UNA VERITÀ SUL VENEZUELA PER RIPULIRCI DAL MENZOGNIFICIO CATALANO-SPAGNOLO

http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2017/08/una-verita-sul-venezuela-per-ripulirci.html

MONDOCANE

GIOVEDÌ 24 AGOSTO 2017

Per uscire dal grottesco psichedelico delle contraddizioni che annegano ogni credibilità delle versioni arruffate e baruffate delle polizie in rissa, spagnola e catalana; per riinfrescarsi un cervello arroventato dall’indignazione per la platealità e impudiciza delle menzogne che sistematicamente vorrebbero offuscare le chiarissime responsabilità dei veri autori di Stato delle stragi; per superare la triste collera per l’assassiniol extragiudiziale, in circostanze del tutto surreali, dell’ennesimo capro espiatorio, un ragazzo, che si aggira demenzialmente da solo (dove sono le famose “cellule”? e per le stesse lande della zona, ancora col furgone presunto delle Ramblas e non poteva essere catturato vivo da un’armata di robocop; per non schiattare di sghignazzi per le 120 bombole di gas e i 400 litri di acetone assemblati senza che nessun occhio della sorveglianza totale di Stato e di contractors se ne accorgesse; per non far paralizzare quanto ci resta di cellule raziocinanti di fronte al fumetto disegnato dai Mossos di un megattentato alle fetenzia metastatica della Sagrada Familia (magari la tirassero giù, ma nel segno di un recupero dell’estetica umana), zompato per esplosione fortuita nella villetta, ma rimpiazzata nel giro di sei ore, da 200 km di distanza, con l’operazioncella Ramblas, eccetera eccetera eccetera, fino alla fine dei tempi e della guerra dell’élite mondialista al/del terrorismo.
Per uscire da questo tritacarne della verità, ecco un succinto, ma efficace, inequivocabile e inconfutabile video sul Venezuela che la Giunta del Generali attorno all’emasculato Trump vorrebbe cancellare dalla carta geografica, salvaguardandone però duecento gaglioffi golpisti e i pozzi di petrolio.
 
UNA VERITÀ SUL VENEZUELA PER RIPULIRCI DAL MENZOGNIFICIO CATALANO-SPAGNOLOultima modifica: 2017-08-25T08:08:20+00:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*