Quello strano incontro fra Paolo Gentiloni e George Soros, l’uomo delle ONG

soros7
ma la cara società civile moralmente superiore ama i filantropi miliardari che assassinano i popoli, per questo perseguita politicamente i cosiddetti populisti.

Roma è abituata a nascondere molti misteri dietro le belle facciate dei suoi numerosi palazzi. Uno di questi, per esempio, è l’incontro fra il premier Paolo Gentiloni e il miliardario di origini ungheresi George Soros, che in questi giorni viene più volte nominato per il suo coinvolgimento diretto ed indiretto in molte delle ONG accusate di collusioni con gli scafisti in quella dolorosa faccenda che è la tratta dei migranti. A dirla tutta, in passato George Soros è stato nominato anche per altre sinistre faccende, come il sostegno dato per esempio alle varie rivoluzioni colorate che hanno infiammato ed insanguinato dapprima l’area ex sovietica e successivamente, nella forma di “primavere arabe”, anche il Medio Oriente.
Oltre a questo, tuttavia, c’è anche il coinvolgimento di George Soros nell’economia e nella finanza italiana attraverso il Soros Found, che ha in ballo un ingente piano d’investimenti che andrebbe ad impattare su numerosi settori. Il finanziere-speculatore George Soros ha già importanti partecipazioni nell’economia italiana, per esempio in Eni, Telecom e Mediaset, oltre che in varie banche nazionali per un valore complessivo di due miliardi di euro.
I prossimi investimenti potrebbero riguardare il settore immobiliare, magari da effettuarsi nella prospettiva di una nuova ondata di crisi e d’indebolimento del paese, cosa che permetterebbe al suo fondo di portarsi a casa importanti tesori e possessi italiani a prezzo di saldo. Passata la bufera, potrebbe quindi rivendere quei patrimoni al prezzo effettivo o addirittura gonfiato, ricavandone un più che discreto guadagno.
Non è del resto una novità il fatto che Soros abbia costruito le proprie ingenti fortune proprio sulle speculazioni economiche e finanziarie, per esempio speculando anche sulla lira agli inizi degli Anni ’90. Un vizio, quello di speculare sulle valute altrui, che il miliardario d’origini ungheresi ha ripetuto anche altrove, non sempre con esiti fortunati: in Malesia, per esempio, per questo “scherzetto” è stato condannato in contumacia.
Queste sono state infatti le parole con cui il senatore di Forza Italia Lucio Malan ha commentato questo strano vertice a due: “Stupisce molto leggere che il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha ricevuto oggi il multimiliardario George Soros, al pari del presidente della Repubblica Federale Tedesca che sarà fra poco a Palazzo Chigi. George Soros fu per sua stessa ammissione il protagonista delle speculazioni che nel 1992 causarono una svalutazione della lira del 30% e la dissipazione di 40mila miliardi di lire di riserve valutarie della Banca d’Italia, oggi sostiene apertamente la più ampia immigrazione verso l’Italia, propugna e finanzia le politiche LGBT e a favore della liberalizzazione delle droghe. Sarebbe interessante sapere la ragione e il contenuto di questo colloquio, non preannunciato e non segnalato”.
Elvira Savino, deputata di Forza Italia, ha invece così reagito: “Presenterò una interrogazione al premier Gentiloni per chiedere i motivi della presenza dell’imprenditore Soros a Palazzo Chigi. Evidentemente, se è stato ricevuto nella sede ufficiale del Governo, si tratta di un impegno istituzionale ed è normale che il Parlamento ne venga informato, visto il ruolo che egli ebbe nell’attacco speculativo del 1992 contro la lira, da lui giudicato ‘una legittima operazione finanziaria’”.
Rimane dunque più che mai valida la domanda: di cosa avranno discusso esattamente Soros e Gentiloni nel loro incontro romano? Molto probabilmente dell’attuale bufera sorta sulla questione dei rapporti fra ONG e scafisti, che denuncia un loro sfruttamento non proprio disinteressato della tratta degli esseri umani. Ma, e nemmeno questo può essere escluso, dell’ambizioso piano economico che il “miliardario-filantropo” avrebbe in serbo per il nostro paese attraverso il suo danaroso Soros Found. Una cosa è certa: quando Soros è nei paraggi, il più delle volte c’è da aspettarsi qualche brutta sorpresa. Il mistero rimane e s’infittisce, nascosto dietro la splendida facciata di Palazzo Chigi.
di Filippo Bovo – 04/05/2017 Fonte: l’Opinione Pubblica
Quello strano incontro fra Paolo Gentiloni e George Soros, l’uomo delle ONGultima modifica: 2017-05-08T20:48:48+00:00da davi-luciano
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*