Migrante prende a calci e pugni agenti: protestava per arresto suo amico spacciatore

certi che la condanna per violenza su un pubblico ufficiale sarà della stessa entità se tale reato fosse commesso da un autoctono vero? Dopo quanto sarà fuori?

In fondo stava lavorando per pagarci le pensioni, come spacciatore i contributi devono essere stati di consistente importo.

Migrante prende a calci e pugni agenti: protestava per arresto suo amico spacciatore

19-07-2017
 
BOLZANO. Si era recato alla questura di Bolzano per protestare contro la scelta fatta dal personale della Squadra volanti di condurre negli uffici di via Palatucci un suo amico nigeriano, poi denunciato per detenzione di sostanze stupefacenti.
 
Ma ha esagerato nell’esternare il suo malcontento: prima ha preso a calci e pugni il corpo di guardia e poi, quando alcuni agenti sono intervenuti per cercare di calmarlo, ha aggredito anche loro. A quel punto l’arresto per resistenza a pubblico ufficiale è stato inevitabile. Ora è nel carcere del capoluogo.
Migrante prende a calci e pugni agenti: protestava per arresto suo amico spacciatoreultima modifica: 2017-08-04T23:46:48+00:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*