TERRORISTS PROMOTED BORDER GUARDS IN SYRIA (!)

Bibeau.robert@videotron.ca    Éditeur.   http://www.les7duquebec.com

17.1.2018

THE ARTICLE IS AVAILABLE ON THE WEBMAGAZINE:

http://www.les7duquebec.com/7-au-front/terroristes-promus-garde-frontieres-en-syrie/

According to the “Coalition”, the terrorists will control the Syrian border!?

On Monday, January 15, 2018, the imperialist “Coalition” against the Islamic State

(IS), led by the United States, announced that the Syrian Democratic Forces (SDF), the YPG and the YPJ, various Kurdish militias, chartered by these same imperialist powers to dismember Syria and Iraq, “will control the borders with the international coalition led by the United States” (1). It is as if Donald Trump announced that the illegal Mexican migrants would henceforth be in charge of the surveillance of the Mexico-United States border (!)

Pseudo struggle of “national liberation” under neocolonial supervision.

For months, the proofs accumulate in the effect that the so-called “struggle of Kurdish national liberation” for the defense of “the right of the Kurdish people to self-determination” (sic) is a subversive tool conceived and promoted by the Western imperialist clan. (US, France, Germany, United Kingdom, Israel) in order to continue their war of aggression in the Middle East despite the defeat of their jihadist mercenaries of the Islamic State – DAESH – and Al-Qaeda in Syria and Iraq where they began the second phase of their imperial war aimed at weakening the Russo-Chinese-Iranian alliance (2).

For this second phase of their aggression the Western capitalist states first rescued the remnants of their so-called jihadist mercenaries (fake racist name) and stole them in the pseudo Kurdish entities of “Rojava” (3) and of “Iraqi Kurdistan” around Erbil,

the patented capital of the future “liberated” puppet state, planned by the Pentagon (4), where already some military training camps are in operation, funded by some Persian Gulf states, but whose stewardship is ensured by American, French, British and Israeli troops. The mercenaries of the “Kurdish” YPG, in the pay of the French army, contrary to what some French Marxist-Leninist communist groups claim, have the mission to provide a populist left-wing “cover up” to Western imperialist schemes (5).

The second round of the imperialist war in Syria-Iraq.

After having crushed the Islamic State (DAESH), some governments, particularly Iran, Iraq, Syria, Turkey and Lebanon, are threatened by a new specter, that of the Kurdish chauvinist nationalist bourgeoisie commissioned by Western powers in order to constitute the auxiliary to the squalid DAESH. The grand capital intends to exploit the autonomist claims of the Kurdish bourgeoisie eager to seize the surplus value produced by the workers which are working in the hydrocarbon industry. The fragile foundation of the “claims” of the Kurdish bourgeoisie is based on the history of feudalism in this country, when the affiliation to the nurturing land entailed the affiliation to an ethnical foundation of the relations of production of the agrarian, rural mode of production and of feudal serfdom. Of course, with the industrialization and modern urbanization, around mines, hydrocarbons, and trade, as well as the multiple travels of the numerous peoples having passed in transit and\or populated these regions it became impossible to draw the geographical outlines of the passages/brewing of these multiple ethnic groups having for the most part chosen to become integrated into a particular state nation, matrix of the construction of the bourgeois democratic States having accompanied, there as somewhere else, the expansion of the financed industrial –urban capitalist mode of production.

These new capitalist states, born after the collapse of the Ottoman Empire (1917), hastened, like the capitalist states of the whole world, to erect national borders to the shelter of which they consolidated their bourgeois power over the all of the multiethnic proletariats so that today an Iranian Kurdish worker will be Iranian before being Kurdish and the more time passes, the assimilation helping, the less he is Kurdish and the more he becomes international proletarian in every way similar to the other proletarians of the region by its way of life and its mentality, as moreover in the nation-states of the West and the East.

“Remake”, a “Kurdish national home” after the “Jewish national home” (sic).

Here, the US and French Presidencies, each on their own, would like to redo the history and force the creation of a “Kurdish national home” (after the maltreatment of the “Jewish national home” (sic) in Palestine), around Erbil and Raqqa, an Arab Syrian city as emphasized by René Naba: “Under the guise of contact with the Syrian President, France is planning indeed to build a” state” in Raqqa, under Kurdish control, in line with its the balkanization policy of the Arab world inaugurated in the twentieth century by the Sykes-Picot agreements“(6). The least of the absurdities is not only Raqqa or Erbil or the region Rojava” have never been predominantly Kurdish as pointed out by Tierry Meyssan in his text “A Kurdish State without Kurds” (7).

Worse, as René Naba points out, “Long is the list of Syrian leaders, of Kurdish ethnicity, whose contribution was decisive in contemporary times to the defense of Syria and the promotion of the theses of Arab nationalism” (8). And let’s remember that in 1947-1948, the go-left supported the construction of a “racist Jewish national home” on the lands of the Palestinian people. Seventy years later, the go-left is relying on the opportunist and reformist, anti-proletarian trifle of the so-called “national liberation of the oppressed Kurdish people” (9).

Nationalist questions are bourgeois, anti-proletarian questions.

In short, there is no Kurdish national question, no more than a “Jewish” national question, each regional group having joined the country whose borders were imposed by the European colonizers at the end of the First World War. We could say the same about the so-called religious oppositions between Shiite, Alawite, Sunni, Catholic, Orthodox, Maronite, Druze, and Jew, etc. a remnant of the old mode of feudal production being extinguished in this region subject to pressure from the international imperialist petrodollars, and threatened tomorrow to be the object of the world pressures of the Chinese petro-yuan, the rising imperialist power.

Let us return to the chauvinistic nationalist claims of the extremely wealthy Barzani, whom the imperialist powers present today as the “father” of the oppressed Kurdish nation after having denied the existence of this nation like dozens of others in these thousand-year-old lands of passage and ethnic admixture. For months, he and his mercenary clan Peshmerga are portrayed as oppressed in the midst of Arab lands where they have lived for centuries (10). We had denounced this sudden suspicious solicitude on the part of American and French war criminals and we had denounced the imperialist malpractices resurging the reactionary nationalism, and now that since the agitations that shake Iran, we now know one of the tactical objectives of this puppet state in creation (11). The CIA has established training camps from which its jihadist mercenaries are being recycled as agitators and breakers infiltrated into the demonstrations in Iran (12). Or, the FDS terrorists will become border guards in Syria (13).

Conclusion.

We, revolutionary proletarians, refuse to mobilize us to serve the aggressive aims of the Western imperialist camp and its nationalistic chauvinistic and racist Kurdish, or Arab (see in Libya), or Jewish, etc. scheming. Just as we refuse to join forces in favor of the Iranian-Russian clan. We simply say, “Foreign powers and bribed mercenaries out of these lands“. No more than the so-called “humanitarian” wars are justified, the chauvinist national wars are legitimate. The governance of nation states in the Middle East is the business of the peoples of every country in the Middle East, until the revolutionary world proletariat eliminates these national borders of another age.

NOTES

establishing a “Jewish National Home in Palestine”, the creation of the “State of Greater Lebanon”, the amputation of Syria from the district of Alexandrette and its attachment to Turkey, finally, the Israel’s endowment of the atomic potential at Dimona, under the government of Pierre Mendès France in 1955, de facto placing the Arab-Israeli negotiations on the unequal relationship of the Israeli atomic threat. If in the twentieth century, France made a gift to Turkey, its enemy of the first world war of a Syrian territory, its project, in the twenty-first century, is mainly directed against Syria, certainly, but also against Turkey, its partner in the dismemberment war of the Syrian state, conducted under cover of the “Arab Spring“.

https://www.mondialisation.ca/le-mic-mac-de-la-france-dans-son-projet-de-creation-dun-etat-sous-controle-kurde-a-raqqa-en-syrie«

http://www.les7duquebec.com/7-au-front/les-peshmergas-dernier-rempart-de-limperialisme/ and http://www.les7duquebec.com/actualites-des-7/la-guerre-se -poursuit-in-syria-and-in-iraq-via-the-kurdistan-puppet /

Traduction   by  Claudio Buttinelli.  Roma

SIRIA: MISSION ACCOMPLISHED, O MISSION IMPOSSIBLE? CURDI SANTI SUBITO. COME AL SOLITO TRATTASI DI FARABUTTI.

http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2018/01/siria-mission-accomplished-o-mission.html

MONDOCANE

DOMENICA 21 GENNAIO 2018

E’ da qualche tempo che la Siria è ai margini delle cronache e analisi, salvo che per i fissati, in buona, ma più spesso in malafede, del popolo curdo santo subito. Qualsiasi costo comporti quella santificazione: pulizie etniche, distruzione di integrità nazionali, invasione e occupazione di padrini coloniali, rafforzamento ed espansione di Israele, ulteriori devastazioni, lutti, sangue. Coloro che si sentono dalla parte dell’ennesimo paese che la “comunità internazionale” (Nato, Israele, UE e Usa) sbatte al muro per cibarsi poi dei suoi frammenti, pensano che un’assidua attenzione e un irriducibile sostegno alla causa della Siria unita, laica, sovrana, multiconfessionale e multietnica, antimperialista, antisionista, progressista, non siano poi più tanto urgenti, “visto che si è vinto”. Una vittoria che, però, ad altri rischia di suonare come l’illusorio “mission accomplished” di Bush il Fesso sulla nave USS Abraham Lincoln. Come è noto, al proclama di missione compiuta seguirono, ad oggi, 17 anni di guerre e terrorismo, un genocidio strisciante di cui fanno parte, oltre ai 3 milioni di iracheni, oltre 5mila GIs americani.

Tout va bien, madame la Marquise

In effetti, a un giro d’orizzonte un po’ disinvolto il quadro potrebbe apparire discreto, sicuramente migliore di 6 anni fa, quando USraele, Turchia e principastri del Golfo disseminarono la Siria di terroristi jihadisti, rastrellati in Medioriente, Asia e tra gli immigrati in Europa (che il buonismo d’annata ritiene integrati ed assimilati), addestrati in Turchia e Giordania, riempiti di petrodollari e droghe stimolanti crocefissioni e squartamenti. Isis e Al Qaida (nelle sue varie riedizioni) cacciati da Mosul, da quasi tutto l’Iraq, da Aleppo, Raqqa e Deir Ez Zor. Assad tuttora al potere, sorretto dalle armi dei suoi patrioti ed alleati e, ancora più robustamente, dal sempre più ampio consenso del popolo. Buona parte dei 6 milioni di siriani sradicati, evacuati e rifugiati, che Soros, le Ong dei salvataggi e i volponi dell’accoglienza avevano sottratto alla difesa e ricostruzione del paese e destinato al sottolavoro sottopagato UE, sono rientrati, stanno rientrando, preparano il rientro. La questione della totale liberazione del territorio nazionale e, dunque, la ricostituzione della sua integrità e unità sarebbero state risolte una volta che i gruppi di terroristi, rintanati nelle zone di de-escalation concordate ad Astana, si sarebbero convertiti alla pacifica convivenza. Intanto i russi sarebbero riusciti a sedurre i curdi a mollare gli americani e ritirarsi in buon ordine nelle loro riserve originali, per la felicità di una Siria integra, pacificata, da avviare alla ricostruzione.

Allungando lo sguardo si traeva conforto dal fallimento di un’insurrezione in Iran che, partita dalla protesta contro la marcia indietro sul piano sociale che il “riformista” Rouhani  aveva inflitto a operai e contadini riscattati dal predecessore “conservatore” Ahmadinejad, i soliti infiltrati alla Otpor avevano tentato di colorare a stelle e strisce. La Siria avrebbe potuto continuare a valersi del sostegno del forte vicino e, accanto a esso, dei fratelli Hezbollah, cruciali sul terreno quanto i russi nell’aria.

Ma anche il quadro generale, planetario, diceva bene ai giusti e maluccio ai malvagi. Le mattane che il polentina della Casa Bianca andava combinando, o di suo, o perché sotto schiaffo del rettilario obamian-clintoniano, forte di Cia, FBI, Pentagono e della bufala Russiagate, si risolvevano in altrettante palle in buca dei suoi avversari. Per la prima volta la collaborazionista e sodomizzata dirigenza palestinese denunciava la fregatura di Oslo, quegli accordi che, per l’espansionismo genocida di Israele, avevano costituito l’ Iron Dome (sistema antimissile) contro ogni prospettiva di Stato palestinese. L’apocalisse nucleare fatta brandire a Trump contro il nanetto nordcoreano da un’industria in fregola di produzione e ammodernamento, prometteva di ridursi in zolfanello grazie al riavvicinamento delle due Coree come consacrato dall’unificazione olimpica. E perfino in Venezuela, le polveri da sparo della controrivoluzione e della  destabilizzazione Usa, prima economica, poi terroristica, poi politica, venivano bagnate da una successione di vittorie elettorali di Maduro e da una finalmente più rigorosa e coerente risposta agli sguatteri di Washington, istituzionale, sociale, finanziaria, militare.

Uno sguardo senza le lenti del trionfalismo

Tutto ciò se insistiamo a voler guardare le cose attraverso le lenti dell’ottimismo e della fiducia incondizionata a coloro dalla cui parte ci schieriamo. Togliendoci quegli occhiali e assumendo una posizione, diciamo, più laica, lo scenario rivela zone piuttosto oscure. Mentre gli israeliani sono alla centesima, più o meno, incursione su obiettivi militari e civili siriani, fatti passare per rifornimenti iraniani a Hezbollah (e anche se fosse), senza che nessuno fiati e denunci gli evidentissimi crimini di guerra dello Stato più canaglia della regione, i loro alleati più stretti dopo gli Usa, capeggiati dal golpista Capitan Fracassa di Riyad, concludono, seppure a fatica, l’eliminazione dalla faccia della Terra del popolo yemenita. Sta bene a Israele e agli Usa e anche qui non c’è nessuno che fiati o denunci crimini contro l’umanità che, tra i tanti paralleli imperialisti e colonialisti, trovano, per proporzioni tra vita e morte, quello più azzeccato nei 20 milioni di congolesi fatti fuori da re Leopoldo del Belgio.

Distogliendo le sue migliori truppe dalla linea rossa dell’Eufrate a nord-est, evidentemente subita come insuperabile da un concerto russo-statunitense (alla faccia dell’integrità territoriale), i reparti d’élite “Tigre”, Damasco ha lanciato, con successo, l’offensiva contro l’enclave turco-Al Qaida (detta qui Esercito Libero Siriano) di Idlib, nel nord-ovest: Trattasi di una delle sei zone di ”riduzione del conflitto” decise ad Astana tra turchi, iraniani, siriani e russi. Il fatto che la Siria voglia riprendersela, come è suo sacrosanto diritto/dovere, come anche che abbia dovuto rinunciare alla pur annunciata riconquista della zona a est dell’Eufrate, potrebbe anche far sospettare qualche discrepanza tra Mosca e Damasco.

Chi spara droni sui russi? Chi deve intender intenda…

Per tutta risposta all’iniziativa siriana, condotta con il sostegno dei raid aerei russi (le sfaccettature e incongruenze della situazione sono infinite), la Turchia ha inviato massicci rinforzi nella regione, già da lei presidiata insieme ai suoi mercenari jihadisti, e qualcuno è saltato con vigore addosso alle basi russe a Hmeimim e Tartus. Si è trattato di un’incursione di 13 droni, tutti abbattuti o costretti all’atterraggio, diretti dall’alto da un pattugliatore Usa “Poseidon”, in volo a portata di comunicazione elettroniche. Droni  che, composti da truciolato, intendevano dare l’aria di ordigni confezionati da dilettanti (i ”ribelli”), ma che contenevano apparecchiature ed esplosivi high-tech. Del resto i “Poseidon” Usa vengono regolarmente impiegati per dirigere i droni di Kiev contro le repubbliche popolari del Donbas e il massimo esperto e utilizzatore di droni resta la CIA.

Putin si è affrettato a far intendere a chi deve di sapere perfettamente chi avesse allestito l’operazione. Il ministro degli Esteri, Lavrov, si è spinto più in là, con accenni agli Usa. Ma il decollo dei droni è avvenuto nell’area di Idlib dove comandano soltanto i turchi. Di Erdogan, considerato formalmente tanto amico di Mosca e tanto inviso agli Usa, pur sempre alleati e padroni Nato, è buona norma fidarsi meno delle Ong quando dicono che stanno lì per salvare i rifugiati. Non è mica tanto lontano il ricordo del Sukhoi russo abbattuto dai suoi caccia.

USA: noi in Siria per sempre. Erdogan: e a me?

Nella sua multidirezionalità, il Fratello Musulmano Erdogan, dal 2011 retroterra e fornitore di mercenariato terrorista per il mai abbandonato scopo di abbattere Assad (ma anche Al Sisi) e, come programmano da Usa, Israele e Saudia, spartirsi una Siria affidata a fiduciari tribali locali, ha inviato truppe, proiettili di cannone e minacce al confine di Afrin.  Afrin è il cantone curdo nel nordovest della Siria che i curdi del Rojava sperano di riunire a sè, con il solito aiuto dei boss nordamericani.

Sembrerebbe, però, che a Erdogan, più che saltare addosso al piccolo ridotto curdo di Afrin, interessi mandare un avvertimento agli Usa. Quegli Usa che, a fronte del più volte annunciato ritiro delle truppe di Mosca, se ne sono ora usciti (Tillerson al Brookings Institute) con assoluta tracotanza dichiarando che in Siria ci stanno per restarci. Come del resto è loro costume strategico: vedi Afghanistan, Iraq, Somalia, Haiti, Honduras Guantanamo, ma anche Giappone, Germania, Italia, Kosovo….

E, allo scopo, stanno allestendo la “Border Security Force” (BSF), la forza di sicurezza per il confine, composta da 30milla uomini, ovviamente “proxies”, come chiamano i mercenari, eminentemente ascari curdi già collaudati nella pulizia etnica delle popolazioni arabo-siriane titolari del vastissimo territorio di cui l’YPG si è appropriato grazie ai bombardieri e alla Forze Speciali Usa.

Affermano, Trump e Tillerson, che la guerra contro l’Isis è vinta, onde per cui logica rende necessaria una forza militare, senza precedenti per numeri e armamenti, che garantisca la sicurezza del confine tra Siria, Turchia e Iraq. Garantisca contro chi, visto che l’Isis è sconfitta? Cosa sulla quale concorda anche Mosca, ma non Tehran e non Damasco. Che, come Mosca, sanno benissimo come stanno le cose e lo dicono anche. La sconfitta vera il jihadismo, incistato in Medioriente, Africa, Asia, in tutti i paesi che imperialismo-sionismo-Golfo intendono sconvolgere, sembra averla subita solo in Iraq, per merito di una forza nazionale militare ricostruita e, soprattutto, delle milizie popolari patriottiche scite-sunnite, anche qui con il concorso di Hezbollah e di reparti iraniani.

Isis sconfitta, o integrata?

Israele e curdi uniti nella  lotta

Quanto alla Siria, numerose e inconfutabili sono le prove video e testimoniali della collaborazione tra l’Isis, Stati Uniti e SDF, i mercenari curdi delle sedicenti Forze Democratiche Siriane che, soltanto una propagandista delle vulgate imperiali come Chiara Cruciati del “manifesto” riesce ancora a far passare per aggregato multinazionale democratico di assiri, turcomanni, arabi, circassi, vattelappesca e…curdi. Migliaia di combattenti Isis sono stati prima prelevati da Raqqa con tanto di colonne ed elicotteri Usa, per essere subito dirottati a Deir Ez Zor. Poi, in procinto di essere liberata dai siriani anche questa città, ecco un’altra operazione di salvataggio, con inserimento finale dei jihadisti nelle formazioni curde a comando usa che costituiranno i 30mila delle famose forze di sicurezza. Altri ne serviranno per accendere un po’ di fuochi dove, fallita la conquista, deve valere la strategia del caos.

Carta vince, carta perde. Quale carta? Non credo che,. al momento, sia quella data dai russi. Non credo nemmeno che sia Erdogan a dare le carte. Semmai bluffa. Con i russi, ma non troppo. Con gli Usa, ma anche contro. Contro i curdi, ma senza spingere. L’enorme territorio ora invaso dai curdi potrebbe venire buono per accogliere i curdi che un giorno o l’altro Erdogan caccerà definitivamente dalla Turchia. Del resto gli andava benissimo che i suoi curdi scappassero nel Kurdistan iracheno del socio contrabbandiere Barzani (ora felicemente svaporato, e non per merito di Turchia o Usa).

Quello che a Erdogan, il neo-ottomano torna sgradevole accettare è che la Siria venga fatta a pezzi senza che ne rimanga una fetta a lui che, pure, per tanti anni si è speso per quell’obiettivo. Obiettivo che sicuramente non ha mai abbandonato. Solo che la partita non sta volgendo a suo favore e siamo vicini a una goleada dei nemici più potenti di Assad: Usa, Israele, Sauditi e tirannelli annessi che ora, chi più chi meno. Costoro, con grande tempismo, hanno risolto di sostituire lo sputtanatissimo e irrecuperabile mercenariato Isis-Al Qaida con quello, meno sanguinario, ma moralmente ancora più miserabile, dei curdi. Così Erdogan rimane l’unico che ancora pensa di avvalersi di ascari jihadisti, da lui detti Libero Esercito Siriano, anche perché sarebbe un controsenso mettere al proprio servizio i curdi, soldataglia che va bene a americani e israeliani.

Del cinico, opportunista e inaffidabilissimo sultano si conosce la strategia, ma se ne possono prevedere a fatica le mosse tattiche, dettate magari anche dall’improvvisazione. Chi mostra ancora di credergli, e forse non ha altra scelta a dispetto dei dubbi di Tehran e Damasco (che ha promesso di abbattere aerei turchi che si affacciassero sul territorio siriano di Afrin), sono i russi. Tanto che gira la notizia che le loro forze presenti in Afrin, dove tentavano di mantenersi buoni i curdi, pensate!, avrebbero iniziato il ritiro di fronte alla pressione turca. Che per ora rimane quella, una pressione: roboanti minacce, ammassamento di truppe al confine, cannoneggiamenti e altrettanto roboanti promesse dell’YPG di fare di Afrin la tomba di tutti i turchi.

Turchia-Usa: un pezzo a me un pezzo a te.

Passiamo a conclusioni relativamente fondate. Il territorio di Afrin che i turchi minacciano di invadere non è un cantone curdo, come i ragazzi di bottega degli Usa nel “manifesto” vorrebbero far credere. La regione intorno a questa città contiene solo una minoranza di curdi, divenuta ora, con l’arrivo di 400mila profughi arabi siriani dai vari fronti, una minoranza infima. Forse Erdogan, di fronte a una presenza di migliaia di soldati Usa e alle loro ormai consolidate dieci basi, zeppe di reclute curde e Isis, si è rassegnato ad accettare un protettorato Usa su un’ampia area siriana amministrata dai curdi. In cambio non rinuncia a sua volta a una presenza turca nel nord della Siria, finalizzata, quanto quella Usa-curda, a mantenere in Siria focolai di guerre e destabilizzazione. Con circa un quarto della Siria sotto controllo permanente di due potenze votate alla distruzione di quella nazione, c’è proprio da chiedersi come si faccia a cantare vittoria. O c’è chi pensa che a tutto questo rimedieranno i russi affrontando in campo aperto sia gli uni che gli altri?

Vi sembra fuori di mano pensare che il sultano ottomano pensi di acchiappare anche Afrin che è appena a nordest di Idlib, unirla a quest’ultima provincia e assicurarsi in tal modo una vasta zona del territorio nazionale siriano, da cui continuare a lanciare sabotaggi contro Damasco?  Probabilmente confida che tra l’enorme zona araba che gli Usa hanno sottratto alla Siria a nordest e affidato alle istituzioni di proconsoli curdi e l’area Afrin-Idlib sotto controllo turco e presidiata dai surrogati jihadisti, a un passo da Aleppo, si possa addivenire a una composizione, benedetta dalla comune alleanza Nato e dal comune intento di liquidare Assad e squartare la Siria tra se stessi e proconsoli vari. Come progettato dagli Usa fin dagli anni’50 e come pianificato da Israele nel Piano Yinon del 1982. Insomma, tu, Usa, ti assicuri una fetta di Siria a cavallo del confine iracheno, che contiene i più ricchi giacimenti di petrolio e tieni sotto controllo i curdi e io, Turchia, mi prendo l’altra fetta. Insieme strappiamo al detestato arco scita il ponte Siria-Libano-Iran e magari anche un buon tratto della nuova via della seta cinese.

Saremo a una specie di Corea spaccata in due dopo il 1952, o, meglio, a una Germania del dopoguerra: State ora entrando nella zona americana… britannica… francese… russa…” Siria divisa est”., come volevasi fare.

Il rispettabilissimo ministro degli esteri russo, Lavrov, ha esternato il sospetto che nelle zone di cui abbiamo trattato si vogliano istituire delle autorità autonome dal governo centrale e che ciò farebbe pensare a una spartizione della Siria. Si direbbe vagamente scaturito. O forse no, visto che Mosca è stata la prima a parlare, l’anno scorso, di Siria federata. Riseppellendo poi tale concetto di fronte alle vivissime rimostranze di Damasco e Tehran. Che sanno bene di cosa parlano. Forse a Mosca si sono detti: un altro Afghanistan, un altro pantano? Magari è meglio accordarsi ognuno sui propri interessi e sulle proprie basi.

Vogliamo parlare di vittoria? Insistiamo pure, ma limitiamoci ad attribuirla al fatto che un popolo, nonostante sia stato maciullato, deportato e attirato lontano dai cialtroni dell’”accoglienza”, resta in piedi, unito e combattivo e che Bashar el Assad, il migliore governante del Medioriente e uno dei migliori del pianeta, stia ancora al suo posto. Chissà, forse a dispetto delle Grandi Manovre dei Grandi, i siriani rimasti sotto il gioco dei suoi nemici e dei relativi burattini, non ci vorranno stare. Chissà ,forse il caos sotto ai piedi degli invasori riuscirà meglio che quello sotto il palazzo di Assad.

Resta solo da dire che, tra tutti gli attori in scena, quello che “il manifesto”, in perfetta unanimità con i carnefici imperialisti, ha esaltato come “forza democratica, partecipativa, pluralista, femminista, ecologica”, cioè i curdi dell’invasione del cosiddetto Rojava, impegnati a sostituire a un paese moderno, laico, emancipato, progressista, libero, un cadavere sminuzzato, affidato a quanto di più necrofago e reazionario esiste al mondo, rappresentano la presenza più abietta e sporca..

Pubblicato da Fulvio Grimaldi alle ore 22:31

LUC MICHEL EN DEBAT SUR LE WEBSITE ‘LES 7 DU QUEBEC’ : ‘SYRIE, D’UNE GUERRE À L’AUTRE L’AGRESSION NE CESSE PAS!’ …

# LUCMICHEL. NET/

Le très influent site québecquois (une gauche marxiste, mais ouverte) publie ce  13 janvier 2017 l’analyse géopolitique prévisionnelle du géopoliticien Luc MICHEL (Parties I –II – III) sur « la nouvelle et seconde guerre en Syrie, qui continue la première qui se termine » (*). Ou comment …

* A lire sur Les 7 du Québec :

http://www.les7duquebec.com/7-dailleurs-invites/syrie-dune-guerre-a-lautre-lagression-ne-cesse-pas/

Capturebbb

LE DEBAT OUVERT PAR ‘LES 7 DU QUEBEC’ :

Que dit le site québecquois ?

« L’étude de Luc Michel est en trois parties que nous  publions  à la suite  ci-dessous.  Nous prenons note que trois positions se confrontent. Ici, Luc Michel soutient que le gouvernement de Turquie  est favorable à un État Kurde fantoche qui s’étendrait du Nord de l’Irak jusqu’à la Méditerranée en passant par le nord de la Syrie (Rojava). De nombreux observateurs pensent au contraire que le gouvernement d’Ankara ne peut tolérer à sa frontière sud une entité Kurde – même fantoche et au service des puissances impérialistes occidentales -. On se rappellera l’EI-DAESH et Al-Qaida  qui, aussitôt constitués, ont échappé en partie au contrôle de leur maître.  Enfin,  Le ROCML lui, prétend que la création du Grand Kurdistan ne doit rien aux puissances impérialistes et que les travailleurs Kurdes démontrent ainsi leur autonomie en se dotant d’un État nationaliste-chauvin Kurde (sic) pour le bénéfice de leur bourgeoisie nationale.

http://www.les7duquebec.com/7-dailleurs/le-peuple-kurde-et-les-peuples-opprimes-du-moyen-orient-a-la-conquete-de-leurs-droits-nationaux-et-democratiques-par-leurs-propres-forces/ À chacun de nos lecteurs de confronter les arguments des uns et des autres à travers les dix textes que nous avons rassemblés sur le sujet sur notre webmagazine. »

# LES PRECISIONS DE LUC MICHEL

SUR LE ‘GRAND JEU SYRIEN’ DU NOUVEAU SULTAN ERDOGAN

Depuis mon analyse sur l’alliance entre Ankara et Washington contre Damas en Syrie, beaucoup de nouvelles infos ont été publiées et mon analyse présentée inexactement. Je ne soutiens pas du tout « que le gouvernement de Turquie est favorable à un État Kurde fantoche qui s’étendrait du Nord de l’Irak jusqu’à la Méditerranée en passant par le nord de la Syrie ».  La question est infiniment plus complexe. Je reviens donc sur le sujet …

LA CONTRADICTION INTERNE DE L’ALLIANCE AMERICANO-TURQUE

La question centrale est la contradiction entre :

– la position turque en Syrie, qui appuie de facto les USA pour démembrer la Syrie,

– et l’hostilité d’Ankara à un état de facto kurde en Syrie, soutenue par l’Administration Trump.

C’est d’une part la raison de l’opportunisme d’ Erdogan, qui entend, à la fois :

– défendre son projet géopolitique néo-ottoman – une Grande-Turquie, basée sur le panturquisme ou pantouranisme – qui passe par une Syrie éclatée et, inévitablement,  l’Alliance américaine  -,

– et ses intérêt stratégiques immédiats, le refus d’un état kurde solide (j’insiste sur solide et partant viable) sur ses frontières.

D’où les coups de poker d’Erdogan, ses évolutions opportunistes. C’est la contradiction interne de l’Alliance américano-turque !

COMMENT ANKARA ENTEND RESOUDRE CE DILEMME ?

Mais précisément le Bataille d’Idlib agit comme un révélateur de ce double objectif d’Ankara:

– Utilisation des djihadistes « dits modérés » du Tahrir al-Sham (ex Jabbat al-Nosra, al-Qaida en Syrie), qui sont aussi soutenus par Washington, et hostilité à l’offensive de Damas, soutenue par les Russes et les Iraniens, vers Idlib ;

– Tentation des turcs à contrôler définitivement Idlib et à étendre leur domination vers Alep. Précisément pour empêcher un Etat de facto Kurde viable allant jusqu’à la Méditerranée. Car Erdogan est un maître de la duplicité levantine et des entités kurdes faibles, du type bantoustans, ne le gêne nullement. Et Erdogan avait de bonnes relations avec le Kurdistan autonome d’Irak.

Pour examiner les données stratégiques du dossier, en allant au fond des choses …

* Voir sur LUC MICHEL’S GEOPOLITICAL DAILY/ SYRIE D’UNE GUERRE A L’AUTRE (IV):

sur http://www.lucmichel.net/2018/01/15/luc-michels-geopolitical-daily-syrie-dune-guerre-a-lautre-iv-la-contradiction-interne-de-lalliance-americano-turque-en-syrie-et-le-dilemme-dankara/

LM

(*) Titre original : SYRIE D’UNE GUERRE A L’AUTRE (I – II – III), Par Luc MICHEL sur LUC MICHEL’S GEOPOLITICAL DAILY.

SYRIE D’UNE GUERRE A L’AUTRE (I): AVEC 14 BASES, L’US ARMY S’IMPLANTE DURABLEMENT EN SYRIE

LUC MICHEL (ЛЮК МИШЕЛЬ) & EODE/

Luc MICHEL pour EODE/

Quotidien géopolitique – Geopolitical Daily/

2018 01 11/

LM.GEOPOL - Voici déjà la seconde guerre de syrie I bases us (2018 01 11) FR (2)

J’écrivais ce 6 janvier : « Oubliez tous les discours des médias de l’OTAN, mais aussi ceux des médias russes, sur la “guerre contre les teroristes”. La guerre de Syrie, guerre civile importée (après l’échec de la « révolution de couleur » made in USA du soi-disant « printemps syrien »), puis internationalisée, est une guerre géopolitique entre le Bloc USA-OTAN-Israel et ses alliés du Golfe et l’Axe Moscou-Téhéran-Damas. Washington a perdu cette guerre. Mais elle considère que c’est une première manche. Et Washington et tel-aviv prépare la guerre suivante avec les kurdes comme pions et la destruction de la Syrie comme objectif premier, mais l’Iran comme cible principale ! Le « nouveau Grand jeu » au levant n’est pas prêt de se terminer » …

En Syrie, les choses s’accélèrent et les masques tombent, la bataille pour Idlib ouvre le premier front de la nouvelle guerre, Axe de la résistance associé à Moscou contre Bloc américain soutenu par Ankara (qui tombe le masque) (voir la partie II de cette analyse) …

Pour mener cette seconde guerre de Syrie, les USA se sont durablement implantés avec 14 bases militaires. Le tout illégalement puisque les américains, comme les turcs, se sont installés en Syrie contre la volonté de Damas et au mépris des Lois internationales. Et qu’américains et turcs sont entrés en Syrie pour y opérer un changement de régime et soutenir une rébellion armée qu’ils avaient eux-mêmes organisé !

LES CROCS DU SERPENT DANS LE SOL SYRIEN :

LES 14 BASES MILITAIRES DES ÉTATS-UNIS EN SYRIE

Les États-Unis renforcent les Kurdes syriens, manipulés car contre Ankara ils n’ont aucun avenir dans le camps américain, et ne cessent d’implanter des bases militaires en Syrie, ce qui met en évidence le projet à long terme de Donald Trump pour ce pays déchiré par la guerre.

Depuis l’entrée en fonction de Donald Trump, il y a un an, les États-Unis sont accusés par les Israéliens « d’avoir laissé le Moyen-Orient sous influence de la République islamique d’Iran ». La pression, faite par Tel-Aviv sur Washington, s’est multipliée après l’échec du groupe terroriste Daech en Irak et en Syrie, d’autant plus que les victoires qu’ont accumulées les Russes et les combattants de l’Axe de la Résistance ont poussé les Américains à changer de cap.

Le dimanche 31 décembre, le secrétaire d’État américain James Mattis a mis en garde « contre toute attaque visant les bases militaires américaines en Syrie » et averti que « les assaillants seraient ciblés ». Ces déclarations de James Mattis ont réveillé en quelque sorte l’opinion publique mondiale qui a commencé à s’interroger sur une réalité : « Les États-Unis, ont-ils des bases militaires en Syrie ? »

Quelques jours avant le Nouvel An 2018, les agences de presse d’état russes ont révélé l’existence de 10 bases militaires américaines sur le sol syrien. Information partielle car, à vrai dire, les États-Unis ont, jusqu’ici, implanté 14 bases militaires en Syrie, dont 12 dans le Nord et le Nord-Est, et deux autres dans le Sud, explique SANA.

  1. BASE DIRIK

La base Dirik se trouve dans l’Extrême-Est, à la frontière turco-syrienne. Là, il existe deux bases militaires où des groupes de parachutistes américains donnent des formations militaires aux Forces démocratiques syriennes (FDS). La base Dirik sert également d’aéroport pour les avions logistiques américains.

  1. BASE SABAH AL-KHEIR

La base Sabah al-Kheir se situe dans le sud-ouest de la ville kurde de Hassaké et elle revêt une importance particulière d’abord pour son emplacement proche de la frontière syro-irakienne et ensuite pour sa proximité de la ville de Hassaké, une ville au peuplement kurde. Cette base accueille uniquement les hélicoptères de combat américains qui transfèrent des armes, des forces kurdes syriennes et des individus armés.

  1. BASE AÏN ISSA

La base Aïn Issa se trouve entre la frontière de la Turquie et la ville syrienne de Raqqa. C’est depuis cette base que des armes et des munitions sont transférées aux forces du Parti de l’union démocratique (PYD).

  1. BASE TAL AS-SAMAN

La base Tal as-Saman est la deuxième base américaine située entre la frontière turco-syrienne et Raqqa. Il s’agit de la base la plus importante en matière d’espionnage et d’écoutes en Syrie.

  1. BASE AL-TABQA

La base al-Tabqa est située au sud-est de Raqqa et elle sert d’aéroport accueillant les avions US.

  1. BASE AL-JALBIAT

La base al-Jalbiat, située au nord-ouest de Raqqa, est une zone militaire interdite d’accès qui abrite 40 avions militaires logistiques modernes, une piste d’aéroport, des plate-formes destinées à lancer des missiles sophistiqués lourds et plusieurs autres types d’armes sophistiquées.

  1. BASE HARB ISHQ

La base Harb Ishq fait partie d’un groupe de huit bases proches de la frontière du nord, partagée par la Syrie et la Turquie. Cette base accueille des contingents de soldats américains.

  1. BASE JABAL MASHTNOUR

Parmi les bases précitées, c’est la base Jabal Mashtnour qui est située dans l’extrême-nord de la Syrie. Cette base militaire dispose d’une antenne-relais radiophonique qui appartient aux forces spéciales américaines et françaises.

  1. BASE SIRIN

La base Sirin se trouve dans l’est de la ville de Manbij. C’est à partir de cette base que les parachutistes américains sont envoyés accomplir diverses missions en Syrie.

10 ET 11. BASE AL-TANF 1 ET BASE AL-TANF 2

Les bases al-Tanf 1 et al-Tanf 2 sont partagées par les forces britanniques, américaines et celles de la nouvelle Armée syrienne libre (ASL).

  1. BASE TAL TAMIR

La base Tal-Tamir, elle aussi, est utilisée par les forces britanniques, américaines et celles de la nouvelle Armée syrienne libre (ASL). La base Tal Tamir est dans le nord-est de la Syrie, près de la ville kurde de Hassaké. Elle abrite 200 soldats américains, 70 soldats français et une caserne de formation pour les éléments de l’ASL.

  1. BASE MANBIJ

La base Manbij est de caractère très stratégique, car elle se trouve dans une région où il existe un important risque d’affrontements entre les forces kurdes et les éléments de l’ASL. Il paraît que cette base a été inaugurée dans l’objectif d’empêcher les conflits et l’infiltration des forces syriennes dans cette région.

  1. BASE ALEP

La base Alep a été implantée dans une région stratégique afin de prévenir les affrontements entre l’ASL et les forces kurdes et d’empêcher l’infiltration de l’armée syrienne. Les Américains comptent surveiller cette région grâce à cette base.

COMMENT ANALYSER CETTE IMPLANTATION AMERICAINE EN SYRIE ?

Deux points importants restent à relever :

* premièrement, certains sites d’information indiquent que le nombre des bases militaires américaines en Syrie est plus élevé que cela ;

* deuxièmement, la plupart de ces bases ont été récemment mises sur pied en peu de temps. Selon les médias turcs et russes, le nombre de ces bases ne cesse de croître.

Par ailleurs, des médias turcs ont fait part de l’existence de 13 dépôts d’armements dans les régions à peuplement kurde, dans lesquels sont amassées des armes que les Américains envoient aux forces kurdes. Ces dépôts d’armements se trouvent tous près des bases américaines.

Conclusion :

* Primo, les Américains stabilisent leurs positions en Syrie en multipliant leurs bases militaires.

* Secundo, les Américains ont un plan spécial pour les régions kurdes en Syrie en fournissant des équipements militaires légers et lourds aux éléments kurdes syriens (c’est, et nous y reviendrons, le point faible de la stratégie américaine en Syrie qui s’appuie sur deux positions antagonistes : le soutien aux kurdes et l’alliance avec Ankara).

* Tertio, ces agissements des États-Unis mettent en évidence leur décision de contrer l’axe de la Résistance en Syrie.

Toutes les mesures qu’ont entreprises les Américains pour renforcer leurs positions en Syrie s’inscrivent dans le cadre d’une série d’efforts destinés à compenser leurs échecs face à l’axe de la Résistance en Syrie et répondent aux inquiétudes israéliennes. L’arrière-plan de tout cela, c’est la confrontation Washington vs Moscou.

LAVROV: LES BASES AMERICAINES EN SYRIE SONT ILLEGALES

Le ministre russe des Affaires étrangères a fréquemment souligné que les bases américaines en Syrie n’avaient « pas de fondement légal ». S’exprimant le 21 juillet à Moscou 2017, lors d’une conférence de presse avec son homologue de la Sierra Leone, le chef de la diplomatie russe Sergueï Lavrov avait précisé que l’existence de bases américaines en Syrie était « dépourvue de tout fondement légal ».

(Source : SANA – Farsi – Interfax – EODE Think-Tank)

LUC MICHEL (ЛЮК МИШЕЛЬ) & EODE

* PAGE SPECIALE Luc MICHEL’s Geopolitical Daily https://www.facebook.com/LucMICHELgeopoliticalDaily/

________________

* Luc MICHEL (Люк МИШЕЛЬ) :

WEBSITE http://www.lucmichel.net/

PAGE OFFICIELLE III – GEOPOLITIQUE

https://www.facebook.com/Pcn.luc.Michel.3.Geopolitique/

TWITTER https://twitter.com/LucMichelPCN

* EODE :

EODE-TV https://vimeo.com/eodetv

WEBSITE http://www.eode.org/

TARGET IRAN, PARTE LA MAIDAN IRANIANA – FAKE NEWS, FAKE FLAG, REGIME CHANGE IN VISTA E IL “MANIFESTO” FA DA PESCE PILOTA DELL’OPERAZIONE ISRAELE-USA –

http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2018/01/target-iran-parte-la-maidan-iraniana.html

MONDOCANE

LUNEDÌ 1 GENNAIO 2018

https://www.youtube.com/watch?v=haEQNk6gE8M&feature=youtu.be https://www.youtube.com/watch?time_continue=21&v=ZeVYbTw6omE


https://www.youtube.com/watch?v=haEQNk6gE8M&feature=youtu.be 

https://www.youtube.com/watch?time_continue=21&v=ZeVYbTw6omE 

Qui sopra la copertina del mio documentario “TARGET IRAN”, realizzato durante il secondo mandato di Ahamdinejad, ma attuale più che mai, e due link youtube: al trailer del film e a una sua breve selezione. E’ l’unico docufilm italiano, per quanto mi risulta, che vi racconta l’Iran e il suo popolo antico e giovanissimo, le sue donne all’avanguardia sociale e professionale, la sua forte coscienza storica e patriottica, la sua incredibile bellezza, il suo ottimismo, il suo sorriso, i suoi governanti, i suoi combattenti, i suoi artisti, le vittime del terrorismo Mossad, al contrario del quadro offerto dai media al servizio dei necrofagi che non tollerano l’esistenza di indipendenza, sovranità, autodeterminazione, progresso sociale, cultura, civiltà. Copie dvd sono ottenibili scrivendo a visionando@virgilio.it.

Mi permetto di pubblicizzare e promuovere la diffusione di questo lungometraggio (85’) perché si è scatenato quello che promette essere un rinnovato tentativo USraeliano, con il conforto saudita e il beneplacito dell’UE, al cambio violento di regime in Iran, stavolta mettendoci tutto l’impegno dei due terroristi di Stato della cosiddetta “comunità internazionale (leggi NATO), Trump (con lo Stato Profondo Usa) e Netaniahu (sostenuto dalla lobby) e arrivando fino all’aggressione armata, con conseguenze apocalittiche non solo per il Medioriente. 

Dal fallimento della “rivoluzione verde” alla lotta contro la “dittatura”

L’anticipazione di questa strategia, lubrificata dallo tsunami di falsità e diffamazioni di cui si incaricano i media mainstream, con particolare efficacia quelli di “sinistra” e la loro clientela di utili idioti e amici del giaguaro imperialista, la si è avuta nel 2009, al tempo delle elezioni che hanno rinnovato il mandato al migliore, più laico, antimperialista (si ricordi la sua amicizia con Hugo Chavez) e socialmente sensibile presidente iraniano, Mahmud Ahamdinejad. Venne scatenata la sedicente “rivoluzione verde”, dove settori della borghesia ricca, nostalgica della sanguinaria dittatura del fantoccio occidentale Reza Pahlevi e famelica di neoliberismo per poter sottrarre beni e diritti ai ceti popolari valorizzati da Ahmadinejad, vennero mandati, da agenti infiltrati del terrorismo internazionale, allo scontro con lo Stato. Il pretesto era il solito: brogli nella vittoria di Ahamedinejad, riscatto delle donne oppresse da burka e bigottismo patriarcale.

Allora si trattava eminentemente di ridurre la crescente influenza di Tehran sul cosiddetto “arco scita”, espressione depistante utilizzata per descrivere governi e popolazioni resistenti all’imperialismo Usa e israeliano,neutralizzare il suo ruolo di prezioso fornitore di gas e petrolio a paesi su cui l’Occidente intende esercitare il dominio energetico,bloccare il modello di emancipazione sociale messo in atto da Ahmadinejad e l’impetuoso sviluppo industriale del paese. Al centro della sceneggiata era la presunta volontà di Tehran di dotarsi di armamento atomico, quando la stessa IAEA (Agenzia ONU per l’energia atomica) insisteva a dimostrare che lo sviluppo nucleare dell’Iran era dedicato esclusivamente a uso civile: sanitario ed energetico. 

Dall’”ultra conservatore” (leggi antimperialista) Ahmadinejad al “moderato” (leggi disponibile) Rouhani


Con l’avvento del “moderato” Hassan Rouhani, reso possibile dal fatto che il “conservatore” Ahmadinejad non poteva presentarsi per un terzo mandato e che il suo schieramento aveva fronteggiato le elezioni diviso (“moderato” e “conservatore” sono i termini che i media ci infliggono per designare chi è gradito e chi sgradito all’Occidente), avviene l’indecorosa resa, la rivincita dei “quartieri alti” di Tehran, un’offensiva privatizzatrice e, pietra angolare dell’indipendenza o meno del paese, l’accordo sul nucleare con gli Usa che ha privato l’Iran quasi interamente del suo potenziale di nucleare civile. Il che avrebbe dovuto portare alla normalizzazione dei rapporti con Usa e Occidente, alla fine di sanzioni tra le più feroci e genocide mai inflitte, alla pacificazione della regione. E’ sotto gli occhi di tutti a cosa ha portato l’arrendevolezza di Rouhani.

Il regime change di Obama, Hillary Clinton e Netaniahu fallì clamorosamente, ma a dispetto della “disponibilità” offerta dalla direzione iraniana (peraltro niente affatto unita, ma fortemente contrastata dalla Guida Suprema, Ali Khamenei e dai settori più avanzati e coscienti del paese, guidati dai Guardiani della Rivoluzione), non cessò, anzi assunse toni sempre più isterici e violenti la campagna politico-mediatica occidentale di contumelie e fake news, accompagnata da ondate di attentati terroristici contro scienziati iraniani e la stessa popolazione civile, affidati a una setta di fuorusciti riparata a Parigi e a Washington e da lì foraggiata e armata, i Mujahedin del Popolo (MEK). Il sostegno dato dall’Iran, sotto pressione dei non silenziati ambienti antimperialisti e antisionisti, alla resistenza irachena e iraniana contro Usa, Israele, Nato e loro mercenariato jihadista, l’impetuosa crescita del suo prestigio e della sua influenza nella regione e al di là di essa, hanno fatto saltare i nervi ai suoi nemici. E siamo ai pogrom di oggi che annunciano una nuova “rivoluzione verde” che in Occidente si spera risolutrice. Ma che non lo sarà, alla luce dell’unità del popolo iraniano, della sua coscienza politica, del suo patriottismo.

Dal golpe contro Mossadeq ai pogrom di oggi: la costante di una deformazione della verità sull’Iran

Dal giorno in cui la rivoluzione khomeinista ha posto fine alle ingerenze colonialiste e poi imperialiste (si ricordi il colpo di Stato angloamericano contro il premier Mossadeq nel 1952 e la restaurazione imperiale sotto lo Shah), l’Occidente non ha mai cessato di fornire all’opinione pubblica un quadro grottescamente distorto dell’Iran e dei suoi 80 milioni di abitanti. Oggi si riparte con la totale falsità di una dittatura, una società oppressa dal clero, una catastrofe economico-sociale, una matrice di terrorismo e instabilità in tutta la regione. La potenza che s’inventa interferenze russe nelle proprie elezioni, ma che non ha trascurato di intervenire, con tangenti, ricatti, manipolazione di settori sociali, tsunami mediatici e colpi di Stato, in praticamente ogni processo elettorale e genericamente politico dove fosse in gioco il dominio Usa, rinnova l’operazione fallita del 2009: obiettivo, ancora una volta il regime change e, in mancanza, l’aggressione, o diretta, o affidata a surrogati.

Le politiche neoliberiste di Rouhani, che hanno annullato in parte il progresso delle classi popolari realizzato da Ahmadinejad, ma soprattutto le sanzioni che l’accordo nucleare avrebbe dovuto far sospendere, ma che Trump ha rafforzato, hanno peggiorato le condizioni di vita di vaste masse: aumento dei prezzi di carburanti ed energia, annullamento dei sussidi alimentari, inflazione, crisi del bazar, disoccupoazione. Ed è successo quanto s’è visto e documentato a Kiev, Bengasi in Libia, Deraa in Siria, Caracas. Parte una pacifica rivendicazione di piazza in varie città iraniane, nel giro di ore, secondo un programma dettagliato pubblicato in rete, in varie città spuntano gruppetti di non più di 50 soggetti che, alle richieste di aumenti salariali e altri interventi economici, sovrappongono slogan anti-sistema, contro il governo e, con particolare virulenza contro il “dittatore” Khamenei, che è dittatore quanto lo è il capo di Stato di qualsiasi paese europeo. 

La monotonia dei copioni per le rivoluzioni colorate

Se “morte al dittatore” e “morte a Khamenei” ci riportano dritti dritti agli auspici di morte indirizzati a Maduro, Gheddafi o Assad dal mercenariato jihadista di Obama-Clinton, l’inconfutabile marchio israeliano risuona, poi, nelle imprecazioni contro il ruolo regionale dell’Iran e contro l’impegno per la Palestina, Gaza e il Libano: “Giù le mani dal Medioriente”, “No Gaza”, “No Libano”. Non passano che poche ore e, immancabili, partono colpi di arma da fuoco, non si capisce bene da quale parte (per i media occidentali inconfutabilmente dalla polizia) e cadono le prime vittime. A tempo scaduto, escono fuori prove, video, testimonianze e confessioni che attestano la presenza di infiltrati impegnati a sparare sulla folla. Su questo aspetto, tuttavia, i massmedia appaiono distratti. Come ciechi e sordi, “diversamente abili”, appaiono a fronte della immediate e di gran lunga numericamente superiori manifestazioni di massa a sostegno del governo e contro i complottisti stranieri.

Guarda chi c’è: Amnesty e, in coda, il manifesto

Intanto hanno lucidato le proprie trombe tutti gli squalificatissimi arnesi della cosiddetta “società civile” e dei “diritti umani”, gli scontati travestimenti dell’intelligence imperialista, da Amnesty International a HRW e alla National Endowment for Democracy, con pesce pilota, da noi, il “manifesto”, zelantissimo su tutte le campagne delle false sinistre e vere destre internazionali: russofobia, “dittatori”, migranti e Ong sorosiane, molestie, gender, “populisti”, “sovranisti”, “minaccia fascista” incombente (che, per carità, non riguarda mica censura, militarizzazione, securitarismo, bellicismo, colonialismo, guerra ai poveri su entrambi i lati dell’Atlantico). Ogni tanto , nell’idea fallace che pure in quelli del “manifesto” debba sopravvivere un briciolo di morale e di onestà intellettuale (non penso agli auto- ipnotizzati che contribuiscono pensando di scrivere per un giornale dalla parte dei deboli e oppressi), mi chiedo se gli balena mai il sospetto di aver dato il proprio contributo allo squartamento di Jugoslavia, Libia, Siria, Iraq e, con questo, all’eliminazione di milioni di innocenti. Se lo chieda anche il comunista Manlio Dinucci.

Una di queste entità, la Foundation for Defense of Democracies, del talmudista Mark Dubowitz, ha sintetizzato il programma di distruzione dell’Iran, nel plauso del direttore della Cia, Mike Pompeo e del segretario di Stato Tillerson, nei termini di un appello a Trump di lanciare “l’offensiva finale contro il regime di Tehran, indebolendone le finanze attraverso più massicce sanzioni economiche e minandone la direzione attraverso la mobilitazione delle forze pro-democrazia”. Al tempo stesso il Congresso ha votato cospicui finanziamenti ai terroristi del MEK, la cui presidente, Maryam Rajavi, non ha perso l’occasione peri incitare “l’eroico popolo dell’Iran” all’assassinio del dittatore Khamenei e alla liberazione dei prigionieri politici. 

 Neda Soltan e il trucchetto

Presto emergerà una nuova eroina-simbolo della “rivoluzione democratica”, sul modello di Neda Soltan, ricordate? La giovane manifestante di Tehran uccisa dagli agenti del regime di cui, poi, un video dimostrava la finta morte allestita con finto sangue dai suoi compari e un giornale tedesco, la Sueddeutsche Zeitung, la resurrezione in Germania. 

Nulla di nuovo sotto il sole. Solo che questa volta temo che, constati i propri rovesci in Medio Oriente, grazie anche all’Iran, i veri Stati canaglia vogliano andare fino in fondo. E qui, amici, la controinformazione è vitale. Soprattutto per spuntare le frecce avvelenate che, in partenza dall’house organ sorosiano che si fregia del vezzeggiativo “quotidiano comunista”, contaminano le facoltà raziocinanti di tanti dabbenuomini e tante dabbendonne, anche femministe, anche LGBTQ, al punto da trascinarseli appresso nel lastricare la strada dell’inferno.

 

Esercitazione Trident Javelin 2017: i Comandi NATO si addestrano in operazioni difensive

https://www.tgvallesusa.it/2017/11/28634/

TG Valle Susa - Informazione indipendente

L’esercitazione non prevede “lo schieramento di truppe a terra”, e si colloca in un contesto di operazioni previste dall’articolo 5 del Trattato NATO del 1949

 È entrata nel vivo l’esercitazione che coinvolge i comandi  in Europa, con l’obiettivo di testarne e migliorarne le componenti di comando e controllo in caso di attivazione di operazioni difensive.

L’esercitazione, che riguarda esclusivamente i posti comando, continuerà fino al 17 novembre con la simulazione di un’operazione congiunta, in risposta a un’aggressione nei confronti di un Paese membro dell’Alleanza.

Per le sue caratteristiche, l’esercitazione non prevede “lo schieramento di truppe a terra”, e si colloca in un contesto di operazioni previste dall’articolo 5 del Trattato NATO del 1949 (difesa collettiva dei territori e delle popolazioni degli Stati membri). Saranno simulate le sfide più impegnative che l’Alleanza potrebbe trovarsi ad affrontare nell’ambito della sicurezza, comprese le minacce cyber e quelle ibride/terroristiche.

L’esercitazione coinvolgerà tutti e tre i livelli della struttura militare NATO: il Supreme Headquarters Allied Powers Europe (SHAPE) in Belgio a livello strategico, il Joint Force Comand (JFC) di Brunssum nei Paesi Bassi, comandato dal Generale italiano Salvatore Farina, a livello operativo e altre Sedi a livello tattico, quali:

– il NATO Land Command (LANDCOM) – Comando delle componenti terrestri, con sede a Izmir, in Turchia, che è schierato a Stavanger in ;
– il NATO Maritime Command (MARCOM) – Comando delle Forze Marittime,  a Northwood, nel Regno Unito;
– il NATO Air Command (AIRCOM) – Comando delle Forze Aeree, con sede a Ramstein in Germania;
– il NATO Special Operations Headquarters (NSHQ) –  Comando delle Forze Speciali con sede a Mons in Belgio.

All’esercitazione partecipa personale di staff di tutti i Paesi membri dell’Alleanza. In particolare per l’Italia sono presenti “Command Responce Cell” del NATO Rapid Deployable Corp (NRDC) di Solbiate Olona, elementi del CIMIC Group di Motta di Livenza e del 28^ Reggimento Pavia di Pesaro.

Un ruolo rilevante è svolto dal Joint Warfare Center (JWC) di Stavanger, Norvegia, che ha ideato lo scenario fittizio dell’esercitazione, denominato “Skolkan 3”, che comprende una campagna militare per ripristinare l’integrità territoriale di un Paese Alleato.

Il Comando responsabile dello svolgimento dell’esercitazione è il JFC di Brunssum, che oltre ad avere il compito della conduzione complessiva dell’attività, dovrà conseguire gli obiettivi politici – strategici, sincronizzando gli sforzi di tutte le componenti subordinate.

Sarà intensa anche l’interazione con le nazioni ospitanti, Norvegia e Paesi Baltici, e le organizzazioni internazionali, governative e non governative, per addestrarsi il più realisticamente possibile, al fine di sostenere il compito fondamentale della NATO di difesa collettiva.

La “Trident Javelin”, dopo la serie di esercitazioni “Brilliant”, conclude il processo di certificazione per gli elementi di comando e di controllo della “Forza di risposta rapida” della NATO (NRF), che nel 2018 vedrà passare la responsabilità della fase di stand-by, dal comando JFC di Napoli a quello di Brunssum.

da Difesa Online

Le vere fake news, quelle che producono guerre

propaganda fake newsAlla trasmissione “L’aria che tira”, de La7, il deputato Andrea Romano del Partito democratico ha compiuto un triplo salto mortale in tema di fake news.

Citiamo testualmente. Dal secondo -1:20 a al secondo -0:55, Romano spiega: “La Nato, l’organizzazione internazionale che ci tutela in qualche modo dal punto di vista militare, è da qualche anno che investe soldi contro le fake news, ma non tanto per fare censure ma perché esse rappresentano uno strumento di conflitto geopolitico normalmente organizzato dalla Russia. O addirittura qualche giorno fa è venuto fuori che anche il Venezuela, che c’ha i suoi guai, era coinvolto nei motori di fake news“.

Tralasciamo la fake news sul coinvolgimento del Venezuela nelle fake news: giorni fa il sito venezuelano Mision verdad aveva al contrario smascherato i finanziamenti statunitensi (Usaid, Ned, Dipartimento di Stato e Dip. della difesa) a chi poi produce bufale sul Venezuela per l’appunto. Quindi è semmai il contrario, deputato.

Tralasciamo anche l’eufemismo con il quale Romano definisce la Nato: una specie di Madre Teresa, però più efficace nel proteggerci sotto il suo manto. 

Ma che della Nato si dica che combatte presunte fake news, è davvero un po’ troppo forte. Visto che quell’organizzazione e i suoi Stati membri di menzogne ne producono in quantità. Anche di recente. E sono fake news mortali, perché legittimano l’avvio di guerre e la loro prosecuzione. Il caso della Libia e della Siria è paradigmatico.

Peccato che in materia, il vignettista Vauro, anch’egli presente in trasmissione, si sia ricordato solo della fake news di Bush e Powell nel 2003 riguardo all’Iraq; dove non fu direttamente la Nato a bombardare. E questa sua sincera dimenticanza è un’ennesima prova che negli ultimi anni ben pochi fra gli ex pacifisti si sono impegnati a contrastare  le vere fake news, quelle che con le quali l’Asse delle Guerre Nato/Golfo agisce. Le hanno contrastate così poco che nemmeno le ricordano.

di Marinella Correggia – 08/12/2017 Fonte: sibialiria

https://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=59865

I milioni di Facce della Fame in Yemen per il Blocco Saudita

 

Maledetti sauditi e tutti i politically correct nostrani al loro libri paga, solidali per ingrassare mafia capitale Per il popolo yemenita non spendete una parola???
Sono troppo debilitati per fuggire, ecco chi veramente muore di fame

milioni di Facce della Fame
I milioni di Facce della Fame in Yemen per il Blocco Saudita
Fonte: Comedonchisciotte
Due anni fa, l’intelligence tedesco mise in guardia il mondo dal rischio gravissimo che l’Arabia Saudita stava creando in questa regione. All’epoca sull’argomento scrissi un post,German Intelligence Warns – Saudi Arabia to Play “Destabilizing Role” in the Middle East Eccone un estratto:
L’Arabia Saudita sta rischiando di diventare il paese più destabilizzante nel mondo arabo, secondo quanto informa  l’intelligence tedesca.
Secondo il servizio di intelligence BND, lotte di potere interne e voglie di emergere come  principale forza araba minacciano di rendere  il maggior alleato dell’Occidente una fonte di instabilità.
Si legge su una nota rilasciata dalla BND alla stampa tedesca : “L’attenta posizione diplomatica dell’ attuale famiglia reale saudita sarà sostituita da una politica di intervento impulsivo”.
L’Arabia Saudita è già stata accusata di fornire armi e finanziamenti ai gruppi jihadisti che combattono in Siria, compreso lo stato islamico in Iraq e l’ISIS.
Il soggetto di questo ammonimento della intelligence altri non era che il principe della corona  Mohamed bin Salman, o MBS.  Io avevo avvertito dei pericoli specifici che la sua personalità razzista e sociopatica presentava da anni, e l’ultima purga finalmente lo ha ammesso sotto i riflettori e tutti hanno potuto vederli.
MBS  con le sue politiche sconsiderate e fallimentari ha già portato devastazioni in ampie zone della regione in particolare in  Yemen e Qatar. Il post di oggi si concentrerà sulla catastrofe umanitaria che sta avvenendo in Yemen, per gentile concessione del principe della Crown Saudita.
The New York Timesha riportato la scorsa settimana:
I tre giorni di blocco dei punti di ingresso in Yemen, posto dalla rabbia, minaccia di far sprofondare un paese già devastato dalla guerra in una carestia che potrebbe far morire di fame milioni di persone, ha dichiarato mercoledì  un alto responsabile delle Nazioni Unite.
La crisi dello Yemen è peggiorata da lunedì scorso, quando i Sauditi hanno imposto il blocco,  dopo che un missile è stato sparato dal gruppo ribelle Houthi – appoggiato dall’Iran, che ha combattuto contro la coalizione militare guidata dai Sauditi per quasi tre anni – raggiungendo il cuore del loro territorio.
Malgrado le assicurazioni dell’Arabia Saudita che questa misura sia solo temporanea, in attesa di verificare le procedure di controllo, praticamente tutti gli aiuti umanitari allo Yemen sono stati bloccati, e tra questi almeno tre aerei delle Nazioni Unite pieni di forniture di emergenza.
Mr. Lowcock ha detto che i Sauditi devono consentire immediatamente l’ingresso di cibo e medicinali in tutti i porti marittimi, l’immediata ripresa dei servizi aerei verso le città di Sana e Aden e che si devono dare  “garanzie di non interferire ulteriormente con questi servizi”.
Senza queste misure, ha affermato, lo Yemen cadrà nella ” più grande fame che il mondo abbia mai visto da molti decenni, con milioni di vittime”.
Il programma alimentare mondiale dell’agenzia delle Nazioni Unite, che ha  ha alimentato 7 milioni di persone ogni mese in Yemen, ora non è più in condizioni di farlo, ha dichiarato Lowcock. “Cio di cui abbiamo bisogno è rompere il blocco per salvare la vita di quelle persone”.
Il paese sta combattendo contro una acuta crisi di fame che ha colpito almeno 17 milioni di persone. Più di un terzo sono considerati vicini alla carestia ed inoltre in Yemen è scoppiato anche il flagello del colera con quasi 1 milione di ammalati.
“Le linee di approvvigionamento umanitario  verso lo Yemen devono rimanere aperte”, ha dichiarato Robert Mardini, direttore regionale della Croce Rossa per il Vicino e Medio Oriente. ” Cibo, medicinali e altri rifornimenti essenziali sono fondamentali per la sopravvivenza di 27 milioni di Yemeniti già indeboliti da un conflitto che è arrivato al suo terzo anno”.
 Dopo di che i sauditi hanno aperto il porto di Aden e il passaggio di Wadea, ma questo è assolutamente inadeguato.
Come notaAl Jazeera :
Venerdì, l’Ufficio ONU per il coordinamento per gli aiuti umanitari, OCHA, ha dichiarato che la coalizione stava ancora bloccando le consegne di aiuti ONU, tanto disperatamente necessarie allo Yemen, nonostante la riapertura di Aden e di Wadea.
“I movimenti umanitari in Yemen rimangono bloccati”, ha dichiarato il portavoce dell’OCHA Russell Geekie.
“La riapertura del porto di Aden non basta. Dobbiamo vedere  tolto il blocco da tutte le porte di accesso, in particolare Hodeida, sia per le importazioni umanitarie che per quelle commerciali “. Ha detto il Segretario alle forze dell’ONU Mark Lowcock  al Consiglio di Sicurezza, perché se questo blocco non sarà eliminato, lo Yemen  dovrà affrontare “la più grande fame che il mondo abbia visto da molti decenni, con milioni di vittime”.
Stylianides  faceva eco alle preoccupazioni di Lowcock: ” Lo Yemen sta soffrendo la peggiore crisi umanitaria del mondo, con più di due terzi della sua popolazione che ha bisogno di assistenza umanitaria” .
“La UE condivide le preoccupazioni espresse da Lowcock e chiede l’immediata e incondizionata riapertura nelle vie di accesso al paese per evitare che lo Yemen cada nella più grande fame degli ultimi decenni”, ha dichiarato Stylianides.
Quello che stiamo vedendo qui è potenzialmente la peggior carestia da decenni, ed è importante che qualsiasi americano,  indipendentemente dalla sua appartenenza politica, che abbia una dignità ammetta che le mani del nostro governo sono sporche di sangue.
Come ha scritto The Intercept :
L’Arabia Saudita conta molto sulla condivisione sia di intelligence, che di  forze militari U.S.Aper il rifornimento degli aerei da guerra della coalizione, e del  trasferimento   di bombe a grappolo American-made,  di missili e di altre munizioni che servono per colpire obiettivi in Yemen.
Il Congresso, comunque, non ha mai autorizzato un appoggio degli  U.S.A a questa guerra, che ha causato 10.000 morti civili e che in questi ultimi mesi è entrata in una spirale che sta portando alla peggior crisi umanitaria del secolo. Per due anni l’Arabia Saudita ed i suoi alleati hanno imposto un blocco in mare e in cielo tutto intorno allo Yemen. Ora, più di 7 milioni di  yemeniti stanno vedendo in faccia la morte per fame e migliaia,in  maggior parte bambini, stanno morendo di colera. Gli aerei della coalizione hanno ripetutamente colpito  mercati affollatiospedalicentrali elettriche  ed altri obiettivi civili.
Molti membri del Congresso hanno mostrato un interesse per questi fatti, facendo presente che sia assurdo che le amministrazioni  Obama e  Trump  si siano basate sulla autorizzazione concessa nel 2001 per l’ Uso della Military Force per giustificare il coinvolgimento U.S.A. in questo conflitto. Una autorizzazione decisa per contrastare solo i gruppi terroristici responsabili degli attacchi dell’11 settembre, non per intervenire in una guerra civile in Yemen.
Per 16 anni, l’esecutivo ha preso questa AUMF come giustificativo  legale per gli interventi nei conflitti in tutto il Medio Oriente e in Africa, una strategia che è legalmente discutibile. Ma l’uso che viene fatto dalla AUMF nel contesto dello Yemen è particolarmente bizzarro dato che l’obiettivo della AUMF è combattere Al Qaeda, mentre il gruppo AQAP – Al Qaeda nella penisola araba – combatte a fianco  della coalizione Usa-Saudita contro i ribelli Houthi.
Una accordo bipartisan  che voleva votare un’autorizzazione alla guerra, H.Con.Res.81 è stata malamente battuto  la scorsa settimana dopo un iniziale political momentum. Il 1° novembre, i legislatori hanno tolto a questo disegno di legge il suo status privilegiato, il che significa che il disegno di legge non godrà più della la facilitazione di un voto veloce. Il voto veloce era stato chiesto per invocare la legge sui poteri di guerra del 1973 per interrompere il coinvolgimento USA nella guerra dello Yemen.
Poiché questo disegno di legge non è più privilegiato, tornerà alla commissione per gli affari esteri della Camera, guidata dal californiano -repubblicano  Ed Royce, un legislatore che ha espresso il suo profondo sostegno alla campagna militare guidata da Sauditi. Sono pochi quelli che si aspettano che la legge vada avanti ora che è tornata in mano a  Royce. Lo scorso aprile, Royce lesse una dichiarazione di sostegno per la campagna dei Sauditi in Yemen e fece  inserire nel registro congressuale un articolo che riportava il punto di vista di un generale saudita.
La mossa per bloccare la  H.Con.Res.81 è stata apparentemente negoziata   sia dalla leadership democratica che da quella repubblicana e come parte del compromesso, ci sarà qualche dibattito congressuale sulla guerra, anche se non ci sarà nessunavotzione. Come ha  riportato in precedenza The Intercept, il Rep. Steny Hoyer, è stato uno dei leader democratici che si sono opposto a invocare il War Powers Act per portare a termine l’intervento degli Stati Uniti nella guerra.
Ci sono ancora degli sponsor che spingono e che sperano di convincere durante il dibattito a votare sulla guerra.
“I nostri interessi di sicurezza nazionale in Yemen non sono chiari, ma stiamo dando soldi e assistenza militare all’Arabia Saudita in modo che possano continuare la loro guerra in Yemen”, ha dichiarato Thomas Massie, R-Ky, uno dei 43 co-sponsor. “Questa azione militare non è mai stata autorizzata dal Congresso ed il popolo americano merita un dibattito aperto tra coloro che hanno eletto”.
Il Rep. Walter Jones, RN.C., anche lui co-sponsor della risoluzione, ha espresso la propria frustrazione per il rifiuto del portavoce Paul Ryan sulla votazione sulla guerra e la sua delusione per il fatto che questa soluzione di compromesso negoziata dalla direzione del Congresso non includerà una votazione finale.
“Parte della mia frustrazione è dovuta al fatto che il Congresso non rispetta le sue responsabilità costituzionali, quando manda ragazzi e ragazze a morire per questo paese, mentre ha il dovere costituzionale di discutere sulla n ecessità della guerra ” ha detto Jones. “Il voto per andare in guerra in Yemen, non possiamo nemmeno votare questa risoluzione. Per me questo è il modo in cui il Congresso non deve funzionare e non funzioniamo perché non rispettiamo la costituzione ».
Nel frattempo, molti dei cretini seduti al Congresso non possono essere disturbati per rispondere a domande sullo Yemen.
milioni di Facce della Fame2
Pubblicato daNowThis Politics
Visualizzazioni: 1.626.235
 Una guerra incostituzionale che potrebbe portare alla peggiore carestia da decenni? Veramento, io ora sono troppo occupato per cercare di capire come fare qualche taglio alle tasse degli oligarchi.
Dopo tutto,  di cosa dobbiamo preoccuparci?  Ci sono tanti di quei soldi pche si possono fare con la guerra!
BERLINO —  Mentre ONU e  agenzie umanitarie internazionali  lanciano un allarme per il blocco saudita agli aiuti inviati in Yemen, europei e americani sono rimasti per lo più in silenzio. Le poche note uscite nelle capitali occidentali nelle ultime settimane non sono state altro che messaggi di sostegno per gli Yemeniti per la loro catastrofica crisi umanitaria  – ma in effetti sarebbe il contrario.
Due settimane fa, l’ex  Ministro della Difesa britannico Michael Fallon,  ha fatto una chiara valutazione della visione del governo sulla controversia. “Devo ripetere, tristemente, a questo comitato che,  ovviamente fare altre critiche dell’Arabia Saudita in questo Parlamento non sono utili”, ha detto Fallon al comitato parlamentare di difesa, durante la discussione per la prevista vendita di diversi aerei da combattimento all’ Arabia Saudita. (Fallon ha dato le dimissioni  per le molestie sessuali).
In risposta all’ attacco missilistico proveniente dal territorio dello Yemen, destinato all’Arabia Saudita, che ha scatenato l’ultima  escalation, Trump ha ignorato allo stesso modo la piaga dei civili in quel paese in guerra e invece ha continuato a complimentarsi per le armi Usa vendute all’Arabia Saudita.
Sia gli USA che GB hanno fatto più soldi che mai con le vendite di armi all’Arabia Saudita. I critici di Human Rights temono che l’Arabia Saudita non si sia comprato solo le armi ma anche la loro accettazione per queste politiche.
milioni di Facce della Fame3
Naturalmente l’attrazione che ha l’Arabia Saudita per i Paesi occidentali non riguarda solo la vendita di armi. Giovedi, Downing Street ha detto che fornirà alla ARAMCO – gigante della energia saudita – garanzie di credito di 2 miliardi di dollari per facilitare l’interscambio tra i due paesi. GB e USA stanno cercando di persuadere l’ Aramco a laniare una attesissima OPA (di centinaia di miliardi di dollari) sulle borse di Londra e  di New York, mentre il presidente Trump tweetta che questa mossa  sarebbe “Importante per gli Stati Uniti !”
Lo scorso anno negli Stati Uniti, l’amministrazione Obama sospese per lo stesso motivo la vendita di munizioni di precisione a Riyad, ma l’amministrazione Trump  crede  di poter riprendere queste  vendite.  A Maggio c’è stato un fermo  isolato alle esportazioni di armi USA verso il Regno, ma  Trump ha dato un sostegno sempre più forte alla leadership saudita. Allo stesso modo, la Germania sta ancora esportando attrezzature militari verso il Regno, anche se ora sembra esitare per le consegne dirette di armi.
Se questo non è MAGA, allora non so cosa sia.
Se i politici dela UE fossero determinati ad imporre un embargo sulle armi verso l’ Arabia Saudita, i parlamentari dovrebbero persuadere i governi di tutti gli Stati membri ad accettare questo divieto, ma con più di una dozzina di nazioni che  guadagnano soldi  con le esportazioni di armi e di attrezzature militari nel Regno, le possibilità di un embargo sono praticamente inesistenti
Ogni tentativi delle ONG di obbligare i governi a impegnarsi per un embargo per imposizione di un tribunale è stato bloccato, anzi tutto il movimento di supporto all’embargo ha subito una grande sconfitta quest’estate, quando l’alta corte di Londra ha dichiarato che la Gran Bretagna non è stata complice nei presunti crimini di guerra in Yemen, consentendo ai militari sauditi di usare armi britanniche.
Il tribunale si è rifiutato di dire come sia potuto giungere alla sua conclusione, e ha impedito al pubblico di prendere visione delle prove chiave.
Ha sempre senso seguire la pista dei soldi.
di Michael Krieger – 15/11/2017
Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione Bosque Primario

Il cannibalismo che piace

Ad agosto gli “espropriati” ossia latifondisti bianchi “ex” coloni  “chiedono” di essere risarciti della terra non proprio loro, allo Zimbawe dove Mugabe attuò la riforma agraria. Nell’ultimo mese, coincidenza, la stampa “che sta dalla parte degli ultimi” , intensifica le accuse contro il socialista patriota Mugabe con il solito corollario di storie che si attribuiscono ai “dittatori” (quelli che non ci stanno a farsi cannibalizzare dalle companies) , genocidio, arricchimento personale (eh già, mica come i nostri landgrabbingrappresentanti europei ed occidentali che si tolgono il pane di bocca per sfamare i disoccupati ed indigenti) fino ad arrivare al modo “stravagante” di vestirsi, manco fosse reato. Ed ora che Mugabe si è dimesso ( e chissà chi c’era ad operare sul campo per sobillare le folle) quelle terre scommetto rimarranno di proprietà dei 4100 “agricoltori” stranieri.
 
Tutta la stampa sostiene che questa riforma abbia peggiorato la distribuzione delle risorse agricole, ma perché gli “agricoltori bianchi” coltivavano la terra quasi a gratis solo per il gusto di sfamare gli indigeni?? SOTTO L’ART SUL LAND GRABBING CHE STA PER CANNIBALIZZARE IL MOZAMBICO, ALTRI DETTAGLI SUL “MOVENTE” CHE HA TRASFORMATO MUGABE NEL MOSTRO per la stampa occidentale tanto tanto “filantropa”. Può essere che Robert Mugabe non sia uno stinco di santo, difficilmente chi lotta per la liberazione del proprio popolo (almeno vale solo per la storia dell’occidente??) lo abbia fatto a tavolino giocando a carte, ma scusate se non credo ad una parola delle accuse rivolte a chi la stampa su ordine del potere trasforma in mostro, ci hanno mentito troppe volte, SEMPRE.
 
Le big companies espropriano, loro scappano (quelli che hanno i soldi per farlo) ed approdano in Italia, dove li “risarciamo” (appunto, i più “ricchi” che possono permettersi un “biglietto”, quindi una esigua parte) con i nostri soldi del danno subìto. Geniale, chapeau, maledetta elite. Profitto doppio.
Mozambico: land grabbing per la carta
Un progetto colossale: trasformare vaste aree dell’Africa in piantagioni per la produzione di carta. Sembra un vecchio sogno coloniale nel cuore del Mozambico, ma è storia di oggi. Dietro c’è la portoghese “The Navigator Company” e la sua filiale locale Portucel Mozambique. Le associazioni locali sono profondamente preoccupate per gli impatti sui mezzi di sussistenza delle popolazioni locali e sulla biodiversitàIl progetto ha già creato enormi danni, con numerose famiglie di contadini forzate a cedere la propria terra o convinte a transazioni-truffa da intermediari senza scrupoli, e ora si ritrovano senza mezzi di sostentamento. Anche le restanti aree di foresta asciutta (Miombo) sono in pericolo, poiché una parte di esse sarà convertita in piantagione, mentre le restanti saranno sottoposte alla pressione di contadini rimasti senza terra, o senza foreste in cui raccogliere legna o altri prodotti.
 
Un rapporto, “A Land Grab for Pulp” (land grabbing per la cellulosa – Il rapporto in inglese (PDF), lo potete scaricare QUI ) è stato pubblicato dall’Environmental Paper Network, assieme ad associazioni del Mozambico e del Portogallo, e spiega esattamente dove si svolge l’accaparramento di terra e include testimonianze di contadini che hanno perso la terra da cui dipendono per la sussistenza, in cambio di lavoro a breve termine (come arare il proprio stesso orto, per poi essere licenziati) e ora debbono cercare terra in luoghi remoti. Il rapporto mette in dubbio se sia stata effettuata una autentica consultazione delle popolazioni sotto impatto (sulla base del principio del consenso previo e informato). Il rapporto analizza anche i rischi e gli impatti ambientali del progetto, che convertirà l’habitat forestale e la biodiversità del Miombo in piantagioni monocolturali.
17.11.2017
Zimbabwe: proprietari bianchi chiedono “giustizia e risarcimenti” per riforma agraria
Harare, 22 ago 2017 – (Agenzia Nova) – I proprietari bianchi che hanno perso i propri terreni agricoli a seguito della controversa riforma agraria lanciata nel 2000 dal presidente dello Zimbabwe, Robert Mugabe, hanno avviato una “iniziativa legale” per ottenere “giustizia e risarcimenti”. Lo riporta il quotidiano locale “New Zimbabwe”. Gli agricoltori sono sostenuti da un gruppo sudafricano per i diritti civili, AfriForum, che ha sollevato il caso davanti alla Comunità di sviluppo dell’Africa australe (Sadc). Nella petizione presentata si legge che l’avvio del procedimento è stato già notificato al presidente Mugabe e a tre ministri del governo di Harare.
Solo la scorsa settimana, in occasione delle celebrazioni della Giornata degli eroi, il presidente Mugabe ha dichiarato che i cittadini che a seguito della riforma agraria dello Zimbabwe hanno ucciso proprietari terrieri bianchi “non dovrebbero essere processati”. “Non porteremo mai davanti alla giustizia chi ha ucciso coloro che si sono opposti alla riforma. Continuo a chiedermi perché dovremmo arrestarli”, ha affermato il capo dello Stato di Harare. Parole che non hanno mancato di scatenare un vespaio di polemiche, in particolare sui social network, dopo un periodo in cui a chiedere le dimissioni del 93enne Mugabe, intenzionato a candidarsi anche alle prossime elezioni presidenziali, era stata messa in dubbio persino da veterani del partito al potere, lo Zanu-Pf.
La riforma agraria voluta da Mugabe ebbe inizio nel 2000 con la confisca di terreni a circa 4 mila proprietari bianchi, cui era rimasto il controllo delle migliori terre coltivabili del paese anche dopo la fine del processo di decolonizzazione. In seguito, lo stesso capo dello Stato avrebbe ammesso il fallimento della riforma, che secondo gli osservatori sarebbe alla base della profonda crisi economica tuttora attraversata dallo Zimbabwe. “Credo che abbiamo dato troppi terreni alla nostra gente. Non sono in grado di gestirli”, avrebbe dichiarato Mugabe nel 2015. (Res)
estratto da un art del 2010 de Il Giornale Zimbabwe, il 40% delle terre dei bianchi agli amici di Mugabe
Gli espropri hanno favorito l’elite vicina al dittatore, beffati i neri poveri che secondo la propaganda di regime dovevano trarne vantaggio.Una «nuova elite nera di circa 2.200 persone, controlla – ha scritto l’agenzia – quasi la metà delle terre più redditizie espropriate a circa 4.100 agricoltori bianchi».  Prima del 2000, data di inizio della campagna di espropri forzosi – scrive l’agenzia – 4.500 membri della Commercial farmers’ Union, in prevalenza bianchi, e 1.500 altri agricoltori bianchi non affiliati possedevano quasi 15 milioni di ettari delle terre migliori del Paese dell’Africa australe. Dieci anni dopo, ne rimangono meno di 400.
quindi sarebbe normale che ci siano 4100 “agricoltori” bianchi in una terra che non è loro?  e difatti in un art del TIcino on line datat 24.06.2002 li chiama con il loro nome: latifondisti
Zimbabwe: riforma agraria, scade ultimatum per latifondisti
HARARE – Ancora il problema agrario in primo piano in Zimbabwe: per quasi 3.000 latifondisti bianchi scatta a mezzanotte il divieto di continuare a sfruttare la loro terra, ma molti di essi sono pronti a contravvenire all´ordine che causerebbe la perdita di tonnellate di raccolto.
L´ordine di interrompere la coltivazione dei latifondi è l´ultimo tentativo, da parte del governo del presidente Robert Mugabe, nell´annosa battaglia per ´sequestrare´ la terra ai bianchi e redistribuirla alla popolazione nera. Una mossa necessaria, secondo il governo, per riequilibrare la situazione iniqua creata durante il periodo coloniale.
Il governo di Mugabe ha emendato la legge sull´acquisizione della terra il 10 maggio, ordinando ai latifondisti proprietari di terra destinata all´esproprio di fermare qualsiasi attività entro 45 giorni. Essi dovrebbero evacuare le rispettive proprietà entro il 10 agosto.
In base alla legge, un proprietario terriero rischia fino a due anni di prigione e/o una multa se non cessa, dalla mezzanotte di oggi, ogni lavoro relativo all´azienda. Negli ultimi due anni i sostenitori di Mugabe hanno lanciato più volte violenti attacchi alle proprietà dei latifondisti facendo precipitare il paese nel caos, ma la scottante questione della redistribuzione della terra non è ancora stata risolta.
D´altra parte, obietta una portavoce dell´Unione dei proprietari terrieri, in questo modo verrebbe compromesso un raccolto di cereali, cruciale per il prossimo inverno, in un paese che già deve far fronte a una grave crisi alimentare.
un pò di coreografia, un genocidio con la collaborazione dell'”esperto” dittatore koreano
Robert Mugabe, presidente dello Zimbabwe dal 1987, attualmente detenuto dall’esercito, oltre che il capo di Stato più anziano del mondo (ha 93 anni), è anche uno dei più controversi. A renderlo discusso non sono però solo le violazioni dei diritti umani dei quali è accusato e lo stato pietoso nel quale ha ridotto l’economia del Paese, celebre per l’iperinflazione da Repubblica di Weimar, ma anche le colorite dichiarazioni, i lussi da satrapo e il pittoresco abbigliamento, (quando non è in giacca e cravatta, sembra un incrocio tra una star del rap e un gangster dei bassifondi). È anche per queste bizzarrie che Mugabe, pur non essendo altrettanto sanguinario, entrerà nella storia, a fianco di Bokassa e Idi Amin, come uno degli autocrati più improbabili e stravaganti che abbiano funestato l’Africa.
Ha utilizzato istruttori nordcoreani per la pulizia etnica
Nel 1983, quando Mugabe ancora era primo ministro, il governo di Harare scatenò un massacro durato anni nei confronti dei cittadini di etnia Ndebele, i discendenti degli Zulu che vivevano in quelle terre. Si calcola che i civili uccisi furono 20 mila, sterminati dalla temutissima Quinta Brigata dell’esercito dello Zimbabwe, addestrata da 106 istruttori nordcoreani dei quali Mugabe aveva chiesto appositamente l’invio all’allora dittatore nordcoreano Kim Il Sung. Altre migliaia di persone finirono nei campi di concentramento
di FRANCESCO RUSSO 15 novembre 2017, 17:12
tratto da

O LA TROIKA O LA VITA- EPICENTRO SUD “NON SI UCCIDONO COSÌ ANCHE I PAESI?”

http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2017/11/o-la-troika-o-la-vita-epicentro-sud-non.html

MONDOCANE

MERCOLEDÌ 15 NOVEMBRE 2017

A questo link si trova il Trailer del docufilm di Fulvio Grimaldi e Sandra Paganini. In allegato la copertina e la serigrafia del dvd
 
O LA TROIKA O LA VITA- Epicentro Sud
“Non si uccidono così anche i paesi?”
 
“O la Troika o la vita” (90’) è stato girato nei mesi scorsi in Grecia, Puglia, Adriatico, territori terremotati e Bassa Padana. Può essere richiesto all’indirizzovisionando@virgilio.it  Per presentazioni pubbliche rivolgersi allo stesso indirizzo email.
 
Il film è un atto d’accusa, del tutto fuori dal coro, nei confronti di chi ha stabilito il destino funesto dei paesi del Sud del mondo, compresi quelli del Sud Europa. Illustra gli effetti sull’area mediterranea, mediorientale e africana, della globalizzazione neoliberista, con le sue conseguenze antidemocratiche, imposta dai superpoteri del finanzcapitalismo attraverso espressioni statuali e transnazionali: Usa, UE, Nato, Fondo Monetario Internazionale e Banca Centrale Europea.
 
La Grecia devastata e mutilata nel corpo e nell’anima, Medioriente e Africa aggrediti e saccheggiati con strumenti militari ed economici. Paesi depredati, ridotti in miseria da rapine e manipolazioni delle multinazionali, da accordi di scambio capestro, dai crimini climatici dell’Occidente, da terrorismi e conflitti civili innescati dal neocolonialismo allo scopo di annullarne la voce e il ruolo nel contesto internazionale. Intere popolazioni, soprattutto le generazioni giovani che dovrebbero costruirne il futuro, sradicate e costrette alla migrazione per diventare nel Sud Europa alienata massa di manovra per sfruttamento e destabilizzazioni. Operazione di ingegneria geopolitica colonialista, coperta da altisonanti campagne di mistificazione nel segno di presunti diritti umani, presunta solidarietà,  presunta integrazione, ma che occultano gli obiettivi veri: una successione di nazionicidi.
 
Il territorio nazionale abbandonato da governi inetti e corrotti a un dissesto progressivo, con conseguenze micidiali per salute e ambiente, sul quale imperversano, nella complicità di una politica totalmente prona alle lobby degli interessi particolari, nazionali e internazionali, le multinazionali dell’energia fossile, con sempre più pesanti ed accelerati effetti necrogeni su tutte le forme di vita.
 
Di ogni disastro detto naturale si scopre inesorabilmente la correità dei responsabili della cosa pubblica. Ogni terremoto è come se fosse il primo mai successo. Prevenzione ignorata, speculazione edilizia, abusiva o legale, lasciata all’arbitrio dei poteri economici, abbandono, incompetenza, disgregazione sociale, 
segnano il destino dei terremotati. 
Contro l’Idra pluricefala che si nutre e prospera in proporzione alle vittime che riesce a seminare, il documentario scopre con

 

sapevolezze, solidarietà vere, resistenze. Il confronto tra dominanti e dominati è aperto a qualsiasi esito. Dipende dalla conoscenza. Questo lavoro cerca di far emergere, dal mare di fake news in cui vorrebbero annegarci, elementi di conoscenza perchè i dominati possano servirsene.