Appendino, crisi di gabinetto

http://www.lospiffero.com/ls_article.php?id=35071

Lo Spiffero

Rapporti sempre più freddi tra sindaca e Giordana. Dal suo tavolo sono spariti i dossier principali dell’amministrazione, ormai viene tenuto nascosto in ufficio. E al posto del Richelieu spunta un Rasputin potentino: il capo ufficio stampa Pasquaretta

C’è aria di crisi nel gabinetto di Chiara Appendino. La stella del suo capo, Paolo Giordana, non brilla più come un tempo agli occhi della sindaca pentastellata. Considerato da tutti, anzitutto da se medesimo, il Richelieu della corte, custode dei più segreti pensieri della nuova inquilina del Palazzo e gran tessitore di trame e arabeschi politici, sembra se non caduto in disgrazia di certo assai più lontano dagli sguardi di chi ora ha i “tramonti negli occhi”. Al punto da ipotizzarne una collocazione diversa, più marginale rispetto al cuore del potere amministrativo. Diradate le uscite pubbliche, praticamente scomparso dagli appuntamenti ufficiali della prima cittadina, Giordana si è rintanato nel suo bunker al piano nobile.

Basterebbe l’evidente esclusione del capo di gabinetto nella delegazione al seguito della sindaca, oggi, all’incontro con Graziano Delrio, a confermare che il clima dei mesi ruggenti, fatto di amicizia e complicità (e di reciproca convenienza) è ormai un lontano ricordo. Assenza alla quale fa da contrappunto, nella trasferta romana della Appendino (insieme all’assessore Maria Lapietra) per cercare di non perdere i dieci milioni per la metro 2, la presenza di Luca Pasquaretta, ormai ben oltre i confini del suo incarico di portavoce. Lui, il Richelieu sul cui tavolo ormai non giungono più i dossier cruciali come accadeva fino a poco tempo fa, potrebbe avere presto la sua Abbazia di Cluny che la sindaca sempre più intenzionata ad allentare il rapporto con il suo uomo ombra (anche se spesso troppo sotto i riflettori) dicono stia cercando. L’ipotesi si una sistemazione di rango in Città Metropolitana del prete della chiesa autonoma del patriarcato autocefalo di Parigi (voilà, ancora, la Francia) circola con insistenza, come testimonia un interessamento diretto della sindaca nei giorni che hanno preceduto il periodo di vacanza.

Molteplici le ragioni di quello che non sarebbe un distacco, ma un allentamento strategico di un legame assai raro a trovarsi un altro sindaco di grande città, incominciando dalla stessa Virginia Raggiche su certe e non poche liaison ha inciampato più che nelle buche delle strade romane. Svelandosi ad occhi perfidi più mantide che grillina, la Appendino avrebbe meditato sui possibili inciampi in cui potrebbe incorrere  nel continuare a procedere a braccetto con l’uomo che le è stato sempre al fianco, senza fare un passo indietro neppure nella marcia trionfale lungo via Garibaldi verso il conquistato Palazzo di Città. La drammatica vicenda, ancora lungi dall’essere chiarita nelle cause così come nelle responsabilità, di Piazza San Carlo in cui Giordana – non indagato – è stato chiamato in causa, nella catena di comando dai tanti anelli deboli o spezzati, insieme ad altre questioni spinose e confuse come il pastrocchio della relazione dei revisori dei conti sul bilancio e pure il carteggio con il presidente di Fondazione Crt Giovanni Quaglia per la vicenda Westinghouse sono, tuttora, possibili spade di Damocle sull’amministrazione pentastellata. Ma sono anche storie in cui compare, ovviamente, e non in ruoli secondari l’eminenza grigia della sindaca.

Per la sindaca, che a Giordana si è affidata in maniera difficilmente rinvenibile in situazioni analoghe, probabilmente è arrivato il momento – per nulla facile – di affrancarsi almeno un po’ da una figura certamente capace, ma spesso apparsa non meno ingombrante. È un po’ come, per chi ricorda per età gli anni d’oro della Dc, se Franco Evangelisti – quello del famoso “a’ fra che te serve” – braccio destro di Giulio Andreottiavesse anche solo parzialmente ombreggiato le luci che illuminavano il Divo, o Antonio Tatò avesse smentito la fama di riservatezza che lo ha sempre avvolto come uomo ombra (nel vero senso della parola) di Enrico Berlinguer. Altri tempi. Quelli che – secondo rumors che hanno già raggiunto pure la probabile futura sede del Richelieu di Palazzo di Città dove prima di partire per le vacanze ci si chiedeva già quale mai potrebbe esseri il suo ruolo, ovviamente adeguato al rango – si annunciano per Giordana saranno non certamente duri, travagliati forse.

Certamente, visto il rapporto tra i due, la Appendino mai si sognerebbe e neppure penserebbe di agire d’imperio e non in maniera concordata e condivisa con colui cui deve gran parte del suo successo nell’aver esiliato Piero Fassino nei banchi della minoranza. Non immune da quella gramisia pretaiola (la “suavis clericorum malitia di Erasmo da Rotterdam), Giordana è da amare quanto da temere. E anche il suo ipotetico successore non avrà i tratti azzimati e baffuti di un Mazarino ma piuttosto le sembianze ruspanti di un Rasputin potentino, quel Pasquaretta la cui ascesa non è affatto frutto di congiure di Palazzo.

L’addetto stampa, sempre più ascoltato consigliere e apprezzato mediatore (pure con le minoranze), terminate le ferie al Sud, oggi percorre i corridoi del ministero al fianco della sindaca. Immagine che, plasticamente, rappresenta il cambio dell’uomo-ombra della prima cittadina. C’è chi spiega come dietro l’ascesa di Pasquaretta ci sia il placet dello stesso Giordana. Il Richelieu che ha indicato alla sovrana Chiara il nuovo camerlengo. Probabile.

Appendino, crisi di gabinettoultima modifica: 2017-08-23T08:27:22+00:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*