THE APEC SUMMIT – THE NERVE CENTER OF IMPERIALISM MOVES

Bibeau.robert@videotron.ca    Éditeur. 

http://www.les7duquebec.com

15.11.2017

THE ARTICLE IS AVAILABLE ON THE WEBMAGAZINE:

http://www.les7duquebec.com/7-au-front/le-sommet-de-lapec-le-centre-nevralgique-de-limperialisme-se-deplace/

  The 2017 APEC Summit in Vietnam.

Last week, big capitalist rally in the ex-socialist and ex-anti-imperialist Vietnam under the high patronage of the ex-vietminh “liberators”, transferred into free trade traders. The invitation statement read as follows: “The annual APEC Leaders Summit is the premier event of political economy in the Asia-Pacific region. This summit brings together the leaders of the 21 Pacific Rim economies, as well as business leaders who will discuss the way forward for growth, investment and free trade“(1).

As we tirelessly repeat, the nerve center of imperialist political economy is moving towards the Asia-Pacific, where hundreds of millions of overexploited workers are concentrated, whipped by former “liberating” mercenaries, became investors for the “development” of productive forces and the “growth” of profits. Two guests of honor, among the cream of nationalist caciques, the aspirant Xi Jinping, supreme leader of the Chinese “Communist” Politburo (already 350 million enslaved proletarians), faced the troublemaker Donald Trump, defender of the title, former champion today moribund (less than 150 million proletarians in his cardboards).

Throughout his Asian journey as a fighter Donald Trump has undermined the isolationist and anti-free trade legend invented by the plumitives while systematically this dealer of guns has offered his junk to each of his nationalist “friends”. Whenever Donald denounces the “free trade” treaties,  it is to better renegotiate them by mutual agreement for the benefit of his Wall Street allies.

Donald the salesman.

What were the stakes of this widely publicized trip? Without shame, the US President, in transit in Japan and Korea, praised the merits of US weapons of mass destruction, indicating thus the true motive of his patented aggression towards the little North Korea, which is not allowed impose by the Yankee criminal, the only country that has twice used the atomic bomb and many times the ammunition with depleted uranium. In China, Donald the hawker, no longer, became a laudator to the place of his host, privileged customer, buyer of 230 billion dollars of goods (2).

Indeed, China is carefully preparing its withdrawal from the US dollar, the first step being to get rid of the 3500 billion of cash ($) stored in its lead banks.

The continuation of the pilgrimage of the salesman of terror took him to Vietnam, where he paid little heed to Russian President Vladimir Putin, a competitor in the arms and fossil fuel markets (3).

Tragic, dramatic, pathetic.

In this type of diplomatic masquerade, a figure usually plays the role of the tragic

conscience of the dazed “international community” (sic). His game is to support the nonsense of the pugilist drama about ostracized protectionism. The Malaysian Prime Minister Najib Razak , whose country wants a new liberalized treaty at eleven, has been given this role. Razak lamented the change of “tone” on globalization “I see the rise of anti-globalization, I see the rise of nations that are more self-centered … there is a lot of questioning during this summit”, he said. How to be surprised when one notes that the repartee of the markets will not be the panacea dreamed?

It was up to Donald the dramatic blusterer of desecrating the assembly of co-opted by his “America first“, his way of asserting his subjection to multimillionaires and American multinationals (4). Donald Trump likes to be called extremist isolationist, it then allows him to renegotiate in a position of strength with in hand the threat of withdrawal from the treaties if the concessions of his vis-à-vis are not sufficient (5 ).

The pathetic outcome from this tragicomedy came the “emergent” representative, the account manager of the “emergent” power, that I say, of the rising capitalist power, replacing the faltering old imperialism. Yesterday, America replaced the British imperialist power, today the Middle Kingdom replaces America. The global geopolitical center of gravity continues to move to the West to conquer new markets, a new salaried workforce to be exploited. In Da Nang, China has taken a step forward, as was obviously expected. It’s easy to understand, the US imperialist economy is on the decline, having reached full profitability and productivity, while the Chinese capitalist economy begins its rising phase of profitability and labor productivity. US big capital barely exploits 150 million industrial proletarians – and these numbers are declining – while the big Chinese capital is already exploiting 350 million proletarians, and their quota will eventually be 850 million productive and poorly paid employees. Few writers or service economists manage to imagine the Chinese workshops and yards cluttered with more than 850 million proletarians with high productivity, and China’s cities congested by a billion and a half compulsive consumers. Do not look, there is no example in the story. The concentration of capital will be unmatched and the income inequality disproportionated.

Donald passes the witness.

All will have realized that this APEC summit marks a turning point in the globalized capitalist political economy. The US President served as a flogger while the “Communist” Chinese President, claiming the title, made his profession of faith. Xi Jinping said in front of an excited flowerbed: Globalization is an irreversible historical trend”. The trade must be rethought to be “more open, more balanced, more equitable and beneficial for all”  he explained, setting himself up as a new champion of free trade. The Chinese government said on Friday that the ceilings for foreign firms holdings in domestic financial companies would be raised, so these ones could become the majority. “This decision, announced by Secretary of State for Finance Zhu Guangyao, came to an end after a visit of Donald Trump to China, during which the latter once again called for a greater market opening” (6 )

The restricted joint military operations of intimidation.

In order to anchor in the head of his captive affine the threat that comes from the North, the Pentagon thought to take advantage of this visit of the moribund jester to organize warlike provocative maneuvers knowing full well that the dynastic heir of North Korea, who knows perfectly the role that is attributed to him in this commedia dell’arte, will react as the wobbly “international community” expects, thus accrediting the myth of an international nuclear threat coming from this nominated abortion. After these joint military exercises, the orders for weapons are expected to flow to Washington, and the public opinion of the mediatised media should resign themselves to see another war get ready in order to supposedly protect the freedoms violated under the democracy of the rich. Do you remember the first two world wars? (7)

NOTES

Led by Japan, the economic ministers of the remaining eleven countries conduct major negotiations since Thursday, hoping to conclude a new TPP without Washington. But the negotiations have not yet succeeded, the withdrawal of the United States, considerable weight, force the countries to reshuffle all the cards.

                                                            ANNEX

On the national question and protectionism, a pioneering book.

Robert Bibeau (2017). National question. L’Harmattan. Paris. 136 pages. Online Order: https://www.amazon.ca/National-Question-Prol%C3%A9tarienne-limp%C3%A9rialis/dp/2343114749/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1496234995&sr= 8-1 & keywords = Robert + Bibeau

THIS   ENGLISH BOOK FREE  ( HERE ) AND ITALIAN BOOK FREE (HERE) FOR DOWNLOAD.

Traduction   by  Claudio Buttinelli.  Roma.

Bibeau.robert@videotron.ca

Éditeur du webmagazine  http://www.les7duquebec.com

O LA TROIKA O LA VITA- EPICENTRO SUD “NON SI UCCIDONO COSÌ ANCHE I PAESI?”

http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2017/11/o-la-troika-o-la-vita-epicentro-sud-non.html

MONDOCANE

MERCOLEDÌ 15 NOVEMBRE 2017

A questo link si trova il Trailer del docufilm di Fulvio Grimaldi e Sandra Paganini. In allegato la copertina e la serigrafia del dvd
 
O LA TROIKA O LA VITA- Epicentro Sud
“Non si uccidono così anche i paesi?”
 
“O la Troika o la vita” (90’) è stato girato nei mesi scorsi in Grecia, Puglia, Adriatico, territori terremotati e Bassa Padana. Può essere richiesto all’indirizzovisionando@virgilio.it  Per presentazioni pubbliche rivolgersi allo stesso indirizzo email.
 
Il film è un atto d’accusa, del tutto fuori dal coro, nei confronti di chi ha stabilito il destino funesto dei paesi del Sud del mondo, compresi quelli del Sud Europa. Illustra gli effetti sull’area mediterranea, mediorientale e africana, della globalizzazione neoliberista, con le sue conseguenze antidemocratiche, imposta dai superpoteri del finanzcapitalismo attraverso espressioni statuali e transnazionali: Usa, UE, Nato, Fondo Monetario Internazionale e Banca Centrale Europea.
 
La Grecia devastata e mutilata nel corpo e nell’anima, Medioriente e Africa aggrediti e saccheggiati con strumenti militari ed economici. Paesi depredati, ridotti in miseria da rapine e manipolazioni delle multinazionali, da accordi di scambio capestro, dai crimini climatici dell’Occidente, da terrorismi e conflitti civili innescati dal neocolonialismo allo scopo di annullarne la voce e il ruolo nel contesto internazionale. Intere popolazioni, soprattutto le generazioni giovani che dovrebbero costruirne il futuro, sradicate e costrette alla migrazione per diventare nel Sud Europa alienata massa di manovra per sfruttamento e destabilizzazioni. Operazione di ingegneria geopolitica colonialista, coperta da altisonanti campagne di mistificazione nel segno di presunti diritti umani, presunta solidarietà,  presunta integrazione, ma che occultano gli obiettivi veri: una successione di nazionicidi.
 
Il territorio nazionale abbandonato da governi inetti e corrotti a un dissesto progressivo, con conseguenze micidiali per salute e ambiente, sul quale imperversano, nella complicità di una politica totalmente prona alle lobby degli interessi particolari, nazionali e internazionali, le multinazionali dell’energia fossile, con sempre più pesanti ed accelerati effetti necrogeni su tutte le forme di vita.
 
Di ogni disastro detto naturale si scopre inesorabilmente la correità dei responsabili della cosa pubblica. Ogni terremoto è come se fosse il primo mai successo. Prevenzione ignorata, speculazione edilizia, abusiva o legale, lasciata all’arbitrio dei poteri economici, abbandono, incompetenza, disgregazione sociale, 
segnano il destino dei terremotati. 
Contro l’Idra pluricefala che si nutre e prospera in proporzione alle vittime che riesce a seminare, il documentario scopre con

 

sapevolezze, solidarietà vere, resistenze. Il confronto tra dominanti e dominati è aperto a qualsiasi esito. Dipende dalla conoscenza. Questo lavoro cerca di far emergere, dal mare di fake news in cui vorrebbero annegarci, elementi di conoscenza perchè i dominati possano servirsene.
 

UN MICROSCOPIO PER IL NOSTRO FUTURO

http://ilcorrosivo.blogspot.it/2017/11/un-microscopio-per-il-nostro-futuro.html

martedì 14 novembre 2017

Alba Canelli
Marco Cedolin

Tanto, di tutto e di più è stato detto e scritto sul microscopio del Prof. Stefano Montanari.
Ancora con questo microscopio?” Eh già, vi toccherà ancora leggere di questo argomento, eppoi decidete voi se è importante sapere quali sostanze vengono iniettate ai nostri figli nei vaccini, se sono sicuri. E l’acqua, l’amianto, l’inceneritore vicino casa (o anche più lontano) che incessantemente rilascia sostanze nell’aria che respiriamo? “Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”?Lavoisier è superato?
I moderni inceneritori bruciano rifiuti e rilasciano ossigeno nell’aria, meglio della sintesi clorofilliana?
Sapete bene che non è così.
Penso sia stato detto troppo poco, degli studi realizzati dagli scienziati Gatti/Montanari sulle nanopatologie, ed oggi questa ricerca è in serio pericolo.
La campagna diffamatoria costruita e portata avanti contro i due scienziati, va avanti da anni, inutile ripartire dall’inizio, chi volesse saperne di più, può leggere quanto accaduto, nel 2009 che fu per molte settimane l’argomento più dibattuto in rete.
Tra proprietari legali (Onlus Bortolani) e truffe legalizzate, cioè la sottrazione del microscopio acquistato con donazioni fatte per la ricerca del dott. Montanari, nel 2014 si arriva ad una  sentenza, che in alcuni passaggi sottolinea ciò che la logica impone, e cioè che:….
  • i denari utilizzati dall’Associazione Carlo Bortolani Onlus per l’acquisto del microscopio sono stati versati da soggetti che avevano inteso, con le proprie sostanze, sostenere il progetto di ricerca degli attori nell’ambito degli studi sulle nanoparticelle e la nanodiagnostica.
  • (…) l’associazione, infatti, avendo sposato la causa dei dottori Gatti e Montanari, ha liberamente assunto nei confronti del pubblico sottoscrittore un vero e proprio obbligo di garanzia volto ad assicurare che i denari raccolti non venissero distratti dal fine convenuto.
Tutto ciò era chiaro anche nel 2009, ma intanto nonostante la sentenza che obbliga la Onlus Bortolani a pagare le spese giudiziarie, perché non ha rispettato il vincolo di destinazione del microscopio, ad oggi i due ricercatori si ritrovano ancora in difficoltà, quando si tratta di svolgere e proseguire le loro ricerche.
Il microscopio attualmente è a Pesaro Urbino, la sentenza obbliga (inoltre) la onlus Bortolani a pagare le spese di trasferta dei due ricercatori, ma nonostante il disagio assurdo che devono affrontare per un microscopio che è loro (secondo la proprietà sostanziale ma non formale), rimane un dato di fatto tragico e ingiusto. Il prossimo 28 febbraio i dottori Antonietta Gatti e Stefano Montanari non potranno più utilizzare l’unico microscopio con cui è possibile effettuare la loro ricerca, quella sulle nanopatologie.
Potrebbe sembrare superfluo, ma purtroppo non lo è affatto, sottolineare come occorra uno sforzo da parte di tutte le persone di buon senso, per evitare che il lavoro di Stefano Montanari e di Antonietta Gatti non possa più procedere e vada irrimediabilmente perso tutto il bagaglio di conoscenza che grazie ai due scienziati è stato possibile accumulare, nonostante il boicottaggio permanente da parte della politica, dell’informazione e dei grandi interessi messi a repentaglio dai risultati delle loro ricerche.
Un vero e proprio sforzo di reni che, ovviamente nel piccolo delle possibilità di ciascuno, dovrebbe essere dovere di tutti gli italiani nessuno escluso, perché le ricerche di Montanari/Gatti riguardano la salute di ognuno di noi e si tratta del bene più prezioso che possiediamo. Troppo prezioso perché si possa lasciarlo nelle mani del bestiario politico che ben conosciamo, dei giornalisti prezzolati che gli fanno da grancassa, delle lobby farmaceutiche e dei grandi poteri industriali e finanziari che tirano le fila.
…………………………………………………………………………………………
A. Gatti., S. Montanari “Nanopathology: The health impact of nanoparticles” book, ed by PanStanford Publishing Pte.Ltd Singapore, ISBN -10981\-4241-00-8, 2008, 1-298. www.worldscibooks.com/nanosci/v001.html, —reviewed in (http://www.panstanford.com/browse_titles) (-http://www.env-health.org/m/191http://www.emito.co.uk/kontakt/go.do?uid=6847536&link=4134
2 K. Peters, R. E. Unger, A. M. Gatti, E. Sabbioni, R. Tsaryk and C. J. Kirkpatrick, “Metallic Nanoparticles Exhibit Paradoxical Effects on Oxidative Stress and Pro-Inflammatory Response in Endothelial Cells in vitro”. International Journal of Immunopathology and Pharmacology. 2007 20(4):685-95 
3 A.M. Gatti “L’uranio impoverito e le malattie dei soldati al ritorno da missioni di pace” Arpa Rivista, n. 3 maggio-giugno 2007 27-28.
4 A.M. Gatti “Gulf War Sindrome: is nanopathology to blame?” NanoNow, the magazine for small science, dicembre 2007, 43-44.
5 Antonietta M. Gatti, Marco Ballestri*, Gianni Cappelli* Nanoparticles: potential toxins for the organism and the kidney ? CRITICAL CARE NEPHROLOGY, 2nd Edition, Basic Physiology, 2008, Chapter 205 18-24.
6 A Gatti, J Kirkpatrick, A Gambarelli, F Capitani, T Hansen, R Eloy, G Clermont. “ESEM evaluations of muscle/nanoparticles interface in a rat model” Journal of Material Science: Material in Medicine Apr;19(4):1515-22. 2008 
7 A.Gatti, S. Montanari “ Nanopollution: the invisibile fog of future wars” The Futurist, May-June 2008, 32-34.
8 A.Gatti, S. Montanari “Nanocontamination of the soldiers in a battle space” In Nanomaterials : Risks and benefits, Ed I.Linkov and J. Steeveens , Ed Springer , the Netherlands , April 2008 83-92. (http://www.springer.com//nanotechno…/book/978-1-4020-9490-3)
9 A.Elder, I Lynch, K Grieger, S. Chan-Remillard, AMGatti, H Gnewuch,El.rafaie Kenawy, r. Kerestein, T. Kuhlbusch F. Linker, S.Matias N. Monteiro-Riviere, V Pinto, R. Rudnitsky, k Savolainen, a Shvedova, Human health risks of engineered nanomaterials in Risks and benefits, Edited by I.Linkov and J. Steeveens, Publisher Springer , the Netherlands April 2008,p 3-29. (http://www.springer.com//nanotechno…/book/978-1-4020-9490-3)
10 S.Barcikoswski, J. Walter, A Hahn, J.Koch, A. Gatti, Picosecond and femtosecond laser machining may cause health risks related to nanoparticle emission. Proc. Of LPM 2008-th 9th Int. Symposium on Laser Precision Microfabrication, 2008, Germany 1-5 
11 A.Gatti, D. Tossini, A. Gambarelli, S. Montanari, F. Capitani “ Environmental Scanning Electron Microscope and Energy Dispersive System investigation of inorganic micro- and nano-particles in bread and biscuits” Critical Reviews in Food and Nutrition 2009,49(3),275-82.
12 S. Montanari, A. Gatti “Inquinamento involontario da micro e nanoparticolato inorganico negli alimenti” Rivista di Scienze dell’Alimentazione (J. of Food Science and Nutrition) n.2 Apr-Giugno 2008 pag.17-28, [ISSN 1128/7969]. 
13 A.M Gatti, S. Montanari, “War Pollution and Human/Animal Nanopathology” The 3rd ICBUW International Conference Hiroshima, 2006, August, 3-6. http://www.bandepleteduranium.org/modules.php
14 A. Gatti “Le Nanotecnologie in Medicina“ ’Enciclopedia UTET, 2008, 2302-2312.
15 A. L. Guildford, T. Poletti, L. H. Osbourne, A. Di Cerbo, A. M. Gatti and M. Santin,”Nanoparticles of a different source induce different patterns of activation in key biochemical and cellular components of the host response” Interface: The Journal of the Royal Society. 16/2/2009—20:36, pp. 1–10 (doi:10.1098/rsif.2009.0021- RSIF 20090021) —
16 Niko BÄRSCH, Antonietta GATTI, and Stephan BARCIKOWSKI Improving Laser Ablation of Zirconia by Liquid Films: Multiple Influence of Liquids on Surface Machining and Nanoparticle Generation, JLMN Journal of Laser Micro-Nanoengineering 2009, vol.4 n.1, 66-70.
17 Stephan BARCIKOWSKI1, Jürgen WALTER1, Anne HAHN1, Jürgen KOCH1, Hatim HALOUI2, Thomas HERRMANN2, Antonietta GATTI3 Picosecond and Femtosecond Laser Machining May Cause Health Risks Related to Nanoparticle Emission JLMN-Journal of Laser Micro/Nanoengineering 2009, Vol. 4, No. 3, 159-164,
18 Antonietta M. Gatti, Daniela Quaglino, Gian Luca Sighinolfi, A Morphological Approach to Monitor the Nanoparticle-Cell Interaction, International Journal of Imaging (ISSN 0974-0627) Volume 2 No. S09 Spring 2009 (Editorial 1) 2-21. http://ceserp.com/cp-jour/index.php ISSN 0974-0627
19 A. Gatti, V. Puntes “While Scientists are still wondering, Industry is already selling” inviato a NanoNow 2009, june n.12, 28-30
20 Lisa Bregolia , Francesca Chiarinia, Andrea Gambarellib, Gianluca Sighinolfib, Antonietta M. Gattib, Patrizia Santia, Alberto M. Martelli and Lucio Cocco ” Toxicity of antimony trioxide nanoparticles on human hematopoietic progenitor cells and comparison to cell lines . J. of Toxicology 2009. Vol 262 n2,3 August 121-29.
21 T. Hansen, L. Klimek, F. Bittinger, I. Hansen, F. Capitani, A. Weber, A. Gatti, JK Kirkpatrick, Mastzellreiches Aluminiumgranulom, Der Pathologe. 29(4):311-3.
22 A.M Gatti, S. Montanari, Unintended Nanoparticles: The most dangerous yet? Military Problems and Nanotechnology Solutions, NanoNow, 2009, n 15, December 30-34.
23 Coauthor of the Meeting Report of FAO/WHO Scientific meeting: “Expert Meeting on “the Application of Nanotechnologies in the Food and Agriculture Sectors: Potential Food Safety Implications”, 2009 in press in 5 languages in 2010. (http://www.fao.org/ag/agn/agns/)) (http://www.who.int/foodsafety);http://www.who.int/…/fs_…/meetings/nano_june09/en/index.html
24 Antonietta M. Gatti1, Paolo Bosco2, Francesco Rivasi1, Sebastiano Bianca3, Giuseppe Ettore3, Luigi Gaetti4, Stefano Montanari5, Giovanni Bartoloni6, Diego Gazzolo7, Heavy metals nanoparticles in fetal kidney and liver tissues, Frontiers in Bioscience (Elite edition, E3) 2011;1 (January):221-6
25 Gatti A.M , DIPNA Development of an Integrated Platform for Nanoparticle Analysis to verify their possible toxicity and the eco-toxicity in Compendium of Projects in the European NanoSafety Cluster , Editors: Michael Riediker, Georgios Katalagarianakis, Lausanne, Switzerland March pag. 11-17, 2010 
26 Checchi L, Nucci MC, Gatti AM, Mattia D, Violante FS. Sarcoidosis in a dental surgeon: a case report.J Med Case Reports. 2010 Aug 10;4:259. (doi:10.1186/1752-1947-4-259)
27 A Gatti , Nanopathology: A New Word to Describe the Nanoparticle-Human Body Interaction in AzooNano http://www.azonano.com/details.asp?ArticleId=2753; 2010
28 Tommaso Iannitti, Stefania Capone, Antonietta Gatti, et al, Intracellular heavy metal nanoparticle storage:progressive accumulation within lymph nodes with transformation from chronic inflammation to malignancy International Journal of Nanomedicine 2010 Volume 2010:5 Pages 955 – 960 DOI: http://dx.doi.org/10.2147/IJN.S14363:http://www.dovepress.com/articles.php
29 Antonietta M. Gatti, Stefano Montanari, “Nanoparticles: a new form of terrorism? “In Proceedings of the NATO-ASI Conference in Chisinau, Moldova 07-17 June 2010 entitled “Technological innovations in detecting and sensing of chemical biological radiological, nuclear threats and ecological terrorismo , ED, by A. Vaseashta, E. Braman, P. Susman , Publisher SpringerScience +Business Media B. V. , Dordrecht, the Netherlands, 2012, 45-53, ISBN 978-94-007–2487-7, Doi 10.1007/978-94-007-2488-4_4.
30 E.Artoni, G.Sighinolfi, A. Gatti, R. Magistroni, D. Campioli The role of nanoparticles in cryoglobulinemia: a preliminary study. Clinical and experimental rheumatology 29(1):174-174 • January 2011
31 C. Falugi , M.G. Aluigi , M.C. Chiantore , D. Privitera , P. Ramoino , M.A. Gatti , A. Fabrizi , A. Pinsino , V. Matranga,Toxicity of metal oxide nanoparticles in immune cells of the sea urchin” Marine Environmental Research, Elsevier 2012,76, 114-121 (doi:10.1016/j.marenvres.2011.10.003)
32 A.Gatti, S. Montanari, “Nanopathology: A Controversial Aspect of Nanomedicine” NanoMagazine 2011 , 22 November, 18-21 ISSN 1757-2517
33 A.M.Gatti, S. Montanari Il fuoco amico “Social News” Anno 9, n.1 gennaio p.16-18, 2012
34 S. Montanari, A.M.Gatti I due lati di una medaglia “Social News” Anno 9, n.1 gennaio p.8-9, 2012
35 A.M.Gatti, La guerra e le nanopatologie 1^ Conferenza Nazionale Sanitaria deiMedici del Corpo Militare A.C.I.S.M.O.M. pag. 8-13, Milano 2012
36 Chiara Gambardella1*, Sara Ferrando1, Lorenzo Gallus1, Antonietta Morena Gatti2, Paola Ramoino1, Cesare Usai3, Livia Vittori Antisari4, Serena Carbone4, Carla Falugi1 Nanosilver pesticide-like toxic effect assessed by using Lemna minor. International Journal of Environmental Analytical Chemistry – Manuscript ID GEAC-2012-0504Nov 2012
37 L. Alexandrescu, K. Syverud, A. Gatti, G. Chinga-Carrasco..” A biocompatibility study of cellulose nanofibril-based structures” Cellulose 2012 ISSN 0969-0239- Cellulose, DOI 10.1007/s10570-013-9948-9, 18 March 2013, 1-13.
38 Chiara Gambardella, Maria G. Aluigi, Paola Ramoino, Alberto Diaspro*, Paolo Bianchini*, Antonietta M. Gatti**, Marino Rottigni, Grazia Tagliafierro, Carla Falugi, Developmental abnormalities and cholinesterase activity alteration in sea urchin embryos and larvae obtained from sperms exposed to engineered nanoparticles Aquatic Toxicology 130– 131 (2013) 77– 85 AQTOX-D-12-00673
39 Verstraelen, Sandra, Remy, Sylvie; Casals, Eudald; De Boever, Hilda Witters, Gatti, Antonietta; Puntes, Victor; Nelissen, Inge; “Gene expression profiles reveal distinct immunological responses of cobalt and cerium dioxide nanoparticles in two in vitro lung epithelial cell models” Toxicology Letters 2014, Volume 228, Issue 3,157-169. (http://dx.doi.org/10.1016/j.toxlet.2014.05.006)
http://www.sciencedirect.com/…/article/pii/S0378427414001970
40 L.Vittori, A. Gatti, S. Carbone Exposure of Tillandsia Usneoides at Silver Nanoparticles Conference proceedings of full text for publishing in Thomson Reuters database. Katerina Sanetrnikova, conference manager, NANOCON 2012, www.nanocon.cz<http://www.nanocon.cz/en/>
41 A.Gatti, S. Montanari “Engineered nanoparticles, natural nanoparticles and nanosized-by-products” NANO :the magazine for small science, n. 26 December 2012, pag 18-19.
42 A. Gatti “9/11 and nanoparticles: when one doesn’t like to be right” NANO :the magazine for small science, n. 26 December 2012, pag20-21
43 A.Gatti, I.Massamba, F. Capitani , M. Commodo, P. Minutolo “Investigations on the impact of nanoparticles on environmental sustainability and ecotoxicity “ EQA Environmental quality Vol 8 2012, 1-8, ISSN2039-9898
44 Tommaso Giordani (1)*, Alberto Fabrizi (2), Lucia Guidi (1), Lucia Natali (1), Giulia Giunti (1), Fausto Ravasi (1), Andrea Cavallini (1), Alberto Pardossi Response of tomato plants exposed to treatment with nanoparticles EQA – Environmental quality / Qualité de l’Environnement / Qualità ambientale, 8 (2012) 27-38
45 L. Vittori, S. Carbone, A.M. Gatti, G. Vianello, P. Nannipieri,”Toxicity of metal oxide (CeO2, Fe3O4, SnO2) engineered nanoparticles on soil microbial biomass and their distribution in soil” Soil Biology and Biochemistry Volume 60, May 2013, Pages 87–94, http://www.sciencedirect.com/…/article/pii/S0038071713000278
46 G. Degrassi, I. Bertani, G. Devescovi, A. Fabrizi, A. Gatti, V. Venturi Response of Plant-bacteria interaction models to nanoparticles EQA Environmental quality Vol8 2012, 39-50 , ISSN2039-9898 
47 L. Vittori, S. Carbone, A.M. Gatti, A. Fabrizi, G. Vianello,Toxicological effects of engineered nanoparticles on earth worms (lombricus rubellus ) in short exposure EQA Environmental quality 2012, Vol. 8, 51-60 , ISSN2039-9898 
48 C. Falugi, M.G.Aluigi, M.Faimali, S. Ferrando, C. Gambardella, AM Gatti, P.Ramoino , Dose dependent effects of silver nanoparticles on the reproduction and development of different biological models EQA Environmental quality Vol. 8 2012, 61-65, ISSN2039-9898 
49 S. Cattini, AM Gatti “In-vivo Diffuse Correlation Spectroscopy Investigation of the Ocular Fundus”.Journal of Biomedical Optics 18(5), , May 2013, pag.057001- (1-14).
50 A.Gatti, S. Montanari. The Quirra Syndrome : matter of Traslational Medicine, in Advanced Sensors fgor Safety and security Ed. By A.Vaseashta, S. Khudaverdyan, NATO Meeting in YEREVAN 2012, The NATO Science forPeace and Security programme: Series B:Physics and Biophysics, . Springer (ISBN978-94-007-7002-7), Dordrecht, Germany 2013, Cap. 4, 55-64.
51 Myrzakhanova M., Gambardella C., Falugi C., Gatti A.M., Tagliafierro G., Ramoino P., Bianchini P., Diaspro A. 2013. Effects of nanosilver exposure on cholinesterase activities, CD4 and CDF/LIF-like expression in zebrafish (Danio rerio) larvae. BioMed Res. Internat., vol. 2013, Article ID 205183, 12 pages, 2013. doi:10.1155/2013/205183.
http://dx.doi.org/10.1155/2013/205183 ,http://www.hindawi.com/journals/bmri/2013/205183/;
52 Chiara Gambardella, Carla Falugi, Antonietta M. Gatti, Marco Feimali, Lorenzo Gallus “Toxicity and transfer of metal oxide nanoparticles from microalgae to sea urchin larvae” Chem. Ecol., 16 January 2014; 30: 308-316 DOI:10. 1080/02757540.2013.873031, http://www.tandfonline.com/…/…/10.1080/02757540.2013.873031…
53 Chiara Gambardella,Maria G. Aluigia, Sara Ferrandoa, Lorenzo Gallusa, Paola Ramoinoa,Antonietta M. Gattib, Marino Rottignia, Carla Falugia,Developmental abnormalities and changes in cholinesterase activity in sea urchin embryos and larvae from sperm exposed to engineered nanoparticles. Aquatic Toxicology Volumes 130–131, 15 April 2013, Pages 77–85..
54 Maider Olasagastia, Antonietta M. Gattib,c, Federico Capitanic,Alejandro Barrancoa, Miguel Angel Pardoa, Kepa Escuredoa,and Sandra Rainieri. Toxic effects of colloidal nanosilver in zebrafish embryos . Journal of Applied toxicology 2014.; 34(5):562-75.
55 Gilberto Giannini, Antonio Giusto, Piero Pazzaglini, Annalisi Grucii, Daniele Contini, Pietro Gobbi, Antonietta Gatti, Laura Valentini, Paola. Boi, La microscopia elettronica a scansione: Collaborazione tra ARPAM e Università di Urbino. ARPAM Newsletter, Dicembre 2013, n.39 , 1-4.
56 Livia Vittori Antisari, Serena Carbone, Antonietta Gatti, Gilmo Vianello, Paolo Nannipieri, Toxicity of metal oxide (CeO2, Fe3O4, SnO2) engineered nanoparticles on soil microbial biomass and their distribution in soil, Soil Biology and Biochemistry 2013, 60:87–94. DOI:10.1016/j.soilbio.2013.01.016,
57 A.Gatti, New constituents and particle sizes herald new health dangers from pollution, Nano magazine n. 29 July 1-3, 2014 .
58 A. Gatti Archeologia: una disciplina affascinante e polverosa? Archeomedia Anno 9, 4 luglio 2014 http://www.archeomedia.net//39543-antonietta-m-gatti-arche…
59 A. Gatti, S. Montanari Nanopathology: The Nano-bio-interaction of Nanoparticles Inside the Human Body , M. Lungu et al. (eds.), Nanoparticles’ Promises and Risks, Springer International Publishing Switzerland 2014, PartII-5 5 , 70-84
60 A. Gatti, S. Montanari Identification of nanoparticles in organic matrices M. Lungu et al. (eds.), Nanoparticles’ Promises and Risks, Springer International Publishing Switzerland 2014 Part III-10, 213-220.
61 L P Nannipieri. Uptake and translocation of metals and nutrients in tomato grown in soil polluted with metal oxides- (CeO2, Fe3O4, SnO2, TiO2) or metallic- (Ag, Co, Ni) engineered nanoparticles, Environmental Science and Pollution Research (Springer)2014, 6 Settembre, 1-14. f (DOI 10.1007/s11356-014-3509-0) (http://link.springer.com/artic/10.1007%2Fs11356-014-3509-0…)
62 G.Degrassi, V.Venturi, L.Vittori Antisari, S. Carbone, A.Gatti, G. Vianello,C.Gambardella, Impact of Engineered Nanoparticles on Virulence of Xanthomonas oryzae pv oryzae and on Rice Sensitivity at its Infection. Article • December 2014, DOI: 10.6092/issn.2281-4485/4556
63 A.M. Gatti Nanomedicine and Nanopathology: Two Opposite Aspects of Nanotechnologies. Editorial Article, Journal of Nanomedicine Research 2014;vol I (2), 2-3
Citation: Gatti AM (2014) Nanomedicine and Nanopathology: Two Opposite Aspects of Nanotechnologies. J Nanomed Res 1(2): 00008. DOI: 10.15406/jnmr.2014.01.00008
64 Livia Vittori Antisari & Vito Armando Laudicina &Antonietta Gatti & Serena Carbone & Luigi Badalucco &Gilmo Vianello. Soil microbial biomass carbon and fatty acid composition of earthworm Lumbricus rubellus after exposure to engineered nanoparticles, Biol Fertil Soils 2015: 51; 260-69. DOI 10.1007/s00374-014-0972-1, Springerhttp://link.springer.com/article/10.1007/s00374-014-0972-1
65 G. L. Sighinolfi1, E. Artoni2, A. M. Gatti3and L. Corsi1, Carcinogenic potential of metal nanoparticles in BALB/3T3 cell transformation assay, Environmental Toxicology published 30 OCT 2014-http://onlinelibrary.wiley.com/d/10.1002/tox.22063/abstract
66 Antonietta m. Gatti, Stefano Montanari and Ashok Vaseashta Nanopathology—Risk Assessment of Mysterious Cryptogenic Diseases . in Life Cycle Analysis of Nanoparticles: Reducing Risk and Liability edited. By A. Vasehasta, DESTech Pubblications (Lancaster Pennsylvania. 2015; Cap.6. Pg. 143 -172, 
67 Antonietta m. Gatti, Stefano Montanari Letter to Science A new pathogenic agent: the Bad Luck.
68 Antonietta m. Gatti, Stefano Montanari “August 1945: WWII ended after two atomic bombs had been dropped: The health and environmental side-effects of high-temperature weapons including atomic bombs”. on January 8, 2015 at 17:00 warhistoryonline https://www.warhistoryonline.com//august-1945-wwii-ended-t…
69 “Gambardella C., Ferrando S., Gatti A.M., Cataldi E., Ramoino P., Aluigi M.G., Faimali M., Diaspro A., Falugi C. Morpho-functional and biochemical markers of stress in sea urchin life stages exposed to engineered nanoparticles. Environ. Toxicol., ” Environmental Toxicology 05/2015; DOI:10.1002/tox.22159.
70 Antonietta M. Gatti, Stefano Montanari Case Studies in Nanotoxicology and Particle Toxicology , Elsevier (USA) (ISBN: 978-0-12-801215-4). 2015; 1-260.
71 Roncati L1, Gatti AM2, Pusiol T3, Barbolini G1, Maiorana A1. Acquired immunodeficiency similar to Gulf War illness in a dead former serviceman. J R Army Med Corps. 2015 Jun;161(2):153-5.
72 Roncati L1, Gatti AM, Capitani F, Barbolini G, Maiorana A, Palmieri B
Heavy Metal Bioaccumulation in an Atypical Primitive Neuroectodermal Tumor of the Abdominal Wall. Ultrastruct Pathol. 2015 Aug;39(4):286-92.
73 Luca Roncati,1 Ph.D.; Antonietta M. Gatti,2, 3 Ph.D.; Federico Capitani,3 B.S. Goretta Bonacorsi,4 Ph.D.; Giuseppe Barbolini,1 Ph.D.; and Antonio Maiorana,1 Ph.D.A novel forensic Investigation applied to bone remains exhumed near Quira Interforce Firing Range: (Case Report) J.of Forensic Sciences 2015, December p.858-8612016 May;61(3):858-861. doi: 10.1111/1556-4029.13016. Epub 2015 Dec 31. PMID: 27122433
74 G.Visani*1, A.Manti2, L.Valentini2, B.Canonico2, F.Loscocco1, A.Isidori1, E. Gabucci1, P.Gobbi2, S. Montanari3, M. Rocchi3, S. Papa3, A.M.Gatti4* Environmental nanoparticles are significantly over-expressed in acute myeloid leukemia Leukemia Research, Volume 50, November 2016, Pages 50-56 http://www.sciencedirect.com/…/article/pii/S0145212616301916
75 Artoni E. 1,5, Sighinolfi G.L.5, Campioli D. 2, Magistroni R.3, Cappelli G.3, Gatti A.M.4, Sebastiani M.5, Colaci, Giuggioli D.5, Ferri C.5Micro and nanoparticles as possible pathogeneticco-factors of mixed cryoglobulinemia syndrome Occupational Medicine 2016 September 30;https://www.readbyqxmd.com//micro-and-nanoparticles-as-pos…
76 Livia Vittori Antisari,Serena Carbone,Antonietta Gatti,Gilmo Vianello,Paolo Nannipieri, Uptake and translocation of metals and nutrients in tomato grown in soil polluted with metal oxide (CeO2, Fe3O4, SnO2, TiO2) or metallic (Ag, Co, Ni) engineered nanoparticles.https://www.researchgate.net/publication/265394076_Article in Environmental Science and Pollution Research 22(3) • September 2014 
77 l.Vittori. A. Gatti ecc Impact of cobalt and silver nanoparticles and ions on soil microbial community structure, lumbricus rubellus health and their trophic interactions”. Environmental Toxicology and Chemistry Biol Fertil Soils (2015) 51:261– 269DOI 10.1007/s00374-014-0972-1
78 A M Gatti The theory of everythinghttp://medcraveonline.com/JNMR/articles-in-presshttp://medcraveonline.com/JNMR/JNMR-03-00053.pdf, J. of Nanomedicine &Research February 2016. 
79 Chiara Gambardella,1 Sara Ferrando,2 Antonietta M. Gatti,3 Edoardo Cataldi,2Paola Ramoino,2 Maria Grazia Aluigi,2 Marco Faimali,1 Alberto Diaspro,4 Carla Falugi5 Review: Morphofunctional and Biochemical Markers of Stress in Sea Urchin Life Stages Exposed to Engineered Nanoparticles (wileyonlinelibrary.com). DOI: 10.1002/tox.22159, Environmental Toxicology. 2015 ( Wiley Periodicals) Inc., 1-11.
80 Luca Roncati, Giuseppe Barbolini, Antonietta M. Gatti, Teresa Pusiol, Francesco Piscioli, Antonio Maiorana. The uncontreolled Sialylation is related to chemoresistent metastatic breast cancer, Pathology, Oncology, Research on-line ( DOI 10.1007/sl12253-016-0057-6) 2016 ; p1-5. Apr 1. [Epub ahead of print] PMID: 27037559 
81 Serena Carbone Sara Bosi; Antonietta Gatti; Giovanni Dinelli, Livia Vittori Antisari, Title: Metal and metal oxides engineered nanoparticles effects on physiological parameters and nutrients content in basil (Ocimum basilicum L.) spedito a Ecotoxicology and Environmental Safety, in accettazione
82 Roncati L, Gatti AM, Pusiol T, Piscioli F, Barbolini G, Maiorana A. The first investigative science-based evidence of Morgellons psychogenesis. Ultrastruct Pathol. 2016 Jun 7:1-5. [Epub ahead of print] PMID: 27269255
83 Antonietta Gatti Nano-biointeraction and nanopathology in AZOnano October 2016 http://www.news-medical.net//Nano-biointeraction-and-nanop…
84 Chiara Gambardella, Sara Ferrando, Antonietta M. Gatti, Edoardo Cataldi, Paola Ramoino,Maria Grazia Aluigi,Marco Faimali,Alberto Diaspro,Carla Falugì, Review: Morphofunctional and biochemical markers of stress in sea urchin life stages exposed to engineered nanoparticles Environmental Toxicology • May 2015 DOI: 10.1002/tox.22159
https://www.researchgate.net//277414327_Review_Morphofunct… [accessed Nov 23, 2016].
248 Gatti AM and Montanari S. New quality-control investigations on vaccines: micro- and nanocontamination. Int J Vaccines Vaccin 2017, 4(1): 00072. doi: 10.15406/ijvv.2017.04.00072…………………………. Comment:http://www.pharmaceutical-journal.com/…/re…/20202318.article Comment:http://www.ghostshipmedia.com/…/lead-iron-chromium-metals-…/……...http://www.healthnutnews.com/…/micro-nanocontamination-vacc…
249 Letter to the Editor Many vaccines have tiny amounts of inorganic matter, investigation finds. BMJ 2017http://www.bmj.com/content/356/bmj.j596/rr-3
250 Nano-biointeraction and nanopathology in News Medical Life sciences, 31 Oct. 2016; http://www.news-medical.net//Nano-biointeraction-and-nanop…
http://www.peacelink.it/editoriale/a/15248.html

Tap accellera con la complicità del Governo Italiano.

https://www.tgvallesusa.it/2017/11/tap-accellera-la-complicita-del-governo-italiano/

cropped-Banner-TGV1

Sgomberato il presidio No Tap, cosa è successo nella notte: “Qui in Salento si sta lavorando da mesi senza che ci siano le previste autorizzazioni”

di Valsusa Report

Nella complicità delle carte firmate dal Governo Italiano a più riprese (ultima di questi qualche mese fa) si ha di fatto messo al via i lavori TAP senza le comuni autorizzazioni edili (e di diritto per qualsiasi opera). Un nuovo millennio dove la gente inizia ad accorgersi delle malattie provocate da questi lavori (e ad oggi ben nascoste nei progetti, l’esempio sta nelle carte TAV dove per ogni chilometro di scavo sono previsti morti).

Le popolazioni si oppongono dove sono allo stremo per sussistenza sanitaria ed economica o economico-sanitaria.

Dal Presidio No Tap Marco, uno storico attivista, uno tra i primi ad intravedere l’abuso del territorio ci scrive: “ce lo attendavamo, sapevamo che prima o poi la militarizzazione sarebbe arrivata. Non potevamo prevedere il giorno, anche se le informazioni si rincorrevano e più volte si parlava dei primi di novembre, ma TAP è imprevedibile, i suoi errori, la sua goffaggine, il suo non avere un progetto decente, ha come conseguenza la mancanza di un crono-programma”.

La complicità si legge per chi vuole leggerla ovviamente, 500 Forze dell’Ordine, vengono stanziate

ad ordine dei rappresentanti dello stato per l’ordine pubblico; quale? Quello che salva gli operai dai riottosi ovvi contestatori. Un sistema che garantisce i lavori non sorvegliati da chi si oppone, da chi appunto farà la pulce a tutti i lavori. Si sa se vuoi dei lavori rispettando le norme, quei lavori costeranno uno sproposito, pensate all’avvio di un’attività commerciale, ad un negozio.

TAP è un’attività commerciale privata, ed anche un’attività che oggi drena di fatto soldi pubblici, le Ff.Oo stipendiate dal ministero vengono stanziate nei territori di Melendugno, San Foca e San Basilio per 30 giorni.

La complicità e lo stupore lo scrivono e lo dicono i No Tap

Sergio da Lecce esordisce nella trasmissione Radio Rai dicendo “come fa l’autrice dell’articolo sul TAP a non sapere che per la realizzazione del progetto di gasdotto eurasiatico è pesantemente coinvolta la ‘ndrangheta (lo ha scritto poche settimane fa anche L’Espresso) e che per approvarlo in UE sono state pagate sedicimila tangenti per un importo di 3 miliardi di euro? – aggiunge – dei quattro gasdotti che interessano l’Italia ne funzionano solo due per l’insufficiente consumo di gas (calato in Europa del 50% negli ultimi anni)”

Marco dice stupendosi “non ci aspettavamo che, per favorire il mafiodotto, si sarebbero messe in campo forze di polizia in maniera sproporzionata, il governo ha avuto bisogno di mostrare i muscoli e dimostrare a TAP, che sembra governare lo stato italiano, che ha fatto i compiti. La cosa che non ci aspettavamo era la militarizzazione non solo dell’area del Cantiere di San Basilio, ma anche San Foca e Melendugno. Già questa estate avevamo potuto constatare la violenza dello stato, ma ora stiamo calpestando anche il diritto alla libera circolazione, ora stiamo sfiorando, se non ci stiamo già, la dittatura del neo liberismo”.

Di seguito la cronaca della giornata di ieri 13 novembre:

Per non essere colti impreparati erano un paio di notti che cercavamo di tenere il presidio ancora più vivo del solito. Ieri notte eravamo in venti a presidiare. Come da abitudine c’era chi girava per le strade alla ricerca di movimenti sospetti. Purtroppo non c’è stato bisogno di molta attenzione, già alle 23:30, mezzi di polizia, carabinieri, finanza e mezzi delle ditte che lavorano e collaborano con tap, si muovevano in direzione presidio.

La pressione, o meglio, la repressione subita in estate, ha dato i suoi frutti facendo allontanare molte famiglie, non dal movimento, ma dalla zona del presidio, quindi ci siamo ritrovati a fronteggiare in pochi i lavori della multinazionale. Come al solito abbiamo cercato di ritardarli e rendergli la vita difficile, ma la sproporzione di uno a dieci ci ha fatto desistere e siamo ritornati a presidiare all’interno del nostro spazio per paura che anche quello ci venisse tolto.

Abbiamo assistito impotenti all’arrivo di mezzi di polizia ed abbiamo visto il cantiere riempirsi di ogni tipo di mezzi, abbiamo visto enormi luci e tutto il necessario per partire, con due anni di ritardo, alla vera cantierizzazione. Cominciavano ad arrivare voci, poi confermate, che per una ordinanza prefettizia, non si poteva ne entrare ne uscire da San Basilio. I minuti diventavano interminabili nell’assistere impotenti a quello scempio e pian piano, conoscendo le strade di campagna, molti hanno deciso di recarsi a Melendugno per incontrare gli altri ed organizzarsi in maniera diversa. In pochi sono rimasti nel presidio a controllare che nulla fosse toccato o devastato.

Intorno alle nove scopriamo che, la campagna del presidio, rientra nella zona rossa di pertinenza ed ad uso delle forze dell’ordine per la durata dell’ordinanza che va da oggi 13 novembre al giorno 13 di dicembre. Chi era all’interno a cercato di restare quanto più a lungo possibile, ma la presenza sempre più massiccia della polizia a ridosso del nostro reticolato, ed il numero esiguo di presidianti a fatto desistere quest’ultimi che a malincuore hanno abbandonato le tende.

Alla mattina, spontaneamente, e contravvenendo all’ordinanza del prefetto, molti si sono ritrovati per una assemblea sul lungomare di San Foca dove si è deciso di spostarsi su Melendugno per manifestare il nostro disappunto e la nostra rabbia, per la situazione in essere sul nostro territorio, presso la sede di TAP. Di li ci siamo mossi verso i posti di blocco dove ad attenderci c’erano già schierate le forze dell’ordine in assetto antisommossa, abbiamo messo su un poco di disturbo al traffico e siamo ritornati all’interno del paese per sensibilizzare le famiglie mentre i  uscivano di scuola. La giornata si è conclusa così, rimandandoci all’assemblea che si terrà domani e di cui faremo un report dettagliato.

Contro ogni ingiustizia sociale, contro il TAP e contro tutte le opere inutili, dannose ed imposte.

La complicità dei difensori sull’azienda privata TAP lascerà indietro il meticoloso bozzare dei documenti

utili alla memoria storica, il valsusino Claudio Giorno ci scrive “per il TAV abbiamo una documentazione scientifica almeno pari a quella dei proponenti salvo che per una cosa: il costo per i contribuenti: zero cent contro 1 miliardo e mezzo di euro! (Come del resto stanno facendo i Salentini anche se ovviamente da meno tempo) ed oggi un po bloccata con la militarizzazione”.

Vogliamo anche ricordare le coincidenze di questa lotta.

Il presidio “La Peppina”, ad oggi sgomberato era la casa di tutti, noi come redazione abbiamo passato li una settimana indimenticabile raccogliendo spunti giornalistici per conoscere i motivi dell’opposizione. Un attivista scrive “lo avevamo chiamato così in onore della nostra amata Angelica, nome di battaglia, la Peppina. Se n’ è andata una notte di 3 mesi fa, era il 13 agosto. Il 13 Novembre, quasi a voler sfregiarci con uno schiaffone ancora più infame, i viscidi omuncoli di Tap, decidono di far partire i lavori. È stato uno smacco troppo forte e per questo lotteremo in modo ancora più duro, perché potete mobilitare gli eserciti che volete ma non avremo mai paura di voi. Lo dobbiamo alla nostra terra, ai nostri figli, ai nostri ideali e alla nostra Angelica!”.

Il Governo Italiano insieme a TAP per trenta giorni farà i lavori che nessuno in quella terra vuole.

Verranno spesi soldi pubblici, verrà a mancare in seguito la sussistenza per la popolazione, andando in comune la frase che si sentirà più spesso: “non ci sono i soldi”, la sentiranno le famiglie con disabili in casa, la sentiranno le associazioni che hanno bisogno di risistemare le sedi o il campetto da calcio, lo sentiranno le maestre per la sicurezza e la docenza agli alunni, lo sentiranno le squadre di volontari che si adoperano alla salvaguardia del territorio, lo sentiranno i gruppi di salvaguardia delle vite dagli incidenti stradali. E come ci disse, in quell’occasione, passando per caso, con la telecamera, l’anziano curatore degli ulivi centenari del Salento: “lo sentiranno in tanti, meno qualcuno, quelli non lo sentono mai, quelli che dicono: “ce bisogno di lavorare” o “eseguiamo solo gli ordini”, quelli sono sordi!!.

V.R. 14.11.17

Canadair – Uno dei più grandi scandali della storia Italiana di cui non si può e non si deve parlare! …E ci meravigliamo che ci sia gente che salta di gioia ad ogni nuovo incendio…!!!

http://ilfastidioso.myblog.it/2017/07/23/canadair-uno-dei-piu-grandi-scandali-della-storia-italiana-di-cui-non-si-puo-e-non-si-deve-parlare-e-ci-meravigliamo-che-ci-sia-gente-che-salta-di-gioia-ad-ogni-nuovo-incendio/

Canadair

 

Che fine faranno gli aerei Canadair in Italia? un altro scandalo di cui non si può / non si deve parlare

L’aereo Canadair tecnicamente e operativamente è una buona macchina e i piloti che lo fanno volare sono seri professionisti, ma la “gestione” fatta dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento ProCiv. – è stata ed è scandalosa: non è più accettabile.

Comperati, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Protezione Civile – con soldi pubblici ma dati da gestire dal 1997 fino al 21 Ottobre 2010 (giorno del suo arresto) al Sig. Spadaccini, società Sorem, una società privata che non aveva mai fatto quel mestiere. Quando ha preso l’appalto a trattativa privata, non aveva nemmeno un pilota, non aveva tecnici e la Presidenza Consiglio dei Ministri per potergli affidare l’incarico nel 1997 dovette addirittura modificare il Bando di Gara (già depositato in Comunità Europea) perché, nel precedente Bando di Gara era richiesto il possesso della Licenza da almeno tre anni.

Dal 1997 dieci Governi di centro-destra e/o di centro-sinistra, hanno voluto e tollerato che questo scandalo cominciasse e continuasse ancora oggi: hanno creato e “ingrassato” un monopolista “privato”, pagandolo più di 30/40 milioni €/Euro ogni anno, “solo” per far volare quegli aerei.
Spadaccini, gestore privato, tramite la sua società Sorem per oltre 13 anni di quegli “aerei di Stato” grazie agli “strani” appalti del Dipartimento ProCiv., ha nascosto in un paradiso fiscale 90 milioni €/Euro. E’ stato scoperto, arrestato (la sua prima dichiarazione è stata: “… pagavo il faccendiere Lavitola per garantirmi gli appalti del Dipartimento ProCiv…”) indagato e ora è sotto processo per frode fiscale, ma nessuno ne deve parlare! Il processo al Sig. Spadaccini è cominciato a Pescara il 9 luglio 2013, ma nessuno ne parla; nessuno racconta della truffa di 90 milioni di €/euro a danno dei cittadini italiani permessa e tollerata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

E’ stata la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento ProCiv. – a metterglieli in tasca tutti quei milioni di €/euro per gestire quegli aerei. Il Dipartimento ProCiv. non sapeva e non sa quanto costa gestire una “compagnia aerea”! Non l’ha mai fatto! Non ha mai avuto i piloti, non ha mai avuto i tecnici e non ha mai avuto nemmeno la licenza per far volare degli aerei ! In base a cosa hanno deciso che il Bando di Gara doveva essere di 50 milioni €/Euro ogni anno e non di 30 milioni oppure di 70 milioni? Ma perché li hanno comperati quegli aerei se poi, per farli volare hanno dovuto far nascere e dipendere da un “monopolista privato” che ha dovuto imparare un mestiere che nemmeno lui aveva mai fatto, utilizzando tra l’altro “aerei di Stato”? La Corte dei Conti non ha nulla da dire in proposito?
Nel 2011, dopo l’arresto del sig. Spadaccini (avvenuto il 21 Ottobre 2010 ) e la rescissione del contratto con la società Sorem, la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento PropCiv. – (in “panico istituzionale”: aveva gli aerei ma non poteva farli volare! Se fosse successo nel mese di Luglio invece che ad Ottobre?) ha ricreato la stessa identica situazione precedente: per farli volare hanno affidato gli aerei “statali” Canadair ad una nuova società privata.

Martedì 3 Luglio 2012 il Capo Dipartimento della Protezione Civile (Prefetto Gabrielli) dichiara: “…l’anno prossimo se non si troveranno nuovi fondi, i Canadair dovranno restare a terra…“ poche settimane dopo precisa ulteriormente: “… abbiamo la più grande flotta aerea di Canadair al mondo ma io mi domando: ce li possiamo permettere? Io non lo so …”. Lo Stato deve comperare altri aerei per darli ad una ditta privata per farli volare?

Visto che soldi non ce ne sono più, il Governo Monti ha deciso e il Governo Letta ha reso esecutivo che quegli aerei siano “tolti” alla Presidenza del Consiglio dei Ministri -Dipartimento ProCiv.- e “dati” al Ministero dell’Interno (VV.FF.), ma qualcosa di strano da quel momento ha avvolto il “capitolo di spesa Canadair”! Forse in qualche sottoscala del Ministero dell’Interno si sta organizzando qualche operazione sui velivoli Canadair che è meglio tenere riservata? Operazioni magari tenute segrete che, con assurde motivazioni di “sicurezza nazionale”, vengono gestite in modo sospetto, anomalo e/o in deroga alla legge? Non sarebbe la prima volta !

Vedere su Internet:

Appalti al Viminale, tutto da archiviare. Silenzio su gare segretate per 600 milioni

Per quale motivo i 20 aerei Canadair, già di proprietà Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento della Protezione- Civile sono stati ceduti, volturati, intestati al Ministero dell’Interno – Vigili del Fuoco? Perché si fanno questi “strani” passaggi di proprietà?
Ci hanno detto che il Dipartimento della Protezione Civile non ha più soldi per far volare questi aerei, quindi diamoli ai Vigili del Fuoco -Ministero dell’Interno ma, i Vigili del Fuoco pare che non abbiano nemmeno i soldi per pagare eventuali infortuni al proprio personale.
Vedere su internet alcune Interrogazioni Parlamentari a proposito delle scarse risorse finanziarie dei VV.FF.:

Vigili del fuoco senza copertura assicurativa per malattie e infortuni

Interrogazione On. Rosato la Uil PA Vigili del Fuoco inerente la mancanza di assicurazione obbligatoria contro gli infortuni

Pompieri umiliati, intervenga Alfano

Come faranno i Vigili del Fuoco a pagare la ditta privata che dovrà far volare i Canadair?
Se i soldi li troveranno per i VV.FF., tanto valeva darli al Dipartimento ProCiv. visto che comunque gli uni e/o gli altri per far volare quegli aerei “statali” debbono pagare una ditta privata.
Cosa si vuole nascondere, cosa si sta preparando : un nuovo “schiaffo” ai cittadini italiani?
Si sta organizzando un altra “svendita” come la grande operazione Alitalia voluta da Berlusconi e i suoi capitani coraggiosi?

L’ex Governo Monti prima e l’attuale Governo Letta pensano forse di “svendere” quegli aerei antincendio a qualche “amico” del momento, magari ad un nuovo Colaninno o forse Toto, a qualche nuovo “capitano coraggioso” , o magari a qualche operatore finanziario pronto per “ i saldi”, garantendogli “contratti sicuri” per i prossimi 10/15 anni come già avvenuto con Mr. Spadaccini , contratti talmente “grassi” da non poter rifiutare?
Visto che il Governo/Ministero della Difesa ha deciso di comperare gli aerei F35, cercheranno una ditta privata per far volare anche quelli, come hanno fatto e stanno facendo per far volare gli aerei Canadair ? Perché i Vigili del Fuoco non danno anche i loro automezzi ad una ditta privata per farli circolare ? Perché la GdF, i Carabinieri, la Polizia, i Vigili del Fuoco, il CfS non danno i loro elicotteri a qualche ditta privata per farli volare?
Perché la Marina Militare non da le sue navi a qualche armatore privato per farle navigare?

Vedere su Internet, quello che ha combinato un “monopolista privato” (forse amico di qualche “pezzo grosso” nelle stanze del Potere ? ) nel gestire degli aerei di Stato:

Arrestati Giuseppe Spadaccini, il notaio D’Ambrosio ed ex manager Delverde, Valenti, per maxievasione

Spadaccini: evasione fiscale da 90 milioni di Euro

Abruzzo/Maxievasione da 90mln: Spadaccini rinviato a giudizio, notaio D’Ambrosio assolto

Eppure nel Dipartimento della Protezione Civile, sono anni, che succedono cose strane e/o perlomeno da chiarire, ma rimaste sempre senza risposte.

Fin dal 1996 Guido Bertolaso, già Capo Dipartimento Protezione Civile., dopo pochi giorni in quegli uffici, con una ufficiale lettera di dimissioni denunciò : “…mai mi ero trovato in una situazione così imbarazzante sotto il profilo Istituzionale… esiste un Dipartimento Ombra a fianco di quello ufficiale, che opera in disprezzo delle regole fondamentali della Pubblica Amministrazione …”
firmato Guido Bertolaso -CapoDipart.ProCiv. 18 Settembre 1996

Pochi anni dopo, nell’anno 2001 un altro Capo Dipartimento (Prefetto Anna Maria D’Ascenzo) sostituto di Franco Barberi (n.b.: cacciato per lo scandalo Arcobaleno!) concludendo la sua breve esperienza nello stesso ufficio, in una intervista al settimanale Panorama chiude l’intervista dichiarando : “… d’altra parte, un’inchiesta sull’ attività di questo Dipartimento e sui miliardi spesi è assolutamente necessaria.”
settimanale Panorama 27/09/2001 pag.106 Oggi : 2012 , dopo dieci anni del Dipartimento ProCiv. dei “Grandi Eventi” , dei “Grandi Scandali”, del “Grande Spreco” di denaro pubblico, il nuovo Capo Dipartimento ( Prefetto Gabrielli ) in una intervista al Corriere della Sera dichiara: “… se l’anno prossimo non si troveranno nuovi soldi i Canadair dovranno restare a terra !… Abbiamo la più grande flotta di aerei Canadair al mondo ma io mi domando: ce li possiamo permettere ? Io non lo so ! … … “
Io, lo sapevo fin dal 1993 che il Dipartimento non poteva permetterseli; per quindici anni l’ho detto e spiegato al Dipart. ProCiv. quello che stavano rischiando ma, facevano finta di non capire!
Visto che il Dipartimento ProCiv. non ha più soldi per pagare chi fa volare i Canadair e siccome la Corte dei Conti aveva suggerito e consigliato di dare tutte le competenze anti/incendi boschivi in capo ad un unico Ente ( C.f.S ? ), il Governo Monti ha deciso ed il Governo Letta rende esecutivo che gli aerei Canadair vengano tolti al Dipartimento ProCiv. e siano “dati”, non al CfS ( come raccomandato dalla Corte dei Conti ), ma aiVV.FF. (Ministero dell’Interno) che, come fatto dal Dipartimento ProCiv. nei precedenti 16 anni, li darà nuovamente da gestire ad una società privata! Lo scandalo continua ma : nessuno ne può parlare! Nessuno deve sapere! Perché?

Io ho frequentato ( per mia disgrazia ) quei palazzi / uffici di via Ulpiano (sede Dipartimento della Protezione Civile) fin prima del 1993, quando l’allora Governo Ciampi ordinò l’acquisto dei primi 4 aerei Canadair CL415 e ho frequentato quegli uffici per i quindici anni successivi, vedendo e documentando “tante cose” sulla strana gestione dei mezzi aerei antincendio (tutti, non solo i Canadair), da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Protezione Civile – e i Super-elicotteri del CfS (altro scandalo gigantesco).

La Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile, mi ha già “ucciso civilmente” facendo fallire la mia azienda nel 2004 (n.b.: oggi 2013 mi debbono ancora pagare il lavoro regolarmente fatto nel 1999 ) e, nonostante la Presidenza del Consiglio dei Ministri sia stata condannata dalla Corte di Appello di Torino a pagare il dovuto, non pagano!

Oggi ci sentiamo dire che le aziende falliscono perché la Pubblica Amministrazione paga in ritardo: io l’ho vissuto sulla mia pelle ma, dire “ la Pubblica Amministrazione” è troppo generico. Chi non mi ha pagato e mi ha fatto fallire è statala Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Ho tenuto il diario di tutti quegli incontri in via Ulpiano e nei vari Ministeri competenti (con date, ore e nominativi) e ora, visto che le Istituzioni mi hanno fatto diventare un “cittadino inutile”, ho deciso di rendere pubblico come le Istituzioni (Presidenza Consiglio dei Ministri) hanno operato, perché è ora che gli italiani sappiano come stanno veramente le cose nel merito della “scandalosa gestione” dei mezzi aerei anti/incendio e, capiscano perché da anni l’unica razza in via di estinzione nel nostro Paese è : la razza imprenditoriale.
In questo nostro Paese tutti, troppi parlano (senza aver mai provato a farlo) di come creare nuovi posti di lavoro, ma gli unici che creano “veri” posti di lavoro da sempre sono gli imprenditori (piccolissimi artigiani, piccoli o grandi imprenditori), ma nel nostro Paese fare l’imprenditore è diventato impossibile.
Io ho provato, lo facevamo bene, avremmo creato oltre un centinaio di nuovi posti di lavoro facendo risparmiare molte risorse finanziarie ma non solo, allo Stato. Ma le Istituzioni me lo hanno impedito.

Carlo Gaiero 

Fonte italiachebrucia.wordpress.com

via NincoNanco

ZIMBABWE : COUP D’ETAT OU PURGE ? CE QUE L’ON SAIT VRAIMENT A CE STADE …

PANAFRICOM-NEWS/ 2017 11 15/

http://www.scoop.it/t/panafricom

5a0c07decd707514e8c21ea2

Que s’est-il passé cette nuit au Zimbabwe? Voici tout ce que l’on sait … L’armée zimbabwéenne est descendue mercredi dans les rues de la capitale Harare et détenait le président Robert Mugabe, le plus vieux dirigeant en exercice de la planète, tout en assurant ne pas vouloir le renverser.

Selon des témoins, un convoi de véhicules militaires a été vu mardi près d’Harare et des coups de feu entendus dans la nuit près de la résidence privée de Robert Mugabe, 93 ans, qui dirige le Zimbabwe d’une main de fer depuis son indépendance en 1980. Mercredi matin, des blindés de l’armée contrôlaient les accès au Parlement, au siège du parti au pouvoir la Zanu-PF et aux bureaux dans lesquels le chef de l’Etat réunit généralement ses ministres. Pour le reste, l’activité était proche de la normale dans la capitale, selon des journalistes de l’AFP.

En pleine nuit, un haut responsable militaire a expliqué lors d’une allocution diffusée par la télévision nationale que l’armée était intervenue pour éliminer les “criminels” de l’entourage du président, mais qu’elle ne voulait pas “renverser le gouvernement”. “Ce n’est pas un coup d’Etat militaire contre le gouvernement”, a martelé le général Sibusiso Moyo.

Où est le président Mugabe ?

Le chef de l’Etat s’est entretenu mercredi par téléphone avec son homologue sud-africain Jacob Zuma, à qui il a assuré être retenu prisonnier à son domicile de la capitale, tout en ajoutant qu’il allait bien. Dans la nuit, le général Moyo avait assuré que le chef de l’Etat et sa famille étaient “sains et saufs” et que leur sécurité était “garantie”, sans donner plus de détails. Aucun détail n’a été donné sur la situation de son épouse Grace …

* Lire sur AFP/LLB :

http://www.lalibre.be/actu/international/que-s-est-il-passe-cette-nuit-au-zimbabwe-voici-tout-ce-que-l-on-sait-5a0be995cd707514e8c1c82c

(attention Média de l’OTAN ! Lire avec esprit critique …)

# PANAFRICOM/

PANAFRIcan action and support COMmittees :

Le Parti d’action du Néopanafricanisme !

* Suivre Panafricom-Tv/

https://vimeo.com/panafricomtv

* Découvrir notre WebTv/

http://www.panafricom-tv.com/

* Voir notre Page Officielle Panafricom/ @panafricom https://www.facebook.com/panafricom/

* Blog PANAFRICOM-NEWS

http://www.scoop.it/t/panafricom

* Aborder notre Idéologie panafricaniste/ Panafricom II – Néopanafricanisme

@Panafricom2 https://www.facebook.com/Panafricom2/

* Panafricom sur Twitter/

@Panafricom https://twitter.com/Panafricom

VENERDÌ 17 NOVEMBRE, ALLE 21, A ROMA, GARBATELLA,VIA PULLINO 1 (METRO B), CIRCOLO ARCI, PRESENTO IL DOCUFILM “ERITREA, UNA STELLA NELLA NOTTE DELL’AFRICA”.

http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2017/11/venerdi-17-novembre-alle-21-roma.html

MONDOCANE

MARTEDÌ 14 NOVEMBRE 2017

E’ il racconto attualissimo di un paese che, conseguita l’indipendenza con una lotta di liberazione di trent’anni, difende gli obiettivi di quella lotta contro i tentativi di ritorno di colonialismo e imperialismo. Unico paese africano, dopo la caduta della Libia di Gheddafi,  a rifiutare  presenze militari Usa-Nato e condizionamenti e interferenze del FMI e della Banca Mondiale, l’Eritrea paga la sua autodeterminazione e il suo modello sociale fondato sull’uguaglianza e sulla giustizia sociale con una violenta campagna di diffamazioni da parte dei governi e media occidentali e con la costante pressione bellica del potente vicino etiopico, regime cliente di Usa, UE e Israele.
Il documentario ristabilisce la verità sulla nostra ex-colonia ed esamina il quadro generale  che vede una forsennata corsa militare ed economiche degli Usa e delle ex-potenze coloniali europee ad accaparrarsi, con le buone o con le cattive, le ricche risorse del Continente. Aspetto collaterale di questa predazione è lo svuotamento dei paesi africani delle proprie popolazioni, con gli strumenti della guerra, delle rapine delle multinazionali, dei disastri climatici e dei ricatti di libero scambio. Sradicamento di milioni di africani che da noi si traduce nell’arrivo di masse di migranti che si vogliono accogliere senza se e senza ma, evitando accuratamente di denunciare cause e obiettivi di questa gigantesca operazione di ingegneria politica e sociale contro l’Africa (e il Medioriente) e contro il Sud Europa.
Fulvio Grimaldi
 

DUPLICITE TURQUE EN SYRIE (II) : EN ACCORD AVEC LES USA, LA TURQUIE TENTE DE MINER LA SOUVERAINETE DE LA SYRIE

 

LUC MICHEL (ЛЮК МИШЕЛЬ) & EODE/

Luc MICHEL pour EODE/

Flash géopolitique – Geopolitical Daily/

2017 11 14/

LM.GEOPOL - Damas vs erdogan II (2017 11 14) FR 2

« le principal objectif des États-Unis en Syrie est d’empêcher le gouvernement d’exercer sa souveraineté »

– Ali Qaem Maqami (expert des questions turques).

« La Turquie tente de miner la souveraineté de la Syrie », affirme Pars Today (Iran) ce 12 novembre 2017. La Turquie tente, selon un expert des questions turques, Ali Qaem Maqami,  « d’éviter la reprise d’Idlib, d’Afrin et du triangle Azaz–Jarablus–al-Bab par l’armée et le gouvernement central syriens » …

* Lire aussi LUC MICHEL’S GEOPOLITICAL DAILY/ DUPLICITE TURQUE EN SYRIE :

DAMAS DEMANDE LE RETRAIT IMMEDIAT DES TROUPES TURQUES DE LA VILLE D’IDLIB sur http://www.lucmichel.net/2017/10/15/luc-michels-geopolitical-daily-duplicite-turque-en-syrie-damas-demande-le-retrait-immediat-des-troupes-turques-de-la-ville-didlib/

En ce qui concerne « la poursuite des actes interventionnistes de la Turquie en Syrie », Ali Qaem Maqami a affirmé « qu’Ankara ne souhaitait pas la souveraineté de Damas sur certaines parties de son territoire et que la Turquie s’employait à éviter la reprise par l’armée et le gouvernement central syriens du contrôle d’Idlib, d’Afrin et du triangle Azaz–Jarablus–al-Bab » :

« On peut dire que la Turquie essaie de prendre le contrôle d’une partie du nord de la Syrie. De son côté, Washington tente de mettre Raqqa, qui est située sur la rive orientale de l’Euphrate, sous le contrôle des États-Unis et des Forces démocratiques syriennes (FDS). Les Américains tentent de retirer à Bachar al-Assad et au gouvernement central leur autorité », a ajouté Maqami.

« La Turquie justifie la poursuite de sa politique interventionniste en Syrie par le fait que le Parti kurde syrien de l’Union démocratique (PYD), proche du PKK (Parti des travailleurs du Kurdistan), cherche grâce au soutien des États-Unis à prendre le contrôle de cette région », a-t-il poursuivi.

UN CORRIDOR KURDE ?

En allusion à l’opposition d’Ankara aux coopérations entre Washington et le PYD, Maqami s’est exprimé en ces termes : « La Turquie est d’avis que les Forces démocratiques syriennes (FDS) cherchent à créer un corridor kurde ; or, Ankara déclare avoir l’intention d’empêcher la formation d’un tel corridor. » « Ankara envisage de mener une action contre les FDS à Afrin. Et à cet effet, il a besoin de l’autorisation et de la participation de la Russie, qui a son emprise sur cette ville », a-t-il indiqué.

ANKARA – WASHINTON – LES KURDES – MOSCOU :

LA QUADRATURE DU CERCLE VICIEUX GEOPOLITIQUE AU LEVANT

« Pour se battre contre les FDS sur la rive orientale de l’Euphrate, Ankara doit se coordonner avec les États-Unis, sinon Washington ne lui permettra pas d’entrer dans les cantons kurdes », a-t-il déclaré, avant de souligner que « le principal objectif des États-Unis en Syrie est d’empêcher le gouvernement d’exercer sa souveraineté » …

* Voir aussi # LUC MICHEL’S GEOPOLITICAL DAILY/ DUPLICITE TURQUE EN SYRIE (II) : LA PRESSE D’ETAT IRANIENNE S’INTERROGE SUR LE ‘GRAND JEU SYRIEN’ D’ERDOGAN sur http://www.lucmichel.net/2017/10/17/luc-michels-geopolitical-daily-duplicite-turque-en-syrie-ii-la-presse-detat-iranienne-sinterroge-sur-le-grand-jeu-syrien-derdogan/

UNE NOUVELLE RENCONTRE POUTINE-ERDOGAN QUI N’ARRANGERA RIEN …

Le président turc Recep Tayyip Erdogan est arrivé ce lundi à Sotchi, dans le sud-ouest de la Russie, où il doit s’entretenir avec Vladimir Poutine « des moyens de faire avancer le règlement du conflit syrien », a annoncé le Kremlin.

Toute la quadrature du cercle géopolitique entre le triangle Washington-Ankara-Moscou (car Erdogan voudrait en faire deux relations bilatérales mais il s’agit d’une relation triangulaire et qui le restera) s’inscrit dans les données contradictoires suivantes :

– La Russie est l’un des principaux alliés du régime de Damas, tandis que la Turquie est un soutien majeur des rebelles,

– Damas et son allié iranien (voir la presse d’Etat) sont résolument opposés aux plans d’Erdogan en Syrie,

– Le projet néo-ottoman de l’AKP implique un démembrement de la Syrie,

– L’ennemi principal de la Turquie est le PKK kurde, avec son aile de Nord-Syrie, et la solution du problème kurde sans dommage pour Ankara passe par Washington,

– Le démembrement où le changement de régime en Syrie voulu par les USA est supporté par Erdogan,

– La Turquie reste membre de l’OTAN et candidate à l’entrée dans l’UE,

– Ses projets géopolitiques – intégration dans l’UE ou « Pantouranisme » – sont antagonistes au projet neoeurasistede Poutine.

Cela fait beaucoup. Beaucoup trop !

Reste donc l’opportunisme d’Erdogan (pour renforcer son régime autoritaire) et les subtilités tactiques de Moscou (pour diviser le Bloc occidental) !

Les deux pays ont « travaillé ensemble » ces deux dernières années pour trouver une issue à la guerre, notamment par le biais du processus de paix d’Astana, dont ils sont les parrains avec l’Iran. Ces efforts communs ont notamment abouti à la mise en place de zones de désescalade dans certaines régions de la Syrie, permettant une diminution des violences sans les faire cesser complétement. Mais où l’opportunisme cynique d’Ankara a braqué Damas et Téhéran. « Le principal sujet de discussion sera la situation en Syrie, le fonctionnement des zones de désescalade et la poursuite du processus de règlement politique », a dit aux journalistes le porte-parole du Kremlin, Dmitri Peskov.

Erdogan et Poutine se sont rencontrés pour la dernière fois en septembre à Ankara, où ils avaient décidé de faire pression en faveur de la création d’une zone de désescalade dans la région d’Idleb, dans le nord de la Syrie. Depuis, la Russie a proposé de réunir toutes les forces politiques syriennes pour aboutir à un règlement politique du conflit. Mais l’opposition et les Occidentaux se sont dits sceptiques », en réalité ne veulent pas d’une victoire politique de Damas, Moscou et Téhéran, et aucune date n’a été fixée.

Reste donc un grand poker menteur qui double le « grand jeu syrien » ! « La Russie, qui est dans une position très difficile (en Syrie), ne peut tout simplement pas se permettre de perdre des alliés ou même des partenaires », a affirmé à l’AFP l’expert russe Alexeï Malachenko, ajoutant que Poutine et Erdogan avaient « besoin l’un de l’autre » dans ce conflit … Selon A. Malachenko, l’économie devrait aussi être l’un des sujets de discussion entre les deux dirigeants.

* Voir aussi sur EODE GEOPOLITIQUE/

DAMAS VS ANKARA : LE DOSSIER QUI EMPECHE TOUT RAPPROCHEMENT REEL ENTRE ERDOGAN ET LA RUSSIE sur http://www.eode.org/eode-geopolitique-damas-vs-ankara-le-dossier-qui-empeche-tout-rapprochement-reel-entre-erdogan-et-la-russie/

LUC MICHEL (ЛЮК МИШЕЛЬ) & EODE

* PAGE SPECIALE Luc MICHEL’s Geopolitical Daily https://www.facebook.com/LucMICHELgeopoliticalDaily/

________________

* Luc MICHEL (Люк МИШЕЛЬ) :

WEBSITE http://www.lucmichel.net/

PAGE OFFICIELLE III – GEOPOLITIQUE

https://www.facebook.com/Pcn.luc.Michel.3.Geopolitique/

TWITTER https://twitter.com/LucMichelPCN

* EODE :

EODE-TV https://vimeo.com/eodetv

WEBSITE http://www.eode.org/

LUC MICHEL: LE TERRORISME AU SOUTHERN CAMEROON PRÉTEXTE À L’INGERENCE DE WASHINGTON AU CAMEROUN

 

KAMERUN#1-TV/

LUC MICHEL:

LE TERRORISME AU SOUTHERN CAMEROON ET LA « QUESTION ANGLOPHONE » PRÉTEXTES À L’INGERENCE DE WASHINGTON ET DES LOBBIES SÉCESSIONISTES ‘CAMEROUNAIS’ AUX USA

sur https://vimeo.com/242572289

Vignette KAMER1 standard homevideoLM v2

LUC MICHEL PARLE DU TERRORISME AU SOUTHERN CAMEROON ET AVERTIT DU PLAN DES USA POUR S’EMPARER DE LA CRISE ANGLOPHONE ET METTRE LE CAMEROUN SOUS TUTELLE INTERNATIONALE !

Malgré la descente de la mission de haut niveau conduite par le premier ministre, et la discorde entre les sécessionnistes, des actes de violences meurtrières sont posés dans le nord ouest et le sud ouest. Assassinats de trois gendarmes, Incendie des écoles… Que faire face à cette violence qui prend une allure de guerre éclaire ?

MAIS surtout, avertit Luc MICHEL, le régime Trump et son ambassadrice spéciale en Afrique Nikki Halley, sont en embuscade pour que les USA s’emparent de la crise anglophone. Derrière eux, les lobbies camero-anglophone et « embazonien » aux USA et au Congrès US …

Images : EODE-TV pour le multiplex Douala-BruxelleS Montage : PANAFRICOM-TV & KAMERUN#1-TV Diffusé en direct sur AFRIQUE MEDIA dans le DEBAT PANAFRICAIN de ce 12 nov. 2017 _______________

# PANAFRICOM/

PANAFRIcan action and support COMmittees :

Le Parti d’action du Néopanafricanisme !

* Suivre Panafricom-Tv/

https://vimeo.com/panafricomtv

* Découvrir notre WebTv/

http://www.panafricom-tv.com/

* Blog PANAFRICOM-NEWS

http://www.scoop.it/t/panafricom

* Voir notre Page Officielle Panafricom/ https://www.facebook.com/panafricom/

* Aborder notre Idéologie panafricaniste/ Panafricom II – Néopanafricanisme https://www.facebook.com/Panafricom2/

* Panafricom sur Twitter/

@Panafricom

https://twitter.com/Panafricom

TAP – “COPRIFUOCO” A SAN FOCA-MELENDUGNO-VERNOLE-CALIMERA, PER UN MESE. LA MULTINAZIONALE SI “IMPADRONISCE” DELL’AREA

Ordinanza del Prefetto di Lecce che inibisce la possibiltà di movimento, attività, riunione nell’intera zona del cantiere; solo i frontisti e i proprietari delle case potranno accedere salvo controllo.

È già in vigore  dalla mezzanotte di oggi 13 novembre, per un mese. Danni alle attività commerciali

“IL PRESIDIO E’ ZONA ROSSA, LO ABBIAMO DOVUTO ABBANDONARE _ Melendugno 13.11.2017”

È forse questo il messaggio più brutto, quello che non avremmo mai voluto darvi, il PRESIDIO “sentinella della libertà” è scoperto, abbandonato, per la prima volta dopo 8 mesi di resistenza senza tregua. Questo a causa di un’ordinanza prefettizia che nega l’accesso in tutta la zona limitrofa all’area cantiere. La Multinazionale è diventata proprietaria del territorio e ne dispone a suo piacimento. Questa notte una ventina di persone sono state SEQUESTRATE all’interno del Presidio di San Basilio, nessuno poteva uscire dalla campagna di proprietà privata, né tantomeno accedere nella “zona rossa” dichiarata per un mese off-limits. Una ragazza è stata colpita da una crisi allergica e ha dovuto attendere per lungo tempo il permesso di uscire dall’area, dopo essere stata identificata insieme ai suoi accompagnatori ed in seguito scortata fino al pronto soccorso, per assicurarsi della veridicità del suo malore.
Riportiamo alcuni dei messaggi che abbiamo letto e ascoltato fin dalle primissime ore del giorno, messaggi di alcune tra le persone che erano lì, di notte, a proteggere la propria terra e con essa i propri diritti:
“Sono centinaia, hanno circondato tutta la zona di San Basilio”; “Siamo sequestrati nel presidio, ci viene impedito di uscire dalla zona. Ci viene detto “c’è un ordine del prefetto”; “Oggi.. la morte della democrazia! Ci stanno negando i nostri diritti!”; “Melendugno completamente militarizzata. I presidianti sono bloccati dentro e tutta la cittadinanza è tenuta fuori. Posti di blocco in ogni stradina e provinciale chiusa al traffico anche pedonale”; “Il sistema sta tentando di reprimere anche i più resistenti sussulti d’orgoglio. Melendugno è SCHIAVA a casa sua!”; “Melendugno è tutta bloccata, le persone che devono andare a lavoro non possono andarci”; dal vicesindaco di Melendugno: “Quello che sta accadendo ha del surreale! questa mattina a causa di questo blocco messo in piedi abbiamo avuto ritardi con il servizio di raccolta rifiuti! chiedo scusa ai miei concittadini per il disagio creato! Il nostro territorio non merita tutto ciò! Io non mi sento Italiano! #NoTap”; dallo scuolabus: “Scusateci, siamo partiti ora da Melendugno perché c’è un blocco dei carabinieri, non fanno passare nessuno, dopo numerose discussioni abbiamo avuto il permesso, un attimo di pazienza e arriviamo ragazzi”.
“Siamo in guerra?” si chiede un cittadino, dopo aver appreso dell’ordinanza prefettizia. Sì, forse siamo proprio in guerra, la guerra di uno Stato contro il suo popolo, in nome del malaffare.
(Da Facebook)