Roma, tenta di violentare una donna: poi fugge e molesta i bambini che giocano al parco

violenzadonne675sicuramente è solo per razzismo che le carceri sono piene di questi poveri profughi


E’ sbucato all’improvviso da un anfratto del Parco degli acquedotti, scagliandosi addosso ad una trentacinquenne italiana che, palpeggiando, ha cercato di trascinare tra le vegetazione.
 
La donna peró non si è persa d’animo e dopo essere riuscita a sottrarsi alla violenza, ha chiamato il proprio marito, un agente di polizia locale in forza al Gssu, che a sua volta ha allertato i colleghi. Immediata è scattata la caccia all’uomo da parte dei caschi bianchi romani, coordinati dal vice Comandante del Corpo Lorenzo Botta.
Il maniaco, risultato poi essere un cittadino bengalese di 30 anni è stato rintracciato e sorpreso ancora all’interno del parco, mentre si stava masturbando davanti ai bambini in prossimità dell’area dedicata ai giochi. Alla vista degli agenti il bengalese ha reagito con calci e pugni, tentando di procurasi con violenza la fuga. Arrestato è stato condotto presso le celle di sicurezza, in attesa dell’udienza che si terrà per direttissima, domani mattina presso il Tribunale di Piazzale Clodio.
 
Martedì 2 Gennaio 2018 – Ultimo aggiornamento: 18:00

Entra in ospedale, si traveste da infermiere e cerca di stuprare una donna incinta: somalo arrestato

stuproi difensori delle donne nessuna fiaccolata contro la violenza?


E’ entrato all’ospedale Sant’Eugenio di Roma, ha sottratto da un magazzino un abito verde da infermiere, ed ha tentato di stuprare una donna di 43 anni in sala parto. Autore dell’aggressione Alì Abdella un somalo di 38 anni che è stato arrestato, dalla polizia di stato del commissariato Esposizione, il pomeriggio del 31 dicembre scorso con le accuse di violenza sessuale aggravata e furto. Oggi i giudici della quinta sezione penale di Roma hanno convalidato l’arresto e disposto la misura della custodia cautelare in carcere.
L’uomo, in Italia da 5 anni con permesso di soggiorno ma con diversi precedenti di polizia, ha raggiunto la donna – che era in sala travaglio pronta per il parto – l’ha palpeggiata sulla coscia sinistra e nelle parti intime, e subito dopo si è masturbato davanti a lei. La donna, molto impaurita, ha iniziato ad urlare e fortunatamente in suo soccorso sono intervenuti due infermieri e un medico che hanno avvertito le forze dell’ordine.
 
Il somalo, difeso dall’avvocato Alessia Giordano, ascoltato oggi in aula dai magistrati, alla domanda sul perché fosse al Sant’Eugenio alle 16 del giorno di capodanno ha risposto: «Solo Dio lo sa». La difesa del somalo chiederà la perizia psichiatrica. Il processo è fissato per il prossimo 10 gennaio davanti alla quinta sezione penale di Roma.

Entra in ospedale, si traveste da infermiere e cerca di stuprare una donna incinta: somalo arrestato

stuproi difensori delle donne nessuna fiaccolata contro la violenza?

E’ entrato all’ospedale Sant’Eugenio di Roma, ha sottratto da un magazzino un abito verde da infermiere, ed ha tentato di stuprare una donna di 43 anni in sala parto. Autore dell’aggressione Alì Abdella un somalo di 38 anni che è stato arrestato, dalla polizia di stato del commissariato Esposizione, il pomeriggio del 31 dicembre scorso con le accuse di violenza sessuale aggravata e furto. Oggi i giudici della quinta sezione penale di Roma hanno convalidato l’arresto e disposto la misura della custodia cautelare in carcere.
L’uomo, in Italia da 5 anni con permesso di soggiorno ma con diversi precedenti di polizia, ha raggiunto la donna che era in sala travaglio pronta per il parto – l’ha palpeggiata sulla coscia sinistra e nelle parti intime, e subito dopo si è masturbato davanti a lei. La donna, molto impaurita, ha iniziato ad urlare e fortunatamente in suo soccorso sono intervenuti due infermieri e un medico che hanno avvertito le forze dell’ordine.
 
Il somalo, difeso dall’avvocato Alessia Giordano, ascoltato oggi in aula dai magistrati, alla domanda sul perché fosse al Sant’Eugenio alle 16 del giorno di capodanno ha risposto: «Solo Dio lo sa». La difesa del somalo chiederà la perizia psichiatrica. Il processo è fissato per il prossimo 10 gennaio davanti alla quinta sezione penale di Roma.

Fiaccolata anti violenza nel mirino dell’odio rosso

fiaccolata mirino odio rossochi non è di sinistra non è autorizzato a scendere in piazza, pacificamente, nemmeno se è per richiedere sicurezza contro stupri e violenze sulle donne. Insulti e sputi sono quindi lotta antifascista di grande civiltà, sono violenze poltically correct.

Fiaccolata anti violenza nel mirino dell’odio rosso
Insulti, sputi e sassi contro cittadini e polizia. Milano Sicura: “Il Comune condanni il gesto”
È successo di nuovo. A Milano ormai sembra che qualsiasi manifestazione pubblica, come una fiaccolata in memoria di una donna uccisa barbaramente da uno sbandato, possa riaccendere la miccia dello scontro tra fascisti e antifascisti.
 
Così se in consiglio comunale giovedì si è discussa animatamente, tanto da rimandare il voto, la mozione della sinistra radicale che impegnerebbe il Comune a non concedere suolo pubblico, patrocini e contributi di qualunque natura a chi non rispetta i valori antifascisti della Costituzione, sabato durante la fiaccolata organizzata da un comitato di cittadini per ricordare Marilena Negri, la donna di 67 anni uccisa nelle scorse settimane nel parco di Villa Litta, esponenti della sinistra hanno insultato e aggredito cittadini e poliziotti. Il bilancio della manifestazione è di 4 poliziotti feriti con prognosi di 10 giorni. «Domani andrò a sporgere denuncia» dichiara la presidente dl Comitato Milano Sicura Sabrina Geraci «ci siamo spaventate, non ce l’aspettavamo. Era una manifestazione cittadina, con in testa una quarantina di donne tra cui una incinta, per ricordare la donna uccisa a novembre. Mi spiace solo che sia finita così, avrebbe dovuto essere un corteo pacifico».
 
Alla fine del percorso, che da via Ornato a Niguarda si è snodato fino al parco di Villa Litta ad Affori, a quanto raccontano i partecipanti «una quindicina di esponenti del circolo Anpi del Municipio 8», hanno attaccato le forze dell’ordine che scortavano il corteo con cinghie, sassi e guinzagli. «Quando il corteo era in prossimità del parco i contestatori – racconta un agente – hanno cominciato a lanciarsi contro i nostri scudi, a tirare calci, sassi e a colpirci con le cinghie». «Via i fascisti del quartiere» «Bella ciao!» gli slogan e gli inni cantati dai contestatori che avrebbero insultato i manifestanti durante tutto il tragitto. «Non posso che esprimere una dura condanna per questo grave episodio – commenta ancora Sabrina Geraci -. Non ci sono giustificazioni per accogliere una iniziativa apartitica contro la violenza sulle donne con cori antifascisti pur non essendoci alcun simbolo che richiamasse partiti o, tanto meno, ideologie politiche. Ci sono state anche minacce ed aggressioni che hanno imposto un intervento delle forze dell’ordine, che si sono trovati insultati ed aggrediti. Riteniamo doveroso che, oltre a perseguire i responsabili, ci sia una condanna unanime da parte dei vertici dell’amministrazione». «È davvero incredibile quanto successo ieri sera, dove al termine del corteo indetto dal Comitato Milano Sicura alcuni aderenti ai centri sociali hanno assaltato a colpi di cinghiate i poliziotti e i partecipanti al corteo. Nella Milano di Sala succede ormai di tutto», l’amaro commento di Riccardo De Corato, capogruppo di Fdi in Regione.
Marta BraviLun, 18/12/2017 – 08:23

Prende a bastonate l’amico, poi stupra la sua fidanzata: arrestato 29enne di Turbigo

stuproandava in Francia per cercare una vita migliore anche lui

In manette è finito un ragazzo tunisino di Turbigo. I carabinieri lo hanno fermato in Francia

13 dicembre 2017
Prima ha colpito a bastonate l’amico che gli aveva aperto le porte di casa sua. Poi, minacciandola con un coltello, ha violentato la sua compagna. Quindi, per garantirsi una via di fuga rapida, ha rubato la loro auto ed è espatriato. La sua latitanza, però, è stata interrotta dai carabinieri che lo hanno trovato e fermato.

Un ragazzo di ventinove anni, un tunisino residente a Turbigo, è stato arrestato dai militari di Legnano ad Annecy, in Francia, in esecuzione di mandato di arresto europeo per violenza sessuale, rapina e spaccio di droga emesso dal Tribunale di Busto Arsizio.

Il ventinovenne, stando alle indagini, la notte tra il 21 e il 22 novembre scorsi si sarebbe scagliato contro una coppia di italiani – ventisei anni lui, diciannove lei -, che lo stavano ospitando nel loro appartamento di Turbigo. L’arrestato, dopo aver venduto cocaina al ventiseienne, lo avrebbe preso a bastonate per stordirlo e avrebbe poi abusato della sua compagna, puntandole contro un coltello. Il tutto, hanno ricostruito gli investigatori, mentre nella stanza accanto dormiva un bimbo di un anno e mezzo, figlio delle vittime.

Dopo l’aggressione e lo stupro, il ragazzo avrebbe rubato l’auto della coppia e sarebbe andato in Francia. Lì, in cooperazione con la polizia transalpina, i carabinieri lo hanno arrestato il 23 novembre, mentre dormiva a bordo della macchina rapinata. Il ventinovenne è stato estradato nel pomeriggio di martedì 12 dicembre e portato nel carcere Le Vallette di Torino.
http://www.milanotoday.it/cronaca/violenza-sessuale-turbigo.html

 

stupri quotidiani, è sempre stato così

stupro1anche le donne straniere sono vittime delle risorse. Ma ci vogliono raccontare che è normale una situazione del genere, è sempre stato così, 4 stupri nell’arco di pochi giorni di distanza
 
Asti, si salva dallo stupro chiudendosi in bagno e chiamando la polizia
 
Arrestato un marocchino di 28 anni
 23/12/2017 12:13 CET
Ha tentato di violentare una donna all’interno di un locale etnico di corso Casale, ad Asti, di fronte alla palazzina dove è stata rinchiusa e violentata una trentenne e che nei giorni scorsi è stata sgomberata. L’uomo, di cui al momento non sono state rese note le generalità, è stato arrestato dalla polizia. La donna, dopo esser stata morsa ad una guancia, era riuscita a divincolarsi e a sfuggirgli, chiudendosi nel bagno del locale, dove ha chiamato la polizia.
In manette è finito un marocchino di 28 anni, che nel tentativo di violentare una connazionale di 36 anni l’ha anche morsa ad una guancia. Soccorsa e medicata, la donna sta bene. La polizia sta ricostruendo i momenti dell’aggressione, avvenuta la scorsa notte in un ristorante take away, dove servono kebab. L’uomo è stato rinchiuso nel carcere di Quarto, a disposizione dell’autorità giudiziaria
Stupra una clochard vicino all’aeroporto, arrestato un uomo di 37 anni
Il luogo in cui è avvenuta la violenza, vicino all’aeroporto Cristoforo Colombo di Genova
 
ARTICOLI CORRELATI
Genova – Violenza tra clochard. O meglio: stupro. Un senzatetto romeno di 37 anni ha violentato una donna di 34, pure lei romena e anche lei senzatetto. Lo stupro è avvenuto a Sestri Ponente, vicino all’aeroporto Cristoforo Colombo. Il violentatore è stato arrestato dalla polizia.
La donna, ferita a una gamba, è stata notata a Dinegro da alcuni passanti, che hanno chiamato un’ambulanza. In ospedale, la poveretta ha raccontato la violenza: prima a una pattuglia delle Volanti che si è attivata per individuare il luogo esatto in cui è avvenuto lo stupro. E successivamente, agli investigatori della Squadra Mobile che hanno avviato indagini per identificare e localizzare l’autore dell’aggressione bestiale.
Dal racconto della giovane donna è emerso che aveva conosciuto il connazionale alla Stazione Ferroviaria Santa Maria Novella di Firenze alcuni giorni fa e avevano deciso di andare insieme in Francia. La sera del 19 dicembre, il treno sul quale viaggiavano si era fermato alla stazione ferroviaria di Genova Principe e loro, dopo aver girato per la città, avevano deciso di trascorrere la notte in un riparo di fortuna individuato vicino all’area aeroportuale genovese. Durante la notte, l’uomo ha abusato della donna ferendola anche alle gambe nel tentativo di immobilizzarla. Successivamente, prima di fuggire, lo stupratore le avrebbe sottratto i documenti e il cellulare.
 
La povera donna, con un mezzo pubblico, ha raggiunto Dinegro dov’è stata infine soccorsa. Le indagini della Mobile e la descrizione dettagliata del romeno, ne hanno consentito l’arresto, poche ore dopo in piazza Caricamento, dov’è stato bloccato da un equipaggio delle Volanti.
Addosso aveva anche i documenti della donna che aveva violentato. Accompagnato in questura, è stato arrestato per violenza sessuale e denunciato per lesioni e furto. È stato portato in cella a Pontedecimo. 23 dicembre 2017

Ragazza di Acerra violentata da due marocchini. Ci sono nuovi particolari

stupro acerraa suo dire….praticamente si è inventata lo stupro da come racconta sto pennivendolo. Meglio screditare le vittime di stupro, seminerebbe odio altrimenti. Eppure i medici lo vedono se c’è stato o meno.

Ragazza di Acerra violentata da due marocchini. Ci sono nuovi particolari
Nuovi particolari emergono sulla vicenda della ragazza di Acerra violentata, secondo il suo racconto, da due marocchini. Ecco quali sono.
 
Stando al suo racconto, la ragazza è stata violentata bei pressi della Variante che collega Nola con Villa Literno.Dopo essere stata lasciata dal ragazzo in strada a Castelvolturno. Così si è avviata verso una zona di passaggio dei mezzi pubblici. Come, però, ha poi raccontato alle forze dell’ordine nei pressi della Variante che collega Nola con Villa Literno, di essere stata aggredita e stuprata da due cittadini. A suo dire, di nazionalità marocchina. Dopo aver subito l’abuso, la ragazza ha avuto la forza di rialzarsi e chiedere aiuto. Successivamente è stata soccorsa e trasportata da un’ambulanza all’ospedale Pineta Grande di Castel Volturno per un primo intervento. Poi trasferita al.reparto di ginecologia dell’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta.
 
Ora emergono nuovi particolari su quanto accaduto. La ragazza non sarebbe stata in grado  di comunicare il luogo esatto dello stupro. Quasi sicuramente a causa dello stato di choc in cui versa dopo la violenza subita. Spetta ora alle forze dell’ordine effettuare i riscontri tra il racconto fornito dalla vittima e le analisi cliniche alle quali si è sottoposta. Sulla vicenda c’è il massimo riserbo, trattandosi di una materia molto delicata. Gli investigatori stanno cercando ogni elemento utile per risalire all’identità dei due aggressori. Si lavora anche sulla ricostruzione fornita dalla stessa ragazza.
Di Luigi Lo Regio Il 19 Dic, 2017

Asti, rapita e stuprata per 24 ore: presi due pregiudicati tunisini

1513087388742.jpg--asti__due_tunisini_rapiscono_e_stuprano_una_donna_di_30_anni_per_24_ore__legata_col_filo_del_telefononessuna solidarietà, nessuna manifestazione contro la violenza sulle donne, sarebbe istigare odio xenofobo, la violenza sulle donne è da condannare solo se ad umiliarle sono fidanzati/mariti autoctoni. Tranquilli, è una fake news diffusa dagli xenofobi. Nessuna manifestazione con il motto tolleranza zero si rende necessaria. SHH silenzio.
Asti, rapita e stuprata per 24 ore: presi due pregiudicati tunisini
Rinchiusa in uno scantinato e legata a una brandina col cavo di un telefono. Si è salvata mandando un messaggio a un’amica su WhatsApp: “Mi hanno rapita, aiutatemi”
È l’incubo che ha vissuto una 30enne di Alessandria sequestrata e rinchiusa in uno scantinato ad Asti.
 
La donna è stata liberata dalla polizia grazie a un messaggio che è riuscita a inviare a un’amica su WhatsApp. La 30enne aveva nascosto il cellulare ai suoi aguzzini. Il padre, lo scorso venerdì, ne aveva denunciato la scomparsa e la polizia aveva subito avviato le prime ricerche.
I due tunisini sono stati arrestati. Sequestro di persona, violenza sessuale e lesioni: queste le accuse a vario titolo nei confronti degli aguzzini, pregiudicati con precedenti per spaccio di droga. È probabile che la vittima avesse frequentato i due nel suo passato da tossicodipendente. Un terzo tunisino è indagato per concorso in sequestro.
Marianna Di Piazza – Mar, 12/12/2017 – 14:31

Marsiglia, invoca Allah e accoltella a morte due ragazze. Ucciso dalla polizia

francia ragazze accoltellatenon è vero. E’ solo una percezione, questo femminicidio non è mai avvenuto, è un racconto distorto dei populisti anti immigrazione

(Reuters) – Un uomo è stato ucciso nella stazione Saint-Charles a Marsiglia dopo aver attaccato alcuni passanti con un coltello. Lo riferisce France Info che cita la procura antiterrorismo. Secondo Le Figaro, due persone sono rimaste ferite gravemente in un primo momento ma subito dopo dichiarate morte. Le due vittime sono due donne: secondo Bfm-Tv, una è stata sgozzata l’altra pugnalata al torace. Le due ragazze avevano 17 e 20 anni.
 
L’assalitore gridava Allah u Akbar. Si tratta di un uomo di circa 30 anni noto alla polizia per precedenti reati di diritto comune come scippi e traffico di stupefacenti. Non risulta che sia stato schedato come potenziale terrorista o radicalizzato, anche se la sua pericolosità è dimostrata dal fatto che fosse stato individuato con 7 identità diverse in vari paesi del Maghreb.
Nelle riprese video della stazione di Marsiglia, si apprende, l’uomo appare seduto, fermo su una panchina. Poi, lo si vede alzarsi all’improvviso e passare all’azione. Secondo alcune testimonianze raccolte, l’uomo ha colpito con un grosso coltello, ma addosso la polizia gliene hatrovato un secondo. La stazione di Saint-Charles è stata evacuata dopo l’attacco. La Sncf, società delle ferrovie francesi, ha annunciato su twitter che il traffico in entrata e uscita dalla stazione «è interrotto». Secondo quanto si apprende, l’antiterrorismo indaga sull’ipotesi di “omicidio a scopo terroristico, tentato omicidio di pubblico ufficiale, associazione per delinquere”.
Dal 2015 è sttao raggiunto un totale di 239 persone uccise in Francia dai jihadisti, secondo il conto tenuto dall’Associated France press.
Il presidente francese, Emmanuel Macron, si è detto «“profondamente indignato per l’atto barbaro” di oggi alla stazione di Marsiglia, dove due ragazze sono state uccise da un attentatore. In un tweet sul suo account ufficiale, il presidente si dice vicino alle famiglie e rende omaggio “ai militari di Sentinelle
e ai poliziotti che hanno reagito con sangue freddo ed efficacia».
 
«Rabbia e tristezza per le vittime. Sostegno ai militari e ai poliziotti di Sentinelle che ci proteggono. Noi non abbassiamo la guardia”. Questo il tweet postato dal primo ministro, Edouard Philippe, oggi pomeriggio dopo l’attentato di Marsiglia. «Marsiglia: dopo l’attacco compiuto vicino alla stazione Saint-Charles, mi reco immediatamente sul posto», aveva in precedenza annunciato su Twitter il ministro dell’Interno francese, Gérard Collomb.

Chaouki, figuraccia: l’icona dei diritti ai migranti non paga i contributi all’assistente

chaoukiL’assistente è una donna, magari non è dovuto secondo certe culture, per fortuna che la Boschi lotta per la parità di stipendio tra calciatori e calciatrici. Il deputato Chaouki si batte per i diritti dei migranti, mica delle donne.

Diritti un tanto al chilo. Roba da non farsi vedere in giro per Chaouki. Ma come. È il paladino dei diritti ai musulmani, l’icona dell’accoglienza. Si batte per l’equiparazione dei diritti tra italiani e stranieri e il Pd lo manda nei talk-show per questo. Lui entra in rotta di collisione con tutti con il suo buonismo che cozza contra le più elementari ragioni di buon senso. Diritti? ma quali diritti? Per gli immigrati, certo, ma per la sua ssistente parlamentare no.  Figuraccia del deputato Pd, Khalid Chaouki, che da cinque anni non versa un euro di contributi alla sua assistente parlamentare, totalizzando la cifra di 12.500 euro. I diritti per Chaouki vanno a corrente alternata. La doppia morale personificata. L’ipocrisia allo stato puro.
Chaouki ha pure il coraggio di scioperare per lo Ius soli
Secondo Il Fatto Quotidiano che ha reso nota l’imbarazzante e squallida vicenda, Chaouki – che tra l’altro mantiene le questioni di forma aderendo allo sciopero della fame per lo Ius soli – appena eletto ha assunto una collaboratrice parlamentare. E nonostante le ripetute richieste di regolarizzazione, per cinque anni non ha pagato niente alla previdenza. È stato allora trascinato in tribunale dalla donna. Ma Chaouki non ha neanche avuto il buon gusto  presentarsi ed  è stato dichiarato contumace, si legge nella ricostruzione del Fatto.
Da Chaouki neanche la tredicesima
«Dopo due anni di contratti co.co.pro, Chaouki ha assunto la donna a tempo indeterminato, beneficiando degli incentivi previdenziali previsti dal Jobs act. Quando ha capito che questi non coprivano tutti gli oneri con l’Inps, e che avrebbe dovuto sborsare i soldi di tasca propria, ha deciso di non pagare». Altra sorpresa,  Chaouki è stato infatti citato in giudizio per non aver pagato nenache la 13esima alla donna, denaro che le era dovuto sulla base del nuovo contratto stipulato dopo l’entrata in vigore del Jobs act. Destinatario di un decreto ingiuntivo del giudice, il deputato ha pagato. Rimane però ancora l’arretrato dei contributi previdenziali.