LA SCOMPARSA DI PADRE DALL’OGLIO: MA CHI ERA VERAMENTE IL GESUITA CHE ESALTAVA LA “LIBERAZIONE” DI RAQQA?

Ricevo e inoltro per la massima diffusione, onde sia demolita l’ennesima campagna di inganni, menzogne dei disinformatori massmediatici e di esaltazione di un volgare propagandista dei genocidi imperialisti e dei loro mercenari. Aspettiamo il commento del confratello in tonaca e in ispirito Padre Zanotelli…
Fulvio

Dopo quattro anni dalla scomparsa di Padre Dall’Oglio a Raqqa, le nostre TV e i nostri giornali ricordano in modo stranamente concertato la figura del gesuita, presentato unanimemente come “uomo di pace” e sostenitore del dialogo interreligioso.

Ma chi era in realtà questo personaggio, già presente in un convento in Siria prima della guerra, e poi allontanato dal governo come persona non grata?

Chi scrive può fornire una testimonianza diretta di chi fosse realmente Dall’Oglio per averlo conosciuto personalmente e per aver sostenuto con lui un vivace confronto in un convegno pubblico tenuto a Roma all’inizio della crisi in Siria. 

Il convegno, in cui Dall’Oglio era il principale relatore, era sostanzialmente un’iniziativa a sostegno della ribellione armata iniziata in Siria nel 2011 con il decisivo appoggio esterno di USA, Arabia Saudita, Turchia, Qatar, Israele, ed altri paesi della NATO e monarchie del Golfo Arabico.

Dall’Oglio sosteneva apertamente che i combattenti estremisti sunniti, sostenuti dalle potenze esterne, erano delle brave persone, pieni di patriottismo e senso della giustizia, “PARAGONABILI AI NOSTRI PARTIGIANI CHE SI BATTEVANO CONTRO I NAZISTI”.

Il governo laico del Baath era un “guscio vuoto” che aveva fallito nelle sue politiche riformatrici, compresa la riforma agraria. Non era vero che la comunità cristiana siriana, attaccata dagli estremisti sunniti wahabiti, fosse dalla parte del governo che la proteggeva.

Per nulla impressionato dalle obiezioni poste dal sottoscritto e da altri presenti, Dall’Oglio ha poi continuato a fare dichiarazioni a favore dei cosiddetti “ribelli”, sempre più esaltate, in numerosi convegni in Italia ed in altri paesi anche extraeuropei (se ben ricordo, anche in USA e Canada).

Successivamente il padre gesuita ha raggiunto clandestinamente le zone della Siria orientale occupate dalle bande armate, recandosi a Raqqa, già allora capitale della cosiddetta “ribellione”occupata da varie bande jihadiste che poi sarebbero confluite nello Stato Islamico .

Il telegiornale delle 8,30 di RAI 2 di stasera, 29 luglio 2017, lo ha mostrato in una rara immagine di repertorio, mentre arringa a Raqqa, con espressione esaltata una folla di jihadisti esultanti con le parole. “RAQQA E’ LIBERA E LIBERATA, IN ATTESA DELLA LIBERAZIONE DI DAMASCO”.

Subito dopo dall’Oglio è scomparso, molto probabilmente vittima delle sue illusioni e di qualcuno di quegli stessi gruppi armati che il padre gesuita paragonava incautamente ai nostri partigiani antifascisti. E’ difficile che sia ancora vivo e prigioniero, visto che di lui non si è saputo più nulla.

Da alcune parti non è stata nemmeno esclusa la possibilità (spero non vera) che abbia finito col perdere completamente la testa cambiato identità e si sia unito ai jihadisti.

Il modo con cui i nostri mass media parlano di Dall’Oglio è un’ulteriore dimostrazione della gigantesca manipolazione con cui vengono trattate le vicende della Siria (e ancor prima quelle della Libia, della Jugoslavia, o dell’Iraq, o oggi del Venezuela), quando gli aggrediti diventano aggressori, gli aggressori diventano “liberatori”, le sostenitrici dei jihadisti (come le sciagurate Greta e Vanessa) diventano “cooperanti”, i governi nazionali che cercano di difendere l’indipendenza e l’unità dei paesi sotto attacco diventano “dittature”.

I nostri governanti e la maggior parte dei giornalisti, pubblicisti, commentatori che li sostengono ormai non sanno altro che raccontarci favole e dire bugie.

Roma, 29.07.2017                  Vincenzo Brandi

LA SCOMPARSA DI PADRE DALL’OGLIO: MA CHI ERA VERAMENTE IL GESUITA CHE ESALTAVA LA “LIBERAZIONE” DI RAQQA?ultima modifica: 2017-07-30T08:42:29+00:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *