A presto!

http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2017/06/a-presto.html

MONDOCANE

GIOVEDÌ 22 GIUGNO 2017

Un saluto a tutti.

E occhio a quelle merde di sauditi, ai vaccinatori multipli di Casa Frankenstein, agli smartphone che ti consegnano nudo come un verme a chi ti fotte e alla stupidità, al torvo papa sorridente e bla-bla-ista, a chi ti assalta alle spalle con le lame della “società civile”, dei “diritti umani”, dei “nostri valori”, a chi distrugge il Sud lontano svuotandolo delle sue forze umane migliori e fa saltare quel che resta del Sud vicino a forza di buonismi sorosiani, Ong, accoglitori universali e”dagli al sovranista”, al “populista”, all’ “identitario”. A chi ti scassa la minchia con “è l’Europa che ce lo chiede”.

E a chi vi circuisce ragliando di “nuova sinistra”, “riunire le sinistre”, “soggetto politico di sinistra”, Bersani, Pisapia, Fratoianni, Fassina, Vendola, rispondete: “Io sto col dittatore Assad, io sto col dittatore Maduro, io stavo col dittatore Gheddafi e anche con il dittatore Saddam. Io sto con Putin. Nessuno di voi vale un’unghia di questi.

E sento che dall’alto qualcuno mi fa pat pat sulla spalla. Che sia il Che? Che sia Marx? Magari è Gramsci? Accetterei, oggi come oggi, anche un buffetto di Keynes.

Ci sentiamo più in là. E poi ci sarà un docufilm che forse si chiamerà “O LA TROIKA, O LA VITA”

Ciao.
Un saluto a tutti.

E occhio a quelle merde di sauditi, ai vaccinatori multipli di Casa Frankenstein, agli smartphone che ti consegnano nudo come un verme a chi ti fotte e alla stupidità, al torvo papa sorridente e bla-bla-ista, a chi ti assalta alle spalle con le lame della “società civile”, dei “diritti umani”, dei “nostri valori”, a chi distrugge il Sud lontano svuotandolo delle sue forze umane migliori e fa saltare quel che resta del Sud vicino a forza di buonismi sorosiani, Ong, accoglitori universali e”dagli al sovranista”, al “populista”, all’ “identitario”. A chi ti scassa la minchia con “è l’Europa che ce lo chiede”.

E a chi vi circuisce ragliando di “nuova sinistra”, “riunire le sinistre”, “soggetto politico di sinistra”, Bersani, Pisapia, Fratoianni, Fassina, Vendola, rispondete: “Io sto col dittatore Assad, io sto col dittatore Maduro, io stavo col dittatore Gheddafi e anche con il dittatore Saddam. Io sto con Putin. Nessuno di voi vale un’unghia di questi.

E sento che dall’alto qualcuno mi fa pat pat sulla spalla. Che sia il Che? Che sia Marx? Magari è Gramsci? Accetterei, oggi come oggi, anche un buffetto di Keynes.

Ci sentiamo più in là. E poi ci sarà un docufilm che forse si chiamerà “O LA TROIKA, O LA VITA”

Ciao.

(le foto sono a Pescara del Tronto, a 10 mesi dal terremoto. Non s’è mossa né foglia, né maceria. Le dedico a chi mi ha anatemizzato per aver dichiarato di stare con il toro che, l’altro giorno, ha incornato il suo killer torero. Nel nome di tutti gli ammazzati per divertimento, soldi, potere)

Pescara del Tronto a 10 mesi dal terremoto
Pubblicato da Fulvio Grimaldi alle ore 18:40

IN VISTA DELL’ITALIA: LA GRECIA IN ITALIANO

http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2017/06/in-vista-dellitalia-la-grecia-in.html

MONDOCANE

GIOVEDÌ 15 GIUGNO 2017 

A questo link potrete trovare la traduzione, fatta dal bravo e gentile Franz per l’ottimo sito comedonchisciotte, del reportage di Panagiotis Grigoriou, etnologo e storico, scritto sul  nostro comune viaggio per la Grecia massacrata da Commissione Europea, FMI e BCE  su mandato dell’élite mondialista finanziaria e tradita dal fellone infiltrato Tsipras. Quello Tsipras che abortì addirittura un partituccolo politico  capeggiato dal mangiacinquestelle Marco Revelli, quello Tsipras uno dei transeunti miti del “manifesto” e di altre animelle belle dei soliti collateralisti sinistri. Ricordate la grottesca “brigata Kalimera” che si aggirava tra greci accoltellati alla schiena e suonava cimbali e arpe e intesseva lauri e velli d’oro al nuovo Temistocle vincitore dei persiani.


Un fervore forse attribuibile alla preveggenza delle varie Castelline e Rossande e Rangiere manifestaiole: oracolesse che avevano previsto il connubio da lì a poco celebrato a Tel Aviv tra il loro eroe omerico e il campione locale di ogni scelleratezza, con tanto di territori dei due Stati circonfusi sul piano operativo militare e terroristico nello stesso ambito geografico. Avremo, dunque, dinamitardi Mossad a portata di traghetto sotto bandiera bianco-blu. Ne aveva da festeggiare la Brigata Kalimera. Chissà se i vari dinucci, giorgi, colotti hanno goduto del buffet.


Sarebbe utile (o forse inutile) che questo preludio al nostro prossimo docufilm sui crimini euroatlantici a danni del Sud Europa venisse fatto leggere agli irriducibili lisergici dell’ “Altra Europa con Tsipras” nei quali si intravvede la sintomatologia dei lemmi che si suicidano in massa (“massa” si fa per dire) e che ora hanno insufflato fiati di autodistruzione nella già di per sè nata male consorteria elettorale confederativa di Anna Falcone e Tomaso Montanari. I girotondi continuano a girare. A quando finalmente “tutti giù per terra”? 

https://comedonchisciotte.org/guarda-in-camera/

ECOLOGIE RADICALE : LES INTERETS GEOECONOMIQUES ET GEOPOLITIQUES DES USA CONTRE L’INTERET ECOLOGIQUE DU MONDE : QU’ATTENDIEZ VOUS D’AUTRE DE TRUMP ET DE L’IMPERIALISME YANKEE ???

# LUCMICHEL. NET/ 512ba7bfaae9cb1aa0b0d8c0e0ce5b8a

 

“L’accord de Paris handicape l’économie américaine au profit des capitales étrangères…
Ils ne mettent pas l’Amérique d’abord, moi oui”
– Donald Trump (ce 1er juin 2017).

Le président Donald Trump a donc annoncé jeudi une sortie des Etats-Unis de l’accord de Paris sur le climat, risquant de provoquer une onde de choc mondiale pour les 194 autres pays signataires de ce texte historique. Confirmation plus qu’annonce, puisque cette décision, pour laquelle les lobbies du charbon et des hydrocarbures de schiste ont contribué puissamment à amener Trump au pouvoir, était au centre de sa campagne (voir mes analyses de novembre 2016).

Après des semaines d’atermoiements, l’homme d’affaires septuagénaire tient ainsi une de ses promesses de campagne au nom de la défense des emplois américains. Avec en arrière-plan les impératifs géopolitiques de la superpuissance américaine. Donald Trump s’était engagé à abandonner un accord multilatéral scellé fin 2015 dans la capitale française et voulu par son prédécesseur Barack Obama, et visant à limiter la hausse de la température moyenne mondiale. “Afin de remplir mon devoir solennel de protection de l’Amérique et de ses citoyens, les Etats-Unis se retireront de l’accord de Paris sur le climat”, a annoncé Donald Trump depuis la roseraie de la Maison Blanche, sous les applaudissements. Il a martelé qu’il ne “voulait rien qui puisse se mettre en travers” de son action pour redresser l’économie de la première puissance mondiale. Mais le président républicain a aussi assuré que son pays était prêt à négocier un nouvel accord climat.

Trump a hésité pendant de longues semaines et de nombreuses voix, sur la scène internationale (Chine et UE en tête), dans le monde des affaires et au sein même de son administration, l’ont appelé à revoir sa position, rappelant ces derniers jours l’urgence d’agir face au réchauffement en cours. Cet accord est “essentiel”, avait martelé jeudi la chancelière allemande Angela Merkel depuis Berlin, à quelques heures de l’annonce de M. Trump. Les Etats-Unis sont le deuxième émetteur mondial de gaz à effet de serre, derrière la Chine.

PEKIN (QUI PENSE A SON PROJET EURASTATIQUE DES « NOUVELLES ROUTES DE LA SOIE ») MONTE AU CRENEAU ET ENFONCE UN COIN DANS LE BLOC GEOPOLITIQUE AMERICANO-OCCIDENTAL !

Un retrait de l’accord de Paris place cependant les Etats-Unis dans une position inconfortable sur la scène internationale. Avant l’allocution présidentielle, la Chine et l’Union européenne étaient montées au créneau pour défendre l’accord qui vise à contenir la hausse de la température moyenne mondiale “bien en deçà” de 2°C par rapport à l’ère pré-industrielle. Depuis Berlin, où il a rencontré la chancelière allemande Angela Merkel, le chef du gouvernement chinois Li Keqiang a assuré que son pays tiendrait ses engagements. “Mais bien sûr, nous espérons aussi le faire avec la coopération des autres”, a-t-il pris soin d’ajouter. Pékin a été, avec l’administration américaine de Barack Obama, l’un des principaux artisans de cet accord sans précédent.

Les responsables de l’Union dite « européenne » ont adopté un ton moins diplomatique. Le président de la Commission européenne Jean-Claude Juncker avait jugé un retrait inacceptable. “Je suis un partisan de la relation transatlantique mais (…) dans un texte de loi et dans les accords internationaux, tout ne relève pas des informations bidons”, a-t-il lancé dans une allusion aux accusations récurrentes de Donald Trump contre les “fake news”.

La position même de Donald Trump sur le changement climatique, qu’il a par le passé qualifié de “canular”, reste entourée du plus grand flou.
Le président de la première puissance mondiale croit-il à l’impact des activités humaines sur le réchauffement en cours, sujet qui fait l’objet d’un très large consensus scientifique ? “Je ne peux le dire, je ne lui ai pas demandé”, avait répondu cette semaine son porte-parole sans sourciller …

MALGRE LES VOIX MULTIPLES DU SYSTEME QUI MINIMISENT LES CONSEQUENCES DE LA DECISION ANTI-ECOLOGIQUE DE TRUMP, CELLE-CI FRAPPE AU CŒUR FINANCIER DE LA COP24

Sur le plan financier, cela va compliquer les choses…
“Là oui. Cela va rendre les choses plus difficiles car les États-Unis étaient un gros contributeur. Obama avait promis jusqu’à 10 milliards.
Pour l’instant un seul milliard a été payé. Le reste, on ne le verra pas, avoue la ministre belgicaine de l’environnement.”

CE QUE NE VOUS DISENT PAS LES MEDIAS DE L’OTAN :
LE VERITABLE DOSSIER DERRIERE CELUI DE L’ANTI-ECOLOGISME DE TRUMP C’EST EN REALITE CELUI DU MARCHE MONDIAL DU PETROLE !!!

* Voir sur PCN-TV/
GEO-ECONOMIE & GEOPOLITIQUE :
LUC MICHEL DECRYPTE LA CRISE DU PETROLE ET LES MUTATIONS DE SON ‘NOUVEAU MARCHE MONDIAL’
sur https://vimeo.com/208195737

LUC MICHEL / 1er JUIN 2017

* Ma position pour l’Ecologie radicale (Deep Ecology) :
Lire sur LUC MICHEL/ ЛЮК МИШЕЛЬ/
LA NATURE A DES DROITS … L’ÉCOLOGIE RADICALE ET MOI !
http://www.lucmichel.net/2017/03/31/luc-michel-la-nature-a-des-droits-lecologie-radicale-et-moi/
_____________________________
LUC MICHEL/ ЛЮК МИШЕЛЬ/
#ЛюкМишель #LucMichelPCN
Facebook/ https://www.facebook.com/Pcn.luc.Michel/
Website/ http://www.lucmichel.net/
Twitter/ https://twitter.com/LucMichelPCN Le Blog/ http://www.scoop.it/t/luc-michel-le-blog

CORBYN TALLONA MAY? URGE ATTENTATO – Trump, clima e l’Arcadia degli ipocriti

http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2017/06/corbyn-tallona-may-urge-attentato-trump.html

MONDOCANE

DOMENICA 4 GIUGNO 2017

 

(Ci risentiamo tra un po’, sto in giro per il documentario)

Finiti i botti, si può anche sospendere la campagna elettorale

Se lo devono essere detti l’MI5, l’MI6, la loro dependance Scotland Yard, i fratelloni Mossad, CIA e i suoi 14 nipotini in Usa, i cugini delle varie marche imperiali europee, alla vista di uno che s’impegnava per un apocalittico cambio “dalla politica per i pochi alla  politica per i tanti” (Jeremy Corbyn). Roba mai vista da quando l’UE è entrata in funzione su mandato Rothschild, Rockefeller, Bilderberg e galassia finanziaria globale. Anatema. E così, dopo gli impiegati e il poliziotto sul Ponte di Westminster e i ragazzetti al concerto di Manchester, è toccata ai flaneur e alle flaneuses serali sul London Bridge e nei pub sottostanti a finire, come va il trend di questi tempi, sotto un veicolo e tra le lame dei servizi. 4 morti, più 22, più sette = 33, più parecchie decine di feriti, mutilati, menomati. Esito di una battaglia elettorale sul destino dei pochi e dei tanti. La May, primo ministro, ha cancellato quanto restava della campagna dei tanti. Se ne poteva fare a meno. Forse.

A Torino, nel tempo accuratamente costruito dal terrorismo di regime e media, in cui, se cade per terra un mazzo di chiavi,  o esplode una miccetta, o qualcuno starnuta forte, scatta il panico da attentato e conseguente fuga tumultuosa che travolge e schiaccia chi non corre abbastanza veloce, o non trova varchi, o è inciampato, per una partita virtuale su maxischermo si contano mille feriti e alcuni a portata di Caronte. In entrambi i casi, come in tutti quelli del prima e del dopo, il risultato è raggiunto. Colpendo nel mucchio. Di quelli che non c’entrano niente. Di quelli spendibili. Non una volta che si spari una bazookata contro le finestre di Goldman Sachs, o si faccia saltare la corrente alla NATO a Bruxelles, o si infili un candelotto sotto il sedile dell’ambasciatore saudita. Che sia mai. Non facciamoci del male da soli.

A cui si aggiunge un’altra considerazione. Social, vanterie degli specialisti e dei  ministri della “Sicurezza”, gole profonde della NSA, perfino il Report disinquinato di Sigfrido Ranucci (RAI 3), o le voci alternative di Pierluigi Paragone (La7), ci informano a valanga di quanto tutti siamo controllati, di come non sfuggiamo neanche al cesso o nell’alcova, di come il nostro cellulare racconti al collegato di che pasta siamo fatti e che pasta consumiamo, insomma come nulla di nessuno sfugga al Grande Occhio. Grande Occhio onnivedente e onniconoscente che resta cieco o chiuso quando gli formicolano davanti migliaia di reclute dell’Isis (chiamiamole così, per non disturbare), istruite nelle carceri o nei campi di Siria e Iraq, pendolari tra sgozzamenti a Mosul e Raqqa e deflagrazioni o piraterie stradali in Europa. “Li  conoscevamo, li abbiamo anche registrati, ma poi li abbiamo persi di vista…”.  Volatilità, volubilità, spensieratezze, disattenzioni, dei servizi di intelligence. Son ragazzi. Sempre meglio che farsi scoprire mandanti. “Tanto poi li secchiamo tutti”. Basterebbe sparare alle gambe, o tirare una siringa come alle pantere randagie, o un po’ di gas come i russi nel teatro di Mosca….Ma i morti non parlano.

Riscaldamento? Tutte balle.

Veramente volevo parlare d’altro. Poi questi ti prendono alla sprovvista e impongono le loro priorità. La storia migliore di questi giorni, prima di Londra e Torino, era quella di Trump distruttore del clima, terminator del pianeta. Esecrazioni, scomuniche, imprecazioni, sacrilegio. Tutti, nel solito arco da sinistra a destra, dal “manifesto” a Hillary Clinton (gemellaggio di antica data, celebrato da Soros), a fare i belli, puri e lindi e a candeggiare più bianco del bianco  l’unico nero di pelle e il più nero di tutti nell’anima che sia mai entrato nella Casa Bianca. L’ipocrisia al suo sublime.

Vediamo come stanno le cose partendo da un po’ più lontano. Sono i vuoti di memoria con cui ci  fregano.

Quel manigoldo inquinante di Trump, quei santi ecologisti di Clinton, Gore e Obama

C’ero anch’io al vertice del clima di Kyoto, Giappone, che si concluse con il peto omonimo chiamato accordo, del quale tutti poi negli anni, per loro i secola seculorum, se ne sono solennemente impippati. Brava gente, convinta di dover sistemare le cose, era andata fin sotto il Sol Levante a vedere di salvare cormorani, balene, foreste e vecchietti a rischiodi disidratazione. S’era visto un  laborioso tira e molla tra volenterosi (quelli in via di  soffocamento, o di annegamento) e neghittosi (quelli dello “sviluppo”). Si era arrivati a un qualcosa di appena decente che avrebbe dovuto assicurare il contenimento del riscaldamento climatico (a proposito di uova e galline: chi se ne frega se antropico o ciclico: il dato è la temperatura che sale e i gas che contribuiscono), prima che arrivasse Al Gore,. Si, fu quel Al Gore, che successivamente ecologisti e ambientalisti di bocca buona incoronarono principe senza macchia e paura  della, peraltro inusitatamente profittevole, Green Economy, a far saltare tutto.

Kyoto rasa al suolo da Gore

Ricordo che, piombato nella conferenza l’ultimo giorno, a buon accordo concluso, noi cronisti stavamo in una sala d’attesa dove il vice di Bill Clinton (marito della candidata cult del “manifesto”), animalista di prima classe canina, ci aveva lasciato in  compagnia del suo monumentale pastore tedesco. Unico membro della delegazione Usa, avremmo scoperto poi, a non impegnarsi per la rovina del globo. Gore prese a schiaffazzi  chiunque avesse anche solo un cappellino verde in testa, fin i poveri presidenti delle isolette del Pacifico con l’acqua alla gola, cancellò ogni cosa, ogni impegno vincolante e Kyoto generò l’aborto del cosiddetto mercato delle vacche per le emissioni clima mutanti: i ricchi comprano licenze di inquinamento dai poveri puliti. Cioè le multinazionali comprano il diritto a inquinare in altre aree del mondo, appunto quelle povere e sottosviluppate. Gore, tirando pugni sul tavolo, sentenziò che gli Usa non avrebbero firmato nessuna cosa che avrebbe imposto agli Usa e ai paesi industrializzati di ridurre le emissioni. L’inquinamento si fece merce e si poteva vendere e comprare nella forma dei “diritti di inquinamento”.  Accordo di Kyoto a puttane. Né più né meno di Trump.

Un milione a chi trova un presidente Usa ecologista

E né più né meno di Trump pure Obama, al vertice di Copenhagen e poi al COP21 di Parigi, solo che questo imperatoraccio killer di massa, nudo agli occhi di chi ha a cuore le sopravvivenza di sé, dei figli e degli altri viventi, viene rivestito con abiti sfolgoranti di candore da ancelle come “il manifesto” e altri commensali dell’imperialismo. Trovatemi un solo presidente Usa, da quando la questione ambientale e climatica è diventata un dramma della sopravvivenza, che non si sia mosso in direzione ostinata e contraria alla salvaguardia dell’ambiente. Che non sia quello delle tenute sue e dei suoi mandanti e cortigiani.. La linea è sempre quella, come in politica estera: dettata dai rettili aggrovigliati nello Stato Profondo.

Ah, l’Arcadia perduta di Obama!

Grandi annunci, grandi obiettivi, grandi impegni a vincolare il riscaldamento sotto i 2 gradi Ma…. Provvedimenti vincolanti e sanzioni in caso di mancata osservazione, zero. Tutta la COP 21 e i relativi festeggiamenti, fuffa. Anzi, truffa. E Snowden fece trapelare documenti che rivelavano come gli Usa, con le loro agenzie di intelligence, spiassero le altre nazioni (soprattutto le più volenterose: Danimarca e Cina), onde scatenare pressioni e lobby sui reprobi che si fossero azzardati a esigere condizioni vincolanti e sanzionabili.  Le associazioni ambientaliste serie definirono il COP21 una farsa, una vergogna, un raggiro. Le altre, allora a far finta e, oggi, a farsi rapire dalla nostalgia, come nel quadro del fiammingo Frans FranckenII:  pastorelli gioiosi e ninfe infiorettate che intrecciano danze ecologicissime a celebrare una finta Arcadia dell’armoniosa convivenza tra tutte le creature senza, sopra, neanche un filo di fumo nero e, sotto, una goccia d’acqua sozza.

E poi, per clima e ambiente, c’è la cura “guerra”.

Tanto per la coppia ambientalista Obama-Clinton. Quella a cui si ispira l’eco-indignato regime italiota mentre taglia fondi alla rinnovabili, promuove quelle fossili e intossica mari e terre con trivelle e pipeline. Quella del disastro Halliburton-BP nel Golfo del Messico.Quella del lancio delle estrazioni più nocive, inquinanti  e sismogeniche: scisti bituminosi e fracking. Quello delle sette guerre dove far passare oleodotti e gasdotti che rispondessero a Washington e ai suoi ufficiali pagatori nel Big Oil.Sette guerre, Afghanistan, Pakistan, Libia, Siria, Iraq, Yemen, Somalia, che già per conto loro, trasformando trilioni di dollari di cittadini in dimagrimento  in milioni di tank, blindati, veicoli aerei, navi, esplosivi e relativi carburanti, tutti all’ingrasso, tutti climamutanti, sono una bella dimostrazione di quanto Obama fosse migliore dello sproposito Trump. Tanto più che, a forza di uranio impoverito e un trilione per l’ammodernamento delle sue atomiche, ha pensato anche alle generazioni future.

Si, dice, ma ha tolto di mezzo anche alcuni milioni (tre solo in Iraq) di esseri umani e animali. Contro i gas serra, no? Non divoravano, questi qua,  ossigeno ed emettevano anidride carbonica? Gas climamutante. Che bravo Obama. Vero “il manifesto”?

Pubblicato da Fulvio Grimaldi alle ore 16:56

TOLOMEO O COPERNICO? MOSE’ O ARISTOTELE?

http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2017/06/tolomeo-o-copernico-mose-o-aristotele.html

MONDOCANEENERDÌ 2 GIUGNO 2017

Da una come questa qui vi lasciate imporre un’obbligatorietà di qualsiasi tipo?

Aggiungo all’incandescente dibattito sui vaccini suscitato dai miei precedenti post il sottostante articolo di Di Benedetto. Qualcuno, ignorando l’aspetto dialettico della mia posizione che ritiene diritto universale esprimere opinioni contrastanti, specialmente quelle che contrastano con quelle, solitamente inquinate da suo carattere criminale, della classe dirigente, mi nega il diritto di esprimermi per non essere laureato in medicina. Come se la laurea in ingegneria mettesse al riparo il costruttore del cavalcavia che crolla, o come se Adriano Celentano, cantautore, non avesse titoli per esprimersi sul dissesto idrogeologico da cementificazione. Del resto, non mi risulta che la regina delle gaffe e dell’incompetenza (ricordare la campagna sulla produzione di figli), sia laureata in medicina. Sicuramente ha la laurea ad honorem in renzismo, vale a dire in arroganza, autoritarismo, prevaricazione e servilismo nei confronti dei poteri finanziario-economici. Ripeto ancora una volta: il punto non è la bontà o la nocività dei vaccini, il quesito verrà risolto dalla ricerca. Purchè la ricerca sia consentita. Sui vaccini come sull’olocausto, come sulle preferenze sessuali di Napoleone, o sulla natura malefica o benefica di Nerone. Il punto è che siamo alla militarizzazione biopolitica, alla mercè di una governance coercitiva che parte dal battesimo di vittime ignare e si completa con la fine di ogni libertà di scelta e di dissenso. E’ Mosè che prevale su Aristotile. E’ il rogo per chi preferisce Copernico a Tolomeo.

LA MEDICINA NON E’ UNA SCIENZA
alessio di benedetto
Lucera, Italia

31 MAG 2017 — La cosiddetta “scienza” NON e’ mai esatta al 100%, perché è formata da molte ipotesi/teorie, che poi puntualmente vengono in grande parte smentite e/o rimesse in discussione formando nuovi “dogmi” da insegnare, e ciò accade ogni dieci anni… specie in medicina !

In particolare, Tutti i medici allopati hanno i paraocchi e viaggiano su un binario unico tutta la vita… a loro basta una stupida laurea, ma la vera conoscenza è fatta di confronto, di prove, errori, umiltà, imparare dal lavoro altrui e condividerlo.

Ci vuole una filosofia diversa… meno acida, dato che oggi tutti pensano di essere i più intelligenti e furbi, ma la presunzione è proprio il loro limite.

“Se non mettiamo la Libertà delle Cure mediche nella Costituzione, verrà il tempo in cui la medicina si organizzerà, piano piano e senza farsene accorgere, in una Dittatura nascosta. E il tentativo di limitare l’arte della medicina solo ad una classe di persone, e la negazione di uguali privilegi alle altre “arti”, rappresenterà la Bastiglia della scienza medica”.
Benjamin Rush, firmatario della Dichiarazione d’Indipendenza USA – 17 Sett. 1787

“Il medico che ha a che fare con gli uomini liberi – diversamente dal medico degli schiavi – deve convincere il suo paziente a sottomettersi alla cura, e ragionare con lui per mezzo di argomenti razionali, cioè persuaderlo, non minacciarlo soltanto”
Platone, filosofo greco – affermazione molto attuale !

LA MEDICINA UFFICIALE, QUELLA CHE SI DICHIARA SCIENZA RAPPRESENTA IL BUSINESS PIU’ GRANDE DEL MONDO, SUPERIORE ADDIRITTURA ALLO SPACCIO DELLA DROGA E ALLA VENDITA DELLE ARMI.

VACCINAZIONI –

Pur essendo stati informati sui Danni dei Vaccini, gli “enti a tutela” non fanno né dicono nulla alla popolazione…. che siano la lunga mano di Big Pharma… pare proprio di si !

http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/home/895712/muore-dopo-la-vaccinazione-codacons-contro-la-regione.html

«Crediamo – aggiunge il CODACONS – che l’incremento dei casi di reazioni gravi alle vaccinazioni non debba essere sottovalutato, ma anzi serva indagare sul ruolo delle istituzioni affinché si arrivi in Italia ad ottenere vaccini singoli e testati e indagini pre-vaccinali sui bambini proprio per limitare i casi di danni da vaccino, considerato che nel triennio 2014, 2015, 2016 l’Aifa ha registrato in totale 3.551 SEGNALAZIONI DI REAZIONI AVVERSE».

I SOLDI SONO IL MOTORE CHE FA GIRARE IL MONDO.
L’UOMO, PER SUA NATURA, LOTTA PRINCIPALMENTE PER DUE SCOPI: IL POTERE E IL DENARO.
IL PRIMO PRODUCE FACILMENTE IL SECONDO. L’AMBIENTE MEDICO NON FA ECCEZIONE, SPECIE SE SOSTENUTO DA POLITICA E DA INDUSTRIE.
LA MEDICINA NON È PIÙ UNA SCIENZA MA È DIVENTATA UN BUSINESS, E COME TUTTI I BUSINESS CERCA DI SFRUTTARE A SUO FAVORE IL POTERE PSICOLOGICO CHE HA SULLE MASSE SUCCUBI DELLA PAURA INCONSCIA DI SOFFRIRE A CAUSA DELLE MALATTIE.

Quando la politica poi obbliga la massa a sottostare e subire scelte terapeutiche, stabilite da chi gestisce il potere e quanto meno opinabili da un punto scientifico, non si può fare a meno di subirne anche gli effetti iatrogeni. *(effetto nocivo della terapia praticata per un’altra malattia o comunque conseguente a un intervento medico: insomma, ti curo l’occhio ma ti faccio ammalare l’orecchio, ti curo l’orecchio ma ti procuro danni alla gola e così via)

L’INFORMAZIONE HA RIPETUTAMENTE SOSTENUTO CHE, PER I BAMBINI, I VACCINI SONO UNO DEGLI INTERVENTI MEDICI PIÙ IMPORTANTI PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE, ESSENDO SIA SICURI CHE PROTETTIVI PER LE MALATTIE PERICOLOSE.
MOLTI GENITORI, DOPO AVER SPERIMENTATO SULLA PROPRIA PELLE GLI EFFETTI COLLATERALI, SI SONO RESI CONTO CHE LA LORO FIDUCIA ERA STATA TRADITA. IN OGNI CASO, PSICOLOGICAMENTE LA CONVINZIONE DI PREVENIRE MALATTIE PERICOLOSE FA SI CHE ESSI ACCONSENTANO A VACCINARE I PICCOLI NONOSTANTE I RISCHI CONNESSI. http://www.mednat.org/vaccini/dannivacc.htm

IMPORTANTE da ricordare:

UNA DELLE CARATTERISTICHE DEI DANNI CELLULARI DEI VACCINI E’ QUELLA DI INIBIRE E/O ALTERARE LA FORMAZIONE DI PROTEINE ESSENZIALI ALLO SVILUPPO REGOLARE DEI TESSUTI ED ORGANI DI UN BAMBINO, E FRA QUESTA UNA SI CHIAMA EPS8 E GIOCA UN RUOLO FONDAMENTALE NEI PROCESSI DI MEMORIA E APPRENDIMENTO.

Milano 2013 (I) – A svelarne i meccanismi molecolari, un team di ricercatori italiani dell’Università degli Studi di Milano, Istituto di Neuroscienze del Cnr e Humanitas. Lo studio, pubblicato su Embo Journal, aprirà la strada a nuovi percorsi di cura per affrontare i gravi problemi legati ad autismo e ritardo mentale e dello sviluppo. http://www.mednat.org/vaccini/Bibliografia_130-studies-Vaccines-Neurological-autoimmunities-autism-problems.pdf (130 STUDI SCIENTIFICI INTERNAZIONALI SUI DANNI DA VACCINI).

Violenza chimica sui bambini approvata da Scientific American e WIRED

20 febbraio 2017 ,

DI S.D. WELLS

QUAL È LA FORMULA PER INCORAGGIARE LA VIOLENZA MEDICA VERSO NEONATI E BAMBINI? BIG PHARMA, L’INDUSTRIA DEI VACCINI E I MASS MEDIA COMPLICI LO SANNO ALLA PERFEZIONE, ANCHE SE IL SISTEMA STA COMINCIANDO A SCRICCHIOLARE. http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/04/26/case-farmaceutiche-e-corruzione-lo-scandalo-planetario-della-glaxo-smith-kline/964564/

Ecco quello che fanno.

L’INDUSTRIA DEI VACCINI E BIG PHARMA FANNO MESCOLARE AGLI SCIENZIATI NEI LORO LABORATORI SOSTANZE CHIMICHE PERICOLOSE A BATTERI, VIRUS E ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI.

QUINDI, MULTINAZIONALI MULTIMILIARDARIE DANNO MILIONI DI DOLLARI ALLA FDA PER L’APPROVAZIONE “CON PROCEDURA ACCELERATA” DEI LORO FARMACI SPERIMENTALI E VACCINI TOSSICI, NON TESTATI PER LA PRODUZIONE DI MASSA E LA DISTRIBUZIONE AL GRANDE PUBBLICO, ATTRAVERSO MEDICI DI BASE, ONCOLOGI, FARMACISTI E PERSINO INFERMIERE DELLE SCUOLE ELEMENTARI.

I mass media stanno solo ad aspettare che si scateni il caos e, quando succede, la frenesia comincia come squali che girano intorno all’esca.

I CDC (organizzazione statunitense per lo studio e la prevenzione delle malattie infettive) ALLORA CREANO ISTERIA DI MASSA CON QUALCHE NUOVA EPIDEMIA O PANDEMIA, COME il morbillo, la meningite, L’INFLUENZA SUINA, L’INFLUENZA AVIARIA, LO ZIKA, L’EBOLA, O ANCHE SOLO L’INFLUENZA STAGIONALE CHE CAUSA “INNUMEREVOLI” VITTIME (IN REALTÀ SOLO UNA O DUE, E QUESTO SOLITAMENTE PER POLMONITE).

Infine, siti web fraudolenti e ingannevoli come Scientific American e Wired mantengono e diffondono la sindrome del gregge impazzito[1] attraverso la propaganda sulle malattie infettive, mentre al contempo nascondono i fatti e la verità su ciò che sta realmente accadendo e come semplici rimedi naturali possano prevenire, arginare e curare praticamente qualsiasi disturbo sulla faccia della terra.

 

Eurasia energetica

MAGGIO 25, 2017

Chroniques du Grand Jeu 24 maggio 2017
L’integrazione energetica dell’Eurasia farà sudare freddo Washington…
Eurasia energetica 1
Le importazioni di petrolio russo dell’India sono esplose nel 2017. Mentre i dati consueti erano modesti, non superando mai le 500000 tonnellate all’anno (cioè 10000 barili al giorno), nei primi cinque mesi di quest’anno hanno già raggiunto il milione di tonnellate. Causa, i tagli di produzione dell’OPEC per alzare il prezzo dell’oro nero, nonché la disputa su un giacimento iraniano. Gli esperti non vedono alcuna ragione per cui la tendenza muti nel prossimo futuro, in particolare con Rosneft pronta a comprare la compagnia indiana Essar Oil, specializzata nelle raffinerie. Certamente le basi geografiche, distanza, Pamir e Himalaya, Pakistan, impedivano alla Russia di essere tra i principali fornitori di Krishna, almeno di petrolio (il gas è un’altra questione):
 
Eurasia energetica 2
Alcun problema del genere tra Russia e Cina, la cui luna di miele energetica non conosce nuvole soprattutto perché si aggiunge ai megaprogetti delle nuove Vie della Seta cinesi. Russi e sauditi concorrono per il primo posto da fornitore del dragone insaziabile, con in filigrana il futuro del petrodollaro, quindi della potenza statunitense. Il viaggio faraonico dei Saud di marzo, a quanto pare, non ha avuto l’effetto desiderato; per il secondo mese consecutivo, l’orso ha superato il cammello quale primo fornitore dell’oro nero del Regno di Mezzo, con 11500000 di barili al giorno contro 963000. Il gasdotto Skorovodino-Daqing, avviato nel 2011, ha visto dalla nascita passare 100 milioni di tonnellate, circa 400000 barili al giorno. Rientra nell’enorme complesso ESPO (East Siberia-Pacific Ocean) che potrebbe presto ridisegnare la mappa energetica dell’Asia orientale con i suoi tentacoli verso Corea e Giappone, tanto più che la sua fonte ha un futuro luminoso. Si noti di passaggio l’assoluta importanza strategica che riceve l’Asia del Nord, un punto su cui torneremo presto.
Infine, dall’altro lato della scacchiera eurasiatica, le forniture di Gazprom alla Turchia sono aumentate del 26%, per oltre 10 miliardi di mc nei primi quattro mesi dell’anno. Come i complici europei che tuttavia detesta, il sultano è sempre più dipendente dall’oro blu russo. E dire che il Turkstream, la cui costruzione è appena iniziata, non è nemmeno operativo…
Eurasia energetica 3
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Svizzera, vince il referendum per la chiusura delle centrali nucleari

Svizzera, vince il referendum per la chiusura delle centrali nucleari

Ha vinto il fronte del sì con il 58,2% di voti favorevoli. Era stata l’Udc a volere andare al voto dopo che il Parlamento aveva già approvato una revisione della legge sull’energia, anche per vietare la costruzione di nuovi stabilimenti

No al nucleare e sì alle rinnovabili. Con un referendum la Svizzera ha approvato il graduale abbandono dell’energia nucleare e una politica di promozione delle rinnovabili. Il sì su scala nazionale ha vinto col 58,2% di voti favorevoli e in particolare a Ginevra, Basilea e Zurigo, così come a Nidvaldo e Appenzello Esterno. Ad Argovia e Glarona invece hanno detto no rispettivamente il 51,8% e il 56,3% dei votanti.

I cittadini svizzeri dovevano pronunciarsi sulla Strategia energetica 2015, una revisione della legge sull’energia che intende ridurre il consumo, aumentare l’efficienza energetica e promuovere le energie rinnovabili, e che punta all’abbandono del nucleare con la chiusura delle cinque centrali attualmente attive e il divieto di costruirne di nuove. La strategia era stata approvata dalla maggioranza del Parlamento con l’opposizione dell’Unione democratica di centro (Udc), che poi aveva raccolto le firme per il referendum con il sostegno di alcuni esponenti politici di altri partiti conservatori e da associazioni del mondo economico. Il governo elvetico aveva iniziato a lavorare a questo progetto nel 2011, dopo l’incidente di Fukushima. Le centrali verranno chiuse entro 20 e 30 anni.

Il Tav toglie lavoro: due calcoli sulle cifre sparate a caso da Telt

Il Road show di Telt si è conquistato i titoli e gli articoli dei giornali con facilità come purtroppo avviene solitamente.

Eppure se il sistema dell’informazione verificasse le informazioni e i numeri dati dai comunicati stampa inviati nella propria email, si scoprirebbe che più che informazioni ci troviamo quasi sempre ad avere a anche fare con propaganda!

Noi lo abbiamo fatto e al di là della retorica e della propaganda i numeri (veri!) sono impietosi: ogni singolo posto di lavoro che sarebbe creato dalla costruzione del Tav Torino Lione costerebbe alla collettività oltre un milione di euro, e sarebbe un posto di lavoro a termine, durerebbe i 10 anni della costruzione dell’opera.

Prendiamo in esame le ricadute occupazionali previste dai proponenti e il costo a carico delle casse pubbliche italiane. Nel progetto definitivo della sezione compresa tra Bussoleno e il confine di Stato troviamo la stima della forza lavoro:

  • nei primi due anni di anticipazione sono previsti circa 200 lavoratori
  • nell’ultimo anno e mezzo una cinquantina
  • negli otto anni e mezzo centrali di lavoro la media è di circa 900 lavoratori.

Consideriamo anche i posti di lavoro indiretti, i proponenti affermano che sono due per ogni posto diretto. Diciamo quindi 800 posti diretti più 1600 indiretti.

I costi a carico dell’Italia dell’intera sezione transfrontaliera li troviamo nella delibera Cipe 19 del 2015:

  • se l’Europa erogasse il massimo contributo possibile l’opera graverebbe sulle finanze italiane per 3 miliardi di euro
  • da questa cifra si sale fino a 5 miliardi se il contributo Europeo venisse cancellato o ridotto.

I conti sono presto fatti:

considerando il massimo contributo europeo, per ogni posto di lavoro diretto il contribuente italiano pagherebbe oltre 3 milioni di euro, 30 posti di lavoro costerebbero alle casse pubbliche 100 milioni di euro!

E…se consideriamo anche i posti di lavoro indiretti ogni singolo posto di lavoro creato dal Tav costerebbe un milione e 250.000 euro, di soldi pubblici.

Ciò significherebbe:

1 posto di lavoro = €1.250.000 (pagato con soldi pubblici)

8 posti di lavoro = €10.000.000 (pagato con soldi pubblici)

Se però l’Europa dovesse tagliare, come già accaduto in passato il suo contributo, si potrebbe arrivare all’incredibile rapporto di oltre due milioni di euro di investimento dalle casse pubbliche italiane per posto di lavoro creato lato Italia.

Quindi:

1 lavoratore = €2.000.000 (pagato con soldi pubblici)

Dato che questi non sono soldi di Virano o di Foietta ma soldi pubblici, soldi di tutti, non vengano a raccontarci la favola dei posti di lavoro.

Le ricadute occupazionali di una simile opera sono minime rispetto all’investimento.

La manutenzione delle opere esistenti, la cura del territorio: queste sono opere puntuali capaci di creare molto più posti di lavoro sicuri e duraturi, senza contare che a differenza della Torino-Lione sarebbero anche utili per tutti.

Come è evidente, a differenza di quanto dice Foietta, che taccia il movimento notav di appartenere al passato, e di essere capace solo ad odiare, siamo noi notav a pensare al futuro del Paese, con responsabilità e lungimiranza.

Comunicato stampa Pro Natura: lettera a UI e Ass Costruttori su Bandi internazionali per TAV

Torino, 23 maggio 2017 Comunicato Stampa

Alla Direzione dell’Unione Industriale di Torino Via Manfredo Fanti 17 10128 Torino g.gherzi@ui.torino.it

All’Associazione dei Costruttori Via San Francesco Da Paola 39 10123 Torino info@cce.to.it e p.c. Agli organi d’informazione

A proposito dei bandi internazionali per 5,5 miliardi di euro destinati alla Torino-Lione

Secondo le recenti notizie di stampa, il direttore generale di TELT (Tunnel Euroalpin Lyon Turin), acronimo della nuova linea ferroviaria Torino-Lione, Mario Virano emanerà entro il 2019 dei bandi di gara internazionali per 5,5 miliardi di euro di lavori.

Un volume di 350 milioni di euro, cioè il 6%, costituirà le briciole riservate alle piccole e medie imprese, mentre il 94% sarà la parte riservata ai colossi del settore.

Al di là delle nostre valutazioni negative sull’opera, ci preme sottolineare che le risorse dichiarate non esistono e questo potrebbe provocare molti disagi alle imprese che volessero accettare l’impegno.

Il contributo dell’Unione Europea va di pari passo al cronoprogramma e scade il 31 dicembre 2019. Nei sei mesi del 2019 che resteranno al momento della definitiva aggiudicazione dell’appalto la possibilità di spendere somme comprese in questo elenco prima della scadenza definitiva del termine sono quasi inesistenti; la partecipazione della Unione Europea dopo il 2019 non ha né certezze né impegni, perchè è l’Unione Europea stessa che non sa cosa farà.

La Francia non ha predisposto alcun piano finanziario e ancora a gennaio 2017, alla ratifica dell’ultimo accordo italo-francese, la relazione illustrativa chiariva ai 12 deputati presenti che il voto che il Governo chiedeva loro era per iniziare l’opera, non per riservare delle cifre nel bilancio dello Stato: infatti queste cifre ancora non esistevano, ma i deputati non dovevano dubitare che lo Stato francese sarebbe stato in grado di trovare 150 milioni di euro all’anno quando fosse necessario.

Il problema è che la maggior parte di questi fondi si continua a prevedere di ricavarli dalla tassa sui veicoli pesanti che transitano al Frejus e al Monte Bianco: è una storia vecchia di 10 anni, che è sempre stata riscontrata inattuabile perchè, nella situazione attuale, quanto lo Stato riuscisse a prelevare da un lato, dovrebbe poi renderlo dall’altro.

Resta l’Italia che alla delibera del CIPE dell’agosto ha accertato l’esistenza di fondi stanziati dal governo Monti per 2,6 miliardi.

Ma da quella data al 31 dicembre 2018 il Grant Agreement sottoscritto da Italia, Francia e Unione Europea prevede per l’Italia di aver già speso per la sua quota 630 milioni e altri 300 milioni nella prima metà del 2019, che quindi non sarebbero più disponibili per i nuovi appalti e ridurrebbero le disponibilità effettive a 1,7 miliardi di euro.

In realtà queste disponibilità non sono in cassa, ma in importi di 150 milioni all’anno, scaglionati per i prossimi 10 anni a venire sino al 2029.

Fatti bene i conti si può dire che TELT, quando emanerà questi famosi bandi nel 2019, non avrà in cassa 5,5 miliardi di euro, ma probabilmente solo 200 o 300 milioni, poco più di quanto si prevede per difendere il cantiere, o perchè sono già stati spesi come da cronoprogramma, o perchè sono scaduti o scadranno di lì a pochi mesi, oppure perchè ancora da avere negli anni futuri.

Ma c’è un ulteriore elemento che dovrebbe preoccupare le imprese che partecipano al “Road Show” di TELT che, si noti bene, non è una “road map” e cioè un piano di impegni.

Il meccanismo messo in piedi con il Promotore Pubblico TELT fa sì che gli Stati abbiano un impegno reciproco, ma non verso TELT che, verosimilmente, potrebbe fallire e non pagare le aziende coinvolte, senza coinvolgere Italia, Francia e Unione Europea.

In mancanza di altri patti specifici, il Grant Agreement del 25 novembre 2015 stabilisce che ognuna delle parti può recedere per cause di “forza maggiore” e all’articolo 16 che “nessuna delle parti in causa ha diritto di chiedere compensi a causa della rescissione di un’altra parte in causa”.

Per rendere meno tranquille le imprese che decidessero di concorrere alla Torino-Lione c’è il parere espresso dall’Audit commissionato dal governo francese all’Ispettorato Generale delle Finanze e al Consiglio Generale di Ponti e Strade nel 2003; il parere ricorda che l’impegno tra gli Stati vale sulla clausola di evitare la saturazione dei valichi esistenti: se questa non c’è anche l’impegno è facoltativo, tenendo presente che questa clausola, pur non essendo più stata richiamata, non è stata mai abolita nei successivi trattati.

Il presidente (Mario Cavargna)

Pro Natura Piemonte
Via Pastrengo 13
10128 Torino
Tel. 011.5096618
Fax 011.503155
http://torino.pro-natura.it
e-mail: torino@pro-natura.it
PEC: pronatura.torino@pec.it

Ha scoperto il bruco mangia-plastica, ma ora la ricercatrice italiana è senza lavoro

In Italia con i CIP6 che vanno ad inceneritori figuriamoci se interessa a qualcuno.

dedicato ai pennivendoli marchettari che ripetono in continuazione i lacché europeisti che ci vuole tanta formazione, che gli italiani sono choosy e non studiano A CHE SERVE??? Risparmiateci i soliti panegirici che è sempre colpa della gente se l’economia va male e non di chi fa le leggi in modo abusivo ed anticostituzionale. Secondo, cari pennivendoli (a voi la laurea non serve per fare il passacarte) che fate credere che in Italia viga chissà quali sostegni al reddito…si certo tremila nomi diversi MA altrettanti PALETTI ATTI AD ESCLUDERE sempre più disoccupati da quella miseria che chiamate assegno di disoccupazione ora REI
Federica Bertocchini è l’artefice della scoperta che potrebbe essere decisiva in settori come lo smaltimento dei rifiuti. Il suo contratto a Santander è scaduto: «Resto in Spagna, qui c’è un decoroso assegno di disoccupazione»
diuntitled Paolo Decrestina
Federica Bertocchini
È cosa nota la teoria secondo cui i migliori cervelli italiani all’estero trovino spazio per crescere e affermarsi a livello internazionale. Perché in Italia la ricerca non viene supportata dai fondi che meriterebbe mentre all’estero si punta sulle menti dei giovani. In realtà non è così, o quantomeno non è sempre così. E lo dimostra la storia della biologa Federica Bertocchini. La ricercatrice, 49 anni, nei mesi scorsi aveva notato che la tarma della cera in realtà era ghiotta anche di polietilene, il materiale utilizzato per buste, pellicole alimentari o tappi di bottiglia. Insomma è la principale artefice della scoperta di quello che poi è stato nominato il bruco mangia-plastica.
Il contratto scaduto
La biologa però, dopo una vita passata a lavorare all’estero, 20 anni tra Inghilterra, Stati Uniti e Spagna, ora è disoccupata. Senza lavoro. Il contratto all’Istituto di biomedicina di Cantabria, a Santander, come spiega il Resto del Carlino, è scaduto e ora la 49enne originaria di Piombino è alla ricerca di una nuova occupazione. Nell’intervista al quotidiano racconta come è arrivata la scoperta del bruco mangia-plastica, un lavoro «di squadra» con suo amico biochimico (Paolo Bombelli) che insieme a un collega (Chris Howe) lavora all’Università di Cambridge. I tre hanno studiato i meccanismi di degradazione della plastica (che ha una struttura molecolare simile alla cera) e hanno pubblicato il 24 aprile il loro lavoro sulla prestigiosa rivista Current Biology.
L’attesa di un nuovo incarico
Federica Bertocchini spiega anche però che, come in tutta Europa, i tagli ai fondi per le università hanno messo in difficoltà anche gli atenei iberici e quindi anche il suo contratto non è stato per il momento rinnovato. Resterà comunque in Spagna per godere del «dignitoso assegno di disoccupazione» previsto nell’attesa dell’arrivo di un nuovo incarico e intanto proseguirà i suoi studi sulla digestione del polietilene della tarma della cera.
22 maggio 2017 (modifica il 22 maggio 2017 | 12:45)