Appunti resistenti NOTAV: alternativa, conflitto e consenso

http://www.infoaut.org/no-tavbeni-comuni/appunti-resistenti-notav-alternativa-conflitto-e-consenso

logoinfoaut
21 AGOSTO 2017 

cf92470051f1ac45e92e62c6e203dbfe_XL
È nel cuore dell’estate che ci sembra importante provare a riflettere, facendo un piccolo bilancio dei mesi trascorsi, per guardare avanti con uno sguardo capace di non fermarsi solamente all’orizzonte.

A noi interessa spingerci più un là, immaginare oltre, carichi di sogni grandi, usando il cuore, la pancia e il cervello, perché le nostre aspirazioni lo chiedono.
Una lotta come la lotta notav, trentennale ormai, ma ben lontana dal suo capitolo finale, ha bisogno di sempre nuovi stimoli e nuove energie per fronteggiare quella schiera infinita di nemici che incontra sul suo cammino, che ci forniscono ogni giorno, con noia mortale, spunti e appigli per rinvigorire le ragioni della nostra battaglia.
Proviamo qui a riflettere ad alta voce, reduci di un’estate di lotta non ancora finita e pronti ad un nuovo inverno, che a differenza della saga del Trono di Spade, a noi non preoccupa affatto.

Alta Felicità: il successo dell’alternativa

Partiamo dall’ultimo evento cronologico per iniziare a riflettere insieme, perché ci sembra giusto partire dalla cosa più nuova che abbiamo imparato insieme a fare. Non che siano mai mancati gli eventi in Valle, né tantomento c’è l’aspirazione di diventare professionisti nel settore, ma l’esigenza di “allargare il campo” della nostra azione c’è sempre stata. Così come la possibilità di far conoscere la Valle a chi ne ha sempre solo sentito parlare, facendo vivere questo territorio dal “nostro” punto di vista.
Il movimento notav ha dimostrato concretamente come si possa dare vita a due edizioni di musica, socialità ed impegno senza rinunciare a nessuna delle sue peculiarità, senza scendere a compromessi con niente e nessuno.
Abbiamo dato vita, quest’anno, ad un festival di quattro giorni, gratuito e resistente, creando un’alchimia difficilmente descrivibile senza vederla, perché siamo riusciti ad abbattere completamente le barriere tra “usufruitori” e “organizzatori”. Come? Attraverso l’incredibile spirito di condivisione che ha animato ogni concerto e ogni evento, permettendo a tutti di condividere, alla fine, gli ideali della nostra battaglia: quasi 500 persone sono andate in corteo al Seghino per conoscere un pezzo della nostra storia con Wu Ming1, quasi un migliaio sono andate in visita al cantiere per capire, con i propri occhi, cos’è che materialmente combattiamo ogni giorno dell’anno (e che lì è ben rappresentato).
Non solo: stare in fila insieme per mangiare e bere con un sorriso, sentire i racconti dei notav più anziani, alzare i cori durante i concerti, improvvisare bella ciao nei momenti di pioggia, sono tutti i segnali di un successo che ci restituisce quel sorriso che dobbiamo essere in grado di mantenere sempre, anche in quei momenti in cui facciamo fatica.
Ma oggi, in un mondo così mercificato e individualista, volete mettere ritrovare il piacere di stare insieme, uniti da un ideale comune, divertendosi? Non ci sono cifre da bilancio che possano rappresentarlo.
Infine, ma non in ultimo, il festival risponde a un’esigenza politica che abbiamo sempre avuto ma non eravamo mai riusciti a rendere concreta in maniera così palese: dimostrare come un territorio condannato alla distruzione possa invece essere vissuto e valorizzato in un altro modo, proprio da chi lo difende con così tanta passione.
Abbiamo reso la Valle di Susa ancora più bella, e la soddisfazione diventa ancora maggiore perché abbiamo potuto svolgere le nostre attività, insieme a migliaia di persone, laddove doveva sorgere il cantiere Tav, a Venaus, nostro orgoglio per la sua liberazione nel 2005.
L’Alternativa ha preso il via.

Consenso, ma non senza conflitto

Dopo tanti passaggi tecnici e istituzionali a favore del sistema Tav, di recente un buon assist ci è arrivato dalla Francia che ha chiesto una “pausa” dall’iter progettuale per fare bene i conti. Cosa significhi questo concretamente non lo sappiamo (potrebbe voler dire rischi troppo alti per le casse d’oltralpe o un semplice sconto), ma di sicuro, quest’atto dimostra come, anche dal punto di vista istituzionale, quest’opera non sia irreversibile, anzi, i margini di una via d’uscita ci sono, come abbiamo sempre sostenuto, e sono ben concreti.
Certo quest’atto, calato nel degrado del dibattito pubblico italiano, non ha trovato eco, non avevamo però dubbi in tal proposito: da tempo politica, informazione, magistratura ed economia sono un corpo unico, una lobby vera e propria che compone quello che definiamo ormai il “sistema Tav”.
Ma ad un movimento non può bastare rispondere o agire su fattori esterni, serve avere una progettualità ben definita capace di proseguire un cammino tracciato da tempo che porti sempre più forza e consenso.
Crediamo fortemente che il tema dei costi pubblici e del modo in cui si decidono gli investimenti, siano due dei nodi su quali costruire mobilitazione anche al di fuori della Valle di Susa. In un Paese devastato come il nostro, dalla politica istituzionale principalmente, il tema della spesa pubblica è non solo sentito, ma quantomai urgente. Il progetto della Torino-Lione drena fondi pubblici con continuità (a debito of course), sottraendoli a buona parte dei bisogni reali: dal welfare alla sanità, dalla ricostruzione delle aree terremotate alla ricerca, con buona pace degli “innovatori” di turno. Il capitalismo nostrano si rifà il look nei termini e nei settori d’investimento, ma si ciba delle stesse prerogative di sempre.
Davanti a questo contesto, non bisogna più accontentarsi di essere minoranza nel paese: la lotta notav ha un’aspirazione maggioritaria. Per questo ci sembra importante proseguire nella strada sopra tracciata, perché siamo convinti che possa allargare la nostra resistenza, rendendola diffusa, ripetibile ed attraente ad ampi settori sociali. Certo questo senza commettere errori già visti in passato: il consenso e l’adesione a cui aspiriamo non può esistere in assenza di conflitto, sociale e territoriale, ma sopratutto materiale. Nel conflitto c’è la chiarezza di uno scontro in atto, la semplicità insanabile di quel NO che è un motore collettivo che dura da più di vent’anni.
Non rinunceremo mai a far viaggiare la lotta su questi due binari fondamentali, per questo durante quest’estate sono proseguite le azioni di resistenza sul territorio, nei confronti del cantiere e dell’apparato di difesa e controllo, per riprendere, con metodo, spazi e agibilità sottratti da un dispiegamento di forze militari da far invidia a qualsiasi colonia sparsa per il mondo.
Uno sguardo all’ immediato ed uno all’infinito.

In Valle, ma fuori dai nostri confini

In passato, sono stati tanti i tentativi di “uscire dalla valle” o “portare la valle in città” ma nessuno ha purtroppo dato risultati duraturi. Conosciamo bene la complessità delle lotte, le specificità dei territori e proprio per questo non abbiamo mai pensato di invitare a replicare altrove la Val Susa. Ma siamo consapevoli altresì di come la lotta valligiana sia un grimaldello per altre lotte, un esempio vivo e vegeto di come la lotta possa essere il vero antidoto ai rapporti di forza di questa società.
Vedere le bandiere notav ai cortei, in Italia e nel mondo, non può che essere positivo, così come veder sbocciare piccole e grandi mobilitazioni in ogni angolo d’Italia sentendo dire “facciamo come in val Susa”. Ma questo non può bastare né a noi né ad altre lotte. Ci serve uscire dai nostri confini, che rappresentano una grande forza così come una debolezza, ci serve ossigeno, ci serve più aria e possiamo solo respirarla nei conflitti sociali, in ogni angolo di questo malandato pianeta.
Non sappiamo ancora come, ma siamo sicuri che se vogliamo acquisire ulteriore forza, dobbiamo farlo, contribuendo ad altre lotte su altri terreni, acquisendo nuove forze e nuove capacità.
Se da un punto di vista “fisico” il territorio valsusino può vincere, da un punto di vista politico possiamo e dobbiamo essere ovunque, creando forme di contro cooperazione sociale, capaci di arricchire la nostra lotta, fornendo a vicenda supporto, pratiche e grandi sogni.
“Nessuna lotta è decisiva sono tutte importanti”

In (aperta) conclusione

Non essendo nostra caratteristica essere autosufficienti, né nella pratica né nell’elaborazione, lasciamo aperte domande e risposte a quanti avranno ancora la passione di proseguire con noi un cammino lungo e molte volte in salita, garantendo solo una cosa che dalle nostre parti è qualcosa di più di un motto popolare: si parte e si torna insieme, sempre.

Avanti notav!

Agosto 2017

Appunti resistenti NOTAV: alternativa, conflitto e consensoultima modifica: 2017-08-22T08:18:44+00:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*