crescita dell’1%. I lavoratori autonomi hanno il reddito medio più elevato, pari a 38.290 euro, mentre il reddito medio dichiarato dagli imprenditori è pari a 19.990 euro. Il Tesoro ribadisce però che “non è possibile dai dati pubblicati comparare il reddito degli imprenditori con quello dei “propri dipendenti””, in quanto “tra gli imprenditori sono compresi coloro che non hanno personale alle loro dipendenze” e svolgono di fatto un’attività autonoma. Il reddito medio da partecipazione in società di persone e assimilate risulta di 17.020 euro. Risultano in crescita, oltre alle pensioni, anche i redditi medi d’impresa (+8,6%), da lavoro autonomo (+7,6%) e da partecipazione (+6,1%), mentre diminuiscono lievemente i redditi medi da lavoro dipendente (-0,2%).
di F. Q. | 28 febbraio 2017

Un contribuente su due dichiara al Fisco meno di 15 mila euro l’anno

ma come sarà mai possibile? Italiani, tutti ricchi ed evasori. Chi scrive i titoli di sti giornalacci a forza di scrivere le stronzate di regime è convinto che in Italia si percepiscano lauti stipendi, tra voucher e precariato, che vi sia un boom economico che ovviamente caccia via i choosy dal paese perché non vogliono lavorare……banda bassotti

Se abbiamo un tasso di occupazione del 57% (calcolando anche chi lavora un giorno solo con il voucher, chi è in cig etc) va da se che c’è un 43% della forza lavoro che non ha lavoro (ossia niente reddito) o lavora in nero almeno una parte non stimata. Che pensano che gli italiani a 600 euro al mese, a termine o che vengono retribuiti con voucher abbiano tesoretti alle Bahamas?

Il titolo del corriere: Fisco, reddito medio è di 20.690 euro. Non versano l’Irpef più di 12 milioni

Titolo inorridito della busiarda Un contribuente su due dichiara al Fisco meno di 15 mila euro l’anno. Solo il 5,2% supera i 50 mila euro all’anno

Non si possono pubblicare i nomi di quei riccastri che hanno fatto fallire MPS salvata con soldi di tutti i contribuenti ma si deve denigrare chi non dichiara più di 15mila euro l’anno? CHE FORSE NON CI SI ARRIVA A GUADAGNARLI a suon di contratti ad minchiam?

eh certo, che volete dare soldi ai poveri? Roba da schifosi populisti..guai

Dichiarazioni dei redditi, l’anno scorso 438mila italiani hanno dovuto restituire il bonus 80 euro perché troppo poveri
Il dato si ricava dalle tabelle del Tesoro relative ai redditi 2015. In tutto sono stati 1,7 milioni i contribuenti che si sono visti chiedere indietro lo sgravio. E hanno dovuto pagare in un’unica soluzione, visto che non è stata consentita la rateizzazione. Il 45% degli italiani ha dichiarato meno di 15mila euro. Solo 34mila persone hanno attestato di averne portati a casa oltre 300mila
Più di 438mila italiani con redditi molto bassi hanno dovuto restituire allo Stato il bonus di 80 euro ricevuto nel 2015. Perché al momento di compilare la dichiarazione hanno scoperto di aver guadagnato meno di 7.500 euro, troppo poco per averne diritto. E’ quello che emerge dalle tabelle del ministero dell’Economia sulle dichiarazioni dei redditi presentate nel 2016 e relative agli introiti dell’anno prima. Contando anche i contribuenti che hanno superato il tetto massimo dei 26mila euro, le persone a cui lo Stato ha chiesto indietro il bonus Irpef da 80 euro voluto dall’ex premier Matteo Renzi sono state 1,7 milioni. Di questi, 966mila lo hanno reso integralmente e 765mila in parte, facendo tornare nelle casse dell’erario 508 milioni complessivi a fronte dei 9 miliardi spesi.
Lo scorso anno, quando ilfattoquotidiano.it ha fatto emergere questo paradosso e raccontato molte storie di persone che si erano viste costrette a restituire i soldi, le cifre erano più basse perché relative al 2014, quando il bonus – concesso ai contribuenti che guadagnano tra gli 8mila e i 26mila euro – era stato in vigore solo per otto mesi. Avevano quindi dovuto ridarlo 1,4 milioni di persone tra cui 341mila incapienti, cioè appunto coloro che guadagnano talmente poco da non versare l’Irpef perché detrazioni e deduzioni superano l’ammontare dell’imposta che dovrebbero pagare. Va ricordato che i soldi vanno restituiti in un’unica soluzione, perché il governo non ha mai tenuto fede all’impegno di concedere almeno la rateizzazione. Questo nonostante il ministro Pier Carlo Padoan, al culmine delle polemiche sulla beffa del bonus prima versato e poi chiesto indietro, avesse promesso: “Cercheremo modalità per alleviare la restituzione”.
Il 45% dei contribuenti ha dichiarato meno di 15mila euro – Tornando ai dati delle dichiarazioni dei redditi, il 45% dei contribuenti italiani lo scorso anno ha dichiarato al fisco meno di 15mila euro e solo il 5,2% più di 50mila. I fortunati che hanno portato a casa oltre 300mila euro sono stati invece solo 34mila, un misero 0,08% sul totale. Questo, almeno, stando alle dichiarazioni dei redditi presentate nel 2016 e relative agli introiti dell’anno prima. Dai dati diffusi martedì dal Tesoro emerge però che “rispetto all’anno precedente aumenta sia il numero dei soggetti che dichiarano più di 50.000 euro (+65.000) sia l’ammontare dell’Irpef dichiarata (+1,9 miliardi)”. Resta il fatto che i contribuenti nella fascia superiore ai 50mila euro versano ben il 38% dell’imposta totale.
12,2 milioni di italiani non hanno versato l’Irpef – Nel complesso sono stati circa 40,8 milioni i contribuenti che hanno assolto l’obbligo della dichiarazione Irpef nell’anno d’imposta 2015, in aumento dello 0,1% rispetto all’anno precedente. Circa 10 milioni di soggetti hanno un’imposta netta pari a zero, perché guadagnano poco e le detrazioni e deduzioni compensano quello che dovrebbero versare al fisco. Considerando anche i contribuenti la cui Irpef è interamente compensata dal bonus di 80 euro, nel 2015 a non versare l’imposta sono stati 12,2 milioni di italiani.
Metà dei contribuenti ha dichiarato meno di 16.600 euro – Il reddito complessivo totale dichiarato è ammontato a circa 833 miliardi di euro, per un valore medio di 20.690 euro, +1,3% sul 2014. Il reddito del contribuente mediano è stato però di 16.643 euro: vale a dire che la metà dei contribuenti non supera 16.643 euro di reddito complessivo dichiarato. La regione con reddito medio complessivo più elevato è ancora una volta la Lombardia (24.520 euro), seguita dalla Provincia Autonoma di Bolzano (22.860), mentre la Calabria presenta il reddito medio più basso (14.780 euro). Anche nel 2015 il reddito medio nelle regioni del Sud e del Centro è cresciuto meno rispetto alla media nazionale.
Lavoratori autonomi in testa con oltre 38mila euro medi. I dipendenti si fermano a 20mila – I redditi da lavoro dipendente e da pensione rappresentano circa l’82% del reddito complessivo dichiarato. Il reddito medio dichiarato dai lavoratori dipendenti è pari a 20.660 euro, quello dei pensionati a 16.870 euro, in crescita dell’1%. I lavoratori autonomi hanno il reddito medio più elevato, pari a 38.290 euro, mentre il reddito medio dichiarato dagli imprenditori è pari a 19.990 euro. Il Tesoro ribadisce però che “non è possibile dai dati pubblicati comparare il reddito degli imprenditori con quello dei “propri dipendenti””, in quanto “tra gli imprenditori sono compresi coloro che non hanno personale alle loro dipendenze” e svolgono di fatto un’attività autonoma. Il reddito medio da partecipazione in società di persone e assimilate risulta di 17.020 euro. Risultano in crescita, oltre alle pensioni, anche i redditi medi d’impresa (+8,6%), da lavoro autonomo (+7,6%) e da partecipazione (+6,1%), mentre diminuiscono lievemente i redditi medi da lavoro dipendente (-0,2%).
di F. Q. | 28 febbraio 2017