Terzo Valico, appalto vinto dall’azienda dello scandalo del Tenda, il tunnel “fatto con lo sputo”

http://torino.repubblica.it/cronaca/2017/09/06/news/titolo-174780850/

Terzo Valico, appalto vinto dall'azienda dello scandalo del Tenda, il tunnel "fatto con lo sputo"
Un cantiere del Terzo Valico 

Lavori da 263 milioni a Fincosit, coinvolta nell’inchiesta in cui direttori e capicantieri si vantavano al telefono delle ruberie e della precarietà della nuova galleria tra Italia e Francia. Rettighieri, commissario del Cociv che assegna le commesse: “Tutto regolare”

di OTTAVIA GIUSTETTI

06 settembre 2017

L’impresa di costruzioni Grandi Lavori Fincosit, nel pieno dello scandalo per il cantiere del Colle di Tenda-bis, si è aggiudicata un nuovo appalto milionario, questa volta per la realizzazione dell’alta velocità tra Genova e Alessandria. Valore del contratto 263 milioni di euro. Il tutto mentre la procura di Cuneo va avanti con le indagini che a maggio hanno svelato uno scenario inquietante sulle modalità di realizzazione dei lavori della seconda galleria del Tenda, dove operai, direttori dei lavori e capi cantiere sono stati intercettati mentre rubavano le strutture in ferro per sorreggere la volta della galleria e le rivendevano come rottame, intascando oltre cento mila euro, e parlando al telefono di opere “fatte con lo sputo”.

Una scelta che fa scalpore, ma inevitabile almeno sotto il profilo tecnico, secondo Marco Rettighieri, commissario del Cociv, general contractor per la realizzazione del Terzo Valico. “Nessuna restrizione da parte dei giudici, l’impresa ha vinto un appalto regolarmente” dice Rettighieri. “Se Fincosit fosse stata raggiunta dal provvedimento di un giudice sarebbe stata esclusa, ma così non è successo e Cociv ha aggiudicato l’appalto aperto secondo i criteri dell’offerta più vantaggiosa”. Sul cantiere del Tenda-bis ci sono 11 indagati tra dipendenti di Anas e Fincosit accusati della maxi-frode, 5 arresti. Nulla che intervenga sull’operatività dell’azienda che ha licenziato i dipendenti infedeli e ha chiesto di essere parte lesa nel procedimento. Anche sul Terzo Valico pesa una complessa inchiesta penale che intreccia procura di Roma e di Genova. Le accuse sono di aver preso mazzette per pilotare le gare, ma in quel caso Grandi Lavori Fincosit non è stata in alcun modo coinvolta. Come forma di autotutela, Cociv aveva sospeso tutti i contratti, quindi anche quelli con Fincosit, temporanemente. E solo ieri il commissario Rettighieri li ha sbloccati.

Ma a Cuneo le indagini non sono concluse e la Francia è parte civile nel processo. Restano le frasi choc dal cantiere registrate  da gennaio 2014 a febbraio 2017 mentre la stessa Ati, tutta italiana, stava scavando pure dal lato francese avendo vinto l’intero appalto con procedura ristretta da 176 milioni di euro. Pali di ferro “fissati  con lo sputo”; uno degli indagati di Fincosti, che dice al telefono: “Eh qua finché non muore qualcuno non cambia niente!”. E un altro: “Si stanno spaccando tutti i mattoni, i mattoni non sopportano più il peso. Qua ci sono 6 metri dove si è mosso il muro, che la fondazione non ci sta”. Poi si scopre che il ferro per l’armatura delle fondazioni era finito a rottamare e il muro di contenimento sul lato francese stava crollando.

Terzo Valico, appalto vinto dall’azienda dello scandalo del Tenda, il tunnel “fatto con lo sputo”ultima modifica: 2017-09-09T10:12:17+00:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*