L’Italia s’è desta: 6 nuovi hot-spot, così i migranti stanno più larghi. Ma se Allegri si scopa Ambra…

viminale accoglienzaIl bar dove vado a bere il caffè e comprare le sigarette al mattino, è la mia cartina di tornasole sociale, il mio termometro del Paese. Davanti a un espresso o a un cappuccino salta fuori il meglio e il peggio di noi, complice anche il fatto che è mattina presto, stiamo andando al lavoro e quindi l’umore non è di quelli festaioli. Non mi stupisce più, anzi lo trovo qualcosa di confortante, il fatto che per ogni fruitore rapido del “Corriere della Sera” ce ne siano 15 della !Gazzetta dello Sport”, ridotta già alle 8.30 del mattino a un cencio totale dalle frenetiche consultazioni degli astanti. Visto il grado di credibilità raggiunto dal “Corriere” ultimamente, trovo infatti più sano che uno si faccia rimbambire da fake news innocue come quelle del calciomercato, tipo Cristiano Ronaldo tentato da un’esperienza al Frosinone.
 
E, ancora di più, non sono di quelli che ritiene fondamentale restare in modalità militante h24, anzi: dopo 8 o 9 ore di lavoro, uno ha tutto il diritto a un po’ di leggerezza, sia essa una partita di calcio o un film comico. Rifuggo sempre chi ti fa pesare il fatto che dopo l’ufficio non sei andato a sminare un campo in Bosnia o a scavare un pozzo per l’acqua in Mali, così come me la darei a gambe levate da un bar dove i frequentatori la mattina discutessero su Horkheimer o Adorno. Insomma, non sono il professor Cacciari. E, come già detto, il mio bar è perfetto, perché a metà strada fra un grosso cantiere e la sede di un famosa ditta di consulting: operai e terziario, insieme al banco, rubandosi la “Gazzetta” e lamentandosi per ciò che non va nel Paese (oltre che nel modulo di Montella).
 
Siccome, però, l’argomento migranti è sempre nella top 3 di quelli discussi, spesso con toni tutt’alto che solidali od oxfordiani, stamattina mi attendevo una sorta di dibattito post-cineforum nel maggio del Sessantotto, pareri che si accavallavano, urla per imporre il proprio punto di vista, addirittura l’assenza di fila per la “Gazzetta”, vista la concitazione in atto sul tema immigrazione. Invece, zero. L’Austria blinda i confini? Chissenefrega. L’Europa ci prende per l’ennesima volta in giro, blandendoci con le briciole dei fondi comunitari? Chissenefrega. Minniti apre in fretta e furia nuovi hotspot, ovvero di fatto amplia il fronte degli arrivi, come richiesto solo ieri dall’UE? Chissenefrega. L’argomento di stamattina era uno e uno soltanto: Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini nuova coppia dell’estate. Ora, io capisco che “Non è la Rai” ha provocato più danni ai polsi delle tendiniti da mouse, però una volta preso atto dell’accoppiamento, uno potrebbe anche rendersi conto di cosa gli sta accadendo attorno. Proprio sui migranti, ad esempio. Domani, infatti, si terrà il vertice dei ministri dell’Intero UE a Tallinn, in Estonia e, in vista di questo appuntamento, la Commissione UE ha avanzato le sue proposte di solidarietà concreta all’Italia.
Vediamole, come riportate da “Repubblica”, mio metro di misura per dimostrare che non sono fazioso: “ll piano di azione a sostegno dell’Italia deciso oggi dalla Commissione prevede diversi livelli di intervento e di accelerazione, sulla base di misure già decise nei mesi scorsi. Ci sono compiti per la Commissione e le agenzie Ue, gli Stati e l’Italia. L’intento è quello di ridurre la pressione e aumentare la solidarietà. Tra le misure, che costituiranno la base per le discussioni nel Consiglio Giustizia e Affari Interni informale che si terrà a Tallinn, in Estonia, c’è la disponibilità di una squadra di reazione rapida di oltre 500 esperti in rimpatri della Guardia Costiera e di Frontiera Europea, pronta ad essere dispiegata alla richiesta dell’Italia e l’aumento dei fondi destinati alla gestione delle migrazioni, con 35 mln di euro addizionali pronti ad essere smobilizzati immediatamente. All’Italia si chiede di attuare rapidamente la legge Minniti creando ulteriori hotspot per la registrazione e migliorando le capacità di detenzione”.
Dunque, ci garantiscono nemmeno più l’argent de poche come stanziamenti addizionali, cosa che tra l’altro il governo italiano nemmeno aveva chiesto ma ci prendono anche allegramente per il culo: chi cazzo è un esperto in rimpatri? Un poliziotto? E se sì, di che nazione? Perché dovrebbe venire a insegnaci un qualcosa che la stessa UE non ci lascia fare, di fatto, scomodando di volta in volta vincoli, trattati e altre beghe legislative? Oltretutto, con la spada di Damocle del trattato di Dublino che ci impone di tenere chi arriva sulle nostre coste, il tutto con i Paesi confinanti che stanno blindando i confini come per una guerra. Che cazzo mi mandi l’esperto, se poi non ho una destinazione del rimpatrio, né uomini e mezzi sufficienti per operarli? Certo, il fatto che il tempo di identificazione medio in Europa sia 40 giorni e in Italia oltre 300, la dice lunga su come Roma abbia gestito finora il fenomeno ma Bruxelles non può prendermi in giro con gli esperti, se non alza per prima la voce su ricollocamenti e, soprattutto, sull’atteggiamento dei Paesi di partenza.
 
Perché l’accordo con la Turchia per ottenere la chiusura della rotta balcanica, tanto fastidiosa per la Germania, si è trovato in quattro e quattr’otto, sborsando 6 miliardi e invece il Nord Africa continua a non essere un interlocutore? E’ chiaro che un Paese diviso e lacerato come la Libia tenderà a dare pù retta alla Commissione UE che al Viminale o alla Farnesina, il problema ontologico è che all’Europa di risolvere il problema non frega un cazzo, tanto viene scaricato sugli eroici italiani, un po’ come era fiero ed eroico il camerata Galeazzo Musolesi delle “Sturmtruppen”. Di fatto, un coglione.
 
In compenso, al netto di misure concrete dell’UE che si configurano come cagata assoluta, l’Italia – cornuta e mazziata – ha dovuto battere i tacchi subito. Certo, avremo l’onore di riscrivere le regole relative all’operatività in mare delle ONG ma in compenso, il ministro Marco Minniti, oggi presenterà i nuovi hot-spot richiesti dall’Europa, ovvero nuovi punti di attracco e identificazione che faranno raddoppiare l’attrattività dell’Italia come meta di arrivo, al netto del “no” di Francia e Spagna all’uso dei loro porti – contro cui la Commissione non ha avuto nulla da ridire – e delle criticità già citate sul fronte di identificazione ed espulsione.
Sei i nuovi hotspot che andranno ad aggiungersi ai quattro già in funzione a Lampedusa, Pozzallo, Trapani e Taranto: saranno due in Sicilia, a Palermo e Siracusa, uno a Cagliari e altri tre in Calabria, a Reggio, Crotone e Corigliano Calabro, più un CIE da 100 posti in ogni regione. Evviva, in nome dell’Italia che è al collasso, apriamo altre strutture per collassare del tutto! Siamo fantastici! Minniti da Oscar!
 
Io rido per non piangere ma vi rendete conto a che punto siamo arrivati di presa per il culo? Certo, abbiamo Tito Boeri che spara numeri a cazzo su quanto i migranti ci serviranno per aver garantite le prestazioni sociali in futuro ma quello è avanspettacolo per bocconiani in vena di progressismo radical. Qui invece parliamo di carne viva: quella di chi viene stipato su un barcone e quella del nostro Paese, ridotto a enorme questura a forma di penisola, dove chi arriva viene parcheggiato in attesa di sapere quale sarà il suo destino, usufruendo nel contempo di tre pasti al giorno e un posto letto, magari scomodo ma sempre meglio che le bombe, visto che continuano a dirci che scappano dalla guerra, pur arrivando tutti da Paesi africani non belligeranti. Sei nuovi hotpost non vogliono dire identificazioni ed espulsioni più rapide, perché non abbiamo i mezzi e poi i migranti non sono scemi, visto che ONG e “mediatori culturali” (oltre che la Feltrinelli, casa editrice che ha addirittura pubblicato una guida per clandestini su come inculare le istituzioni italiane) li hanno ben indottrinati su quali siano i loro “diritti” una volta toccata terra in Italia, come testimoniato da ricorsi record e tribunali intasati.
Stiamo festeggiando come presunta soluzione l’ennesima, clamorosa fregatura. E Dio ci scampi da cosa potrà attenderci al vertice di domani a Tallinn, visto che quando hai contro a prescindere tre Paesi come Francia, Spagna e Austria, difficilmente potrai sperare di poter fare non solo la voce grossa ma fronte comune con qualcuno. E mi sono limitato alla questione migranti, perché volendo stamattina c’era da parlare di MPS e i suoi esuberi, delle banche venete e del decreto di “salvataggio” che va in Aula, del fatto che dopo 23 anni la Procura di Roma ha sentenziato che non si riescono a identificare esecutore e movente dell’omicidio della giornalista RAI, Ilaria Alpi e del suo operatore, Miran Hrovatin o ancora del fatto che questo Paese è diventato talmente “Fantasilandia” da permettere all’ISTAT di parlare di “segnali positivi ma in rallentamento” per l’economia italiana.
 
Come cazzo si può essere in striscia positiva, rallentando contemporaneamente? E’ come essere sbronzi ma sobri, capite che è delirante. E invece no, è il nostro istituto nazionale di statistica. Quindi, oggi davvero il mio bar mi ha deluso, la mia Italia in miniatura appoggiata al bancone o al tavolo all’aperto per fumare subito dopo il caffè, si merita tutta la merda che la sta inondando, perché una summa di prese in giro, cialtroneria, malaffare, insabbiamento, dilettantismo, servilismo e volontà di resa al più forte del genere non si vedeva da tempo. Forse, non si era mai vista. Mai l’Italia è stata tanto piccola nel mondo. E tanto patetica. E la colpa, in gran parte, è nostra: perché gli incapaci che governano, al netto d listoni bloccati e altre alchimie elettorali, li eleggiamo noi e li mandiamo noi a Montecitorio come a Palazzo Madama come a Bruxelles come nell’ultimo consiglio comunale dei 7.998 comuni italiani.
 
Noi, che mentre il nostro Paese apre nuovi centri informativi tipo pro-loco per fuggitivi di mezzo mondo e lo fa oltretutto in un contesto di rivendicazione che dovrebbe vederci in posizione di forza (figuriamoci se avessimo dovuto scusarci per qualcosa), passiamo il tempo a guardarci in giro, persi con la mente ma con un unico pensiero: Allegri si scopa Ambra. Beato lui. Noi invece stiamo per essere scopati per l’ennesima volta dall’Europa. Ma, a quanto pare, ci pia
Di Mauro Bottarelli , il 5 luglio 2017
L’Italia s’è desta: 6 nuovi hot-spot, così i migranti stanno più larghi. Ma se Allegri si scopa Ambra…ultima modifica: 2017-08-11T17:19:04+00:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*