MACRON, HAFTAR E I GOVERNICOLI ITALIOTI – L’ASSASSINO? PER “MANIFESTO” E NEOCON SEMPRE E COMUNQUE AL SISI!

http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2017/07/fottere-egitto-e-libia-lassassino-per.html

MONDOCANE

VENERDÌ 28 LUGLIO 2017

Macron inizia a sistemare le cose per Total e ai danni di ENI riunendo al tè delle cinque,  con intelligenza pari all’ottusità del governo italiano, il farlocco bottegaio Serraj (fantoccio ONU e Usa, ma soprattutto dei tagliagole di Misurata) e il generale Haftar, a capo, non di una milizia di qualche signore della guerra, ma  dell’ Esercito Nazionale Libero, forza armata dell’unico parlamento democraticamente eletto (Tobruk), padrone ormai di tre quarti della Libia e del suo petrolio. Appoggiato dall’Egitto e dalla Russia. Il che ai francesi sta bene. E starebbe bene pure all’ENI, dunque all’Italia. E neanche Trump pare aver niente da ridire. Ma Roma, sotto pressione della criminalità politica organizzata statunitense e dei suoi tentacoli sinistro-imperialisti (tipo il manifesto), Haftar, amico di Al Sisi, di Putin e riabilitatore di Saif Al Islam Gheddafi, non lo toccherebbe neanche con una pertica.

Infatti hanno molto da ridire i neocon, impegnati a rastrellare tutto quello che serve all’espansione dell’Impero e all’attacco finale alla Russia e che vedono rosso appena qualcuno rifiuta il reclutamento. Di conseguenza sta malissimo a “il manifesto”, gazzetta locale dello Stato Profondo Usa (CIA-Wall Street-Pentagono-lobby talmudista) che delle nefandezze, infamie, obbrobri, nequizie, da attribuire al presidente egiziano Al Sisi ha fatto crocevia di tutta la sua informazione internazionale. L’organo che del rapinatore della sovranità, libertà e benessere dei popoli, George Soros, con la direttrice  Rangeri s’è fatto sempre più spudoratamente palo e poi, a esito felice delle sue mosse (vedi trafficanti Ong),  celebratore, sfida per potenza di comicità e culto del nonsense un Plauto, o un Petrolini, quando insiste a mantenere, per quanto ridotto a dimensioni di deiezione di mosca, il titoletto False Flag “quotidiano comunista”.

Ne parlo tanto, del “manifesto”, perché ho sempre pensato e constatato che, mentre il vero nemico ti si squaderna di fronte sputandoti o sparandoti, il finto amico tiene una lametta nella pacca sulla spalla. Ho un ricordo personale. Anni ’90, Norma Rangeri critica televisiva, io inviato di ambiente al TG3. Illustro, con il dovuto raccapriccio e l’indispensabile violenza delle immagini, le malegrazie dei cosmetici che accecano conigli per testare colliri o mascara, o il sadismo dei collaudatori di automobili che schiacciano scimmie tra morsetti d’acciaio per vedere a che punto la pressione ne sbriciola il cranio. La Rangeri censura, deprecando il turbamento che nelle anime sensibili (tipo quelle del “manifesto”) “quella macelleria” del cronista esibizionista potrebbe causare. Le multinazionali farmaceutiche e i vivisezionisti ringraziano. Se ne potevano capire le priorità fin da allora.

Inserendo la sua vocina bianca nel coro tonitruante dei MSM (mainstream media) che vanno a molla, molla caricata dallo Stato Profondo, il “manifesto” non sbaglia una nota quando si tratta di satanizzare i cinesi e santificare i Cia-friendly Uiguri., di comprendere benevolmente la presenza militare Usa quando si oppone al burka dei Taliban, di accreditare come inconfutabile ogni attribuzione di attentati False Flag a Isis, Al Qaida, o “lupi solitari”, di onorare monarchi assoluti come il papa, o il Dalai Lama al soldo della Cia, e di condividere il disgusto per “dittatori” eletti dal popolo in paesi dalla sanità, istruzione, casa, lavoro per tutti e dalle donne più libere delle mercenarie curde degli Usa. Tipi come Milosevic, Saddam, Gheddafi, Assad…

In Egitto, nel 2013, l’insurrezione di decine di milioni di egiziani laici cacciò dal trono Mohamed Morsi,  un ultrà islamista eletto del 17% della popolazione, fiduciario dei britannici padrini dei Fratelli Musulmani, instauratore della sharìa e massacratore di operai e copti. Subita la sconfitta. il braccio armato della Fratellanza ha instaurato un regno del terrore, con la successione di attentati e stragi ai danni di civili comuni, cristiani copti, forze della sicurezza, soldati di leva, finalizzato alla distruzione economica del paese, anche attraverso il sabotaggio del turismo, cruciale voce del  bilancio nazionale. Ma di questa campagna terroristica, che annega il paese in laghi di sangue e rende quelle in Europa, o in altri paesi in cui l’imperialismo agita questa sua arma, modeste turbative del quieto vivere, al “manifesto” poco cale.

Moltissimo, da apertura in prima e paginoni interni, gliene cale, invece, di Tharwat Samah, diciannovenne egiziano trovato morto e torturato il 24 luglio nella periferia nord del Cairo. Non se ne sa nulla. Non era un dissidente, non sembra facesse politica, insomma per il momento un Carneade. Tuttavia, né al “manifesto”, né ai suoi referenti nelle Ong dei “diritti umani” cari a Soros che, da Amnesty ai fiduciari locali della “società civile,” si avventano sul corpo straziato del ragazzo, sfugge l’occasione per rinnovare l’aassalto ad Abdel Fatah Al Sisi. Colui che protegge Haftar, non partecipa alla crociata contro la Siria, balla il valzer con russi e cinesi, detiene tanto gas assieme all’ENI, da mettere in crisi le Sette Sorelle e, soprattutto, l’emergente potenza gasifera di Israele.

Uno come lui non può ricevere in carico da Amnesty e affini, “manifesto” mosca cocchiera, che migliaia di prigionieri politici, carceri della tortura, sparizioni come fosse il Messico, repressione tra le cui maglie i pur vivi e prosperi giornali e siti d’opposizione, contigui a Soros e al “manifesto”, sudano a farsi strada, poveretti.

E così la deontologia marca “manifesto” permette di urlare, a 24 ore dal ritrovamento e a indagine neppure avviata, TORTURATO A MORTE IN EGITTO, “THARWAT UCCISO COME GIULIO”.

Vi rendete conto? Non ne sanno una cippa, ma ti vogliono far rabbrividire – e convincere – dalle “coincidenze”. Regeni giovane? Tharwat giovane. Regeni trovato in periferia? Tharwat trovato in periferia. Regeni torturato? Tharwat torturato. Prima ipotesi: lesioni da incidente stradale? Uguale.  Poi, stesso distretto e, dunque, stesso procuratore. Ma soprattutto, stesso presidente! E di Al Sisi si sa: non fa colazione se non dopo aver firmato un centinaio di ordini di arresto, tortura, esecuzione.

A queste balle sesquipedali, il giornale, talmente ossessionato da Al Sisi da avergli dedicato più spazio di contumelie e fantasie di quelle dedicate  dagli storiografi dell’establishment cristiano, altrettanto immaginifici, a Caligola, aggiunge poi una scheda di scelleratezze del reprobo golpista tanto agghiaccianti quanto del tutto prive di verifica, di fonti attendibili, di documenti. Se per verifica non s’intendono gli agitporp dei crimini  Usa contro l’umanità, come Amnesty, quando ci raccontano di 13milla anonimi strangolati nelle carceri di Assad. O come Save the children quando giura che Gheddafi forniva viagra ai soldati perché stuprassero bimbetti. O come Medici Senza Frontiere, gli “eroi” dei salvataggi telefonati, quando dicono che Assad si accanisce sugli ospedali di Aleppo, poi risultanti inesistenti o integri.

Il “manifesto” insiste sulle similitudini tra il caso Tharwat Sameh e il caso Regeni. Dato che esso le basa su un costrutto di fuffa  degno di Eta Beta, noi vogliamo suggerirgliene una, di similitudini, con qualche addentellato alla realtà. Voi, “manifesto” e turba sinistro-imperialista, avete voluto fare di Giulio Regeni una vittima della repressione di Al Sisi (nel momento in cui Roma e Il Cairo trattavano grossi affari di mutuo interesse, del tutto invisi a Israele, Usa e relative periferie) e così ne avete dovuto coprire il retroterra oscuro di collaboratore, nell’agenzia di spionaggio “Oxford Analytica”,  di pendagli da forca angloamericani come John Negroponte e Colin McColl. Cosa pubblicata sui maggiori quotidiani italiani e su cui famiglia, “manifesto” e Luigi Manconi hanno sempre steso veli necessariamente complici. Figuriamoci se “il manifesto” gli ha mai chiesto perché.

Ora, in condizioni analoghe a quelle del ricercatore di Cambridge (e su cui l’università di Cambridge, non disposta a imbarazzare i servizi segreti di cui è tradizionale culla, ha mantenuto il riserbo) è stato ritrovato il povero Tharwat. E, a forza di forcipi forniti dall’inventiva dei fabbricatori di fake news imperiali, i soliti cantori ne hanno estratto “coincidenze” e invenzioni per rilanciare il sempre più sbrindellato teorema del Regeni ucciso dal regime perché amico di sindacalisti critici e conseguentemente sparare  l’ennesimo siluro ad Al Sisi, all’Egitto, ai suoi partner e al ruolo che al più grande paese arabo spetta.

Caviamo dalla nostra fantasia qualche mattoncino di Lego e proviamo a costruire anche noi il nostro arzigogolo. Quello secondo cui il caso Regeni è stato costruito dal principio alla fine, cioè alla morte, da coloro che intendevano buttare una chiave inglese tra le gambe di Al Sisi (e Italia ed ENI), prima sobillando chi si prestava a essere sobillato e, poi, a copertura dell’inviato saltata, togliendolo di mezzo, ma scaricando il cadavere sulla soglia del presidente. E Tharwat, fatto ritrovare in condizioni e circostanze che i noti coristi avrebbero gonfiato fino a farne il doppelgaenger di Regeni, pur non disponendo di mandanti come quelli di Oxford Analytica e, dunque, privo di una missione specifica, non potrebbe essere stato una seconda sbarra tra le gambe di Al Sisi e tra le ruote di un Egitto che, anche con il suo uomo vincente in Libia, Haftar, promosso a protagonista da Parigi e Mosca, torna protagonista in Nord Africa e Medioriente, scompigliando certe pianificazioni?

E’ un arzigogolo come un altro. Magari anche migliore.

Cosa non si fa per un pulpito! Anche fatiscente….

Le anime belle, i sedicenti comunisti, ex-comunisti, neocomunisti,  post-comunisti, protocomunisti, paracomunisti,  criptocomunisti, colonialcomunisti (trotzkisti), comunisti da calamaio, comunisti antimperialisti, psicocomunisti, cibercomunisti, comunisti del settimo giorno, comunisti e non- comunisti filorussi (ce ne fosse uno vero!), come si sentono a mettere la propria firma, nel “manifesto”, accanto a quella di chi così bene sostiene la vulgata dell’Impero? Quelli che trascorrono disinvolti sulla condivisione  Quelli che si sono fatti rifilare dal sempre più prospero e meno mendicante giornaletto una turbo- campagna elettorale per il mostro-fine-del-mondo Hillary. Quelli che, sorvolano disinvolti sulla condivisione nel “quotidiano comunista” della russofobia e relativa caccia alle streghe scaturita dall’immane panzana del Russiagate e rilanciata sera dopo sera dall’ineguagliabile Giovanna Botteri. Quelli che non hanno mosso ciglio sul rilancio delle bufale apri-guerra di Amnesty e HRW.

Quelli che stanno zitti, senza una riga di solidarietà alla collega-compagna Geraldina Colotti, censurata dal “manifesto” perchè racconta il pogrom Usa-fascista in Venezuela alla vigilia del voto per la Costituente. Quelli che hanno assistito compunti alla denigrazione di tutti coloro che avanzavano qualche dubbio sulla versione ufficiale dell’11/9 e poi di tutti gli eventi simili. Quelli che restano a bocca spalancate davanti all’esaltazione delle meraviglie truculente dei videogiochi Usa di sterminio e nequizie. Quelli che sono passati leggeri sopra l’inserto a 4 pagine, non pubblicitario, in cui si raccontava della gioia di maestre e bambini all’incontro con l’ENI nella Basilicata della morte che cammina col petrolio. Quelli che si felicitano di un “manifesto” tenuto finalmente in saldi piedi dalla pubblicità di Telecom, Eni, Coop, Enel, Unicredit e da altri benefattori della classe operaia. Quelli che….

MACRON, HAFTAR E I GOVERNICOLI ITALIOTI – L’ASSASSINO? PER “MANIFESTO” E NEOCON SEMPRE E COMUNQUE AL SISI!ultima modifica: 2017-07-29T15:09:51+00:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *